METTETEVI IN POSA PER LO STRIKE - GLI USA SGANCIANO 40 TONNELLATE DI BOMBE SULL'IRAQ, PER EVITARE CHE L'ISIS SI INSTALLI SULL'ISOLA DI QANUS, 175 MIGLIA DA BAGDAD. UNA DIMOSTRAZIONE DI FORZA SUBITO TWITTATA DALLE FORZE ARMATE AMERICANE - L’ATTACCO È STATO CONDOTTO PER DISTRUGGERE VEGETAZIONE, STRADE, EVENTUALI STRUTTURE CHE POTREBBERO ESSERE USATE DAL NEMICO

-

Condividi questo articolo

 

Guido Olimpio per www.corriere.it

 

bombe usa sull iraq bombe usa sull iraq

Uno strike multiplo per impedire all’Isis di insediarsi sull’isola di Qanus, a 175 miglia a nord ovest di Bagdad. Lanciate 40 tonnellate di bombe in sostegno ad un reparto iracheno. Tutto corredato da foto e video del Comando centrale statunitense. Un evidente show di potenza, anche se non sono note le conseguenze reali del raid.

 

 

 

L’operazione ha coinvolto F15 e F35 americani basati ad al Dhafra, negli Emirati Arabi Uniti. La formazione ha preso di mira un settore dove si temeva l’infiltrazione di combattenti del Califfato: per gli esperti sono state usate bombe JDAM (guidate da GPS). L’attacco è stato condotto per distruggere vegetazione, strade, eventuali strutture che potrebbero essere usate dal nemico. Secondo le fonti ufficiali l’incursione si è svolta in coordinamento con l’attività di un battaglione di Special Forces irachene, alla quali spetta il compito di «ripulitura» e contrasto.

bombe americane sull isis in iraq bombe americane sull isis in iraq

 

Missioni come queste hanno un valore tattico – sempre che conseguano gli obiettivi prefissati – ma anche «politico». E’ un modo per rispondere alla minaccia sempre presente del Califfato. I report segnalano, infatti, come i guerriglieri jihadisti continuino con imboscate e colpi di mano in diverse regioni del paese.

donald trump visita la base militare al asad in iraq 8 donald trump visita la base militare al asad in iraq 8 bombe americane sull isis in iraq bombe americane sull isis in iraq

 

Condividi questo articolo

politica

AVERE LA FACCIA COME IL CONTE CASALINO - A FURIA DI SENTIRLO RIPETERE A RETI ED EDICOLE UNIFICATE CHE “LA DELEGA AI SERVIZI È RESPONSABILITÀ DEL PREMIER”, PENSAVAMO CHE IL CAZZARO CON LA POCHETTE, MAI E POI MAI AVREBBE CEDUTO ALLA RICHIESTA DI RENZI E PD DI MOLLARE LA DELEGA. INVECE OGGI SIAMO A BENASSI – UN BEL “MA MI FACCIA IL PIACERE!’’ SE LO MERITA ANCHE TRAVAGLIO: "QUELLA SUI SERVIZI È STATA L’ENNESIMA TEMPESTA NEL BICCHIERE D’ACQUA, UN’ALTRA SCUSA DEI RENZIANI" - PAZIENZA, RAGAZZI, DÀI: PENSAVATE FOSSE UNA PASSEGGIATA, INVECE ERA UNA VIA TRUCIS

SE VOLETE CAPIRE L’ASTIO DI RENZI PER CONTE, BISOGNA FARE UN SALTO NEL TEMPO, AL PRIMO PRANZO TRA I DUE. A META’ DEL 2013, AL RISTORANTE “SANLORENZO”, SI RITROVARONO A TAVOLA RENZI, BOSCHI, CONTE E GUIDO ALPA - ERA LA FASE D’ORO DEL “ROTTAMATORE” E TUTTI VOLEVANO CONOSCERLO, COMPRESO ALPA, CHE A MAGGIO 2014 VIENE NOMINATO CONSIGLIERE DI LEONARDO-FINMECCANICA - ANNI DOPO, RENZI AVREBBE CHIESTO PIÙ VOLTE ALLA BOSCHI DI VEDERE I MESSAGGINI SCAMBIATI CON CONTE, QUANDO ERA SOLO UN PROFESSORE DI DIRITTO. MATTEUCCIO SPERAVA FORSE DI TROVARE IN QUEGLI SMS UNA TRACCIA DI QUALCHE…

“LA RIFORMA PIÙ URGENTE DEL PAESE È QUELLA RELATIVA ALLA RIAPERTURA DEI MANICOMI” - VINCENZO DE LUCA PUNTA IL LANCIAFIAMME  SU PALAZZO MADAMA: “AL SENATO C’ERANO DEI SALTIMBANCHI, DEGLI ACROBATI, DUE GIOVANOTTI CHE SONO ANDATI A FARSI UN GIRO PER ROMA E POI SONO TORNATI A VOTARE ALLO SCADERE DEI TERMINI. LA PRESIDENTE CASELLATI HA DICHIARATO CHIUSE LE VOTAZIONI, POI SOCCHIUSE, POI RIAPERTE. UNO SPETTACOLO MERAVIGLIOSO, SE CI CONFRONTIAMO CON IL CIRQUE DU SOLEIL SIAMO VINCITORI”

POETESSA DEI MIEI STIVALI (FIRMATI) – PERCHÉ HANNO CHIAMATO AMANDA GORMAN ALL’INAUGURAZIONE DI BIDEN? PERCHÉ HA IL CAPPOTTO PRADA, È GIOVANE, BELLA, NERA, FEMMINISTA, FORSE NON ETEROSESSUALE, RAZZISTA AL CONTRARIO E SCRIVE DA CANI? NON ERA PIÙ DEMOCRAT ESTRARRE A SORTE UNA SCOLARA PER LEGGERE UNA POESIA (TANTO UNO VALE UNO)? – PER NATALIA ASPESI, IL FATTO CHE GORMAN SIA “IMPROVVISAMENTE PASSATA DA CENTOMILA A UN MILIONE DI FOLLOWER” NON TESTIMONIA L’IGNORANZA E IL CONFORMISMO DEI SOCIAL BENSÌ “LA FAME DI CULTURA” - VIDEO + GALLERY MODAIOLA DELLE SUE STORIES