METTI LA RAGGI IN FREEZER – GIUSEPPE CONTE STOPPA LA CANDIDATURA ALLE EUROPEE DELL’EX SINDACA DI ROMA: UFFICIALMENTE, PER VIA DELLE REGOLE SUL TERZO MANDATO, MA IN VERITÀ PER EVITARE CHE “VIRGY”, CHE PUÒ CONTARE SU 1 MILIONE DI FOLLOWER E 200MILA VOTI, POTESSE METTERE IN OMBRA LA STELLA DI PEPPINIELLO – LEI SGOMITA, E DOPO LA DELUSIONE PER REGIONALI E POLITICHE, POTREBBE GETTARE IL CUORE OLTRE L’OSTACOLO E ABBRACCIARE LA CAUSA DI ALESSANDRO DI BATTISTA (AUGURI)

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Lorenzo D’Albergo per www.repubblica.it

 

virginia raggi giuseppe conte virginia raggi giuseppe conte

C’è stato un momento in cui Virginia Raggi ha creduto che fosse davvero possibile. Lasciare il Campidoglio […] per sognare in grande. C’è stata una fase in cui la traiettoria politica dell’ex prima cittadina grillina sembrava destinata a incrociarsi di nuovo con quella del Movimento 5 Stelle. Poi le occasioni sono sfumate. Maledicendo il limite del secondo mandato, Raggi ha mancato l’appuntamento con le Regionali e le Politiche. E ora quello con le Europee.

 

No, Virginia no. Così ha deciso Giuseppe Conte, che non ha voluto sentire storie. E ha fatto una scelta precisa, ponderata. […] a chi gli ripeteva che l’uscita dal Campidoglio dell’ex sindaca avrebbe favorito un accordo tutto capitolino tra i 5S e il Pd del ministro dell’Economia del governo giallorosso, Roberto Gualtieri, ha opposto un secco “no”.

 

VIRGINIA RAGGI GIUSEPPE CONTE VIRGINIA RAGGI GIUSEPPE CONTE

Il regolamento del Movimento per le candidature a Bruxelles ha fatto il resto: Raggi è consigliera comunale, potrebbe correre. Ma i bizantinismi pentastellati le ricordano che è al terzo mandato […]. Troppi. E, pure se la diretta interessata volesse dare un’interpretazione diversa alle regole, si ritroverebbe nell’imbarazzante situazione di doversi autogiudicare: Raggi è uno dei tre membri di garanzia del M5S con Roberto Fico e Laura Bottici.

 

Insomma, l’impresa va rimandata ancora una volta. Per l’infelicità di tutti. […] Tutti scontenti, perché Conte non ha voluto sentire ragioni: meglio così che trovarsi un’europarlamentare pericolosa. «Virginia ha 200 mila voti e un milione di follower», ripetono i 5S. Numeri che, più che scaldare l’ex premier, devono avergli confermato che lanciare la scalata di Raggi al Movimento concedendole uno scranno in Europa sarebbe stato un autogol.

 

ALESSANDRO DI BATTISTA VIRGINIA RAGGI PH LAPRESSE ALESSANDRO DI BATTISTA VIRGINIA RAGGI PH LAPRESSE

E dire che i due si conoscono da una vita, da quando lei era una matricola alla Facoltà di Giurisprudenza di Roma Tre e lui, da assistente, la teneva a battesimo al primo esame di Diritto privato.

 

Destini incrociati, oggi finiti su binari paralleli. I due si guardano a distanza. Studiano le rispettive mosse. Parte del Movimento crede che dopo la terza delusione Raggi possa abbracciare la causa di Alessandro Di Battista, che più di una volta si è speso pubblicamente per l’ex sindaca. Altri che Raggi incasserà anche questo colpo con il sorriso (di circostanza) di chi ha appena perso l’ultimo volo per Bruxelles.

giuseppe conte giuseppe conte alessandro di battista virginia raggi 1 alessandro di battista virginia raggi 1 DI BATTISTA CONTE DI BATTISTA CONTE virginia raggi giuseppe conte virginia raggi giuseppe conte

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ALLA VIGILIA DEL DERBY CHE FORSE CONSEGNERÀ ALL’INTER LA SECONDA STELLA IN FACCIA AI TIFOSI DEL MILAN, GIUSEPPE MAROTTA METTE A SEGNO UN ALTRO COLPO: OTTIENE DA PIMCO UN FINANZIAMENTO DA 400 MILIONI PER RIPAGARE IL DEBITO CON OAKTREE, DANDO FIATO AL SUO AZIONISTA-FANTOCCIO ZHANG – INVECE GERRY CARDINALE VINCE LO SCUDETTO DEL BILANCIO, CHE IN UNA NAZIONE DOVE COMANDANO I FURBETTI, SA TANTO DELLA COPPA DEL NONNO – OGGI AL “SOLE 24 ORE”, CARDINALE RIPETE DI NON AVER BISOGNO DI SOCI PER IL MILAN. INTANTO HA FATTO SCADERE L’ESCLUSIVA CON GLI ARABI DI PIF, CHE AVREBBERO PORTATO 550 MILIONI E ANTONIO CONTE IN OMAGGIO…

DAGOREPORT - UN PUCCINI ALL’IMPROVVISO! – SCOOP! UN BRANO INEDITO DI GIACOMO PUCCINI SARA’ ESEGUITO PER LA PRIMA VOLTA AL LUCCA CLASSICA MUSIC FESTIVAL, IL PROSSIMO 28 APRILE – COMPOSTO NEL 1877 DA UN GIOVANE PUCCINI, S’INTITOLA “I FIGLI DELL’ITALIA BELLA – CESSATO IL SUO DELL’ARMI”: ERA RIMASTO A LUNGO “NASCOSTO”, POI DISPONIBILE SOLO IN FORMA INCOMPIUTA E, INFINE, RIPORTATO ALLA LUCE NELLA SUA INTEGRITA’ GRAZIE AL CENTRO STUDI PUCCINI – IL MISTERO DIETRO ALLA PARTITURA E I DIRITTI ACQUISITI ORA DAL CONSERVATORIO “LUIGI BOCCHERINI” DI LUCCA...

DAGOREPORT – IL DIAVOLO TRA DUE FUOCHI. IL MATRIMONIO TRA LOPETEGUI E IL MILAN È A UN PASSO. L’ACCORDO ECONOMICO È STATO TROVATO. MA PER L’ARRIVO DEL BASCO AL POSTO DI STEFANO PIOLI MANCA L'OK DI IBRAHIMOVIC, NOMINATO DA CARDINALE SUO PLENIPOTENZIARIO NEL CLUB – ZLATAN SPINGE PER ANTONIO CONTE, SOLUZIONE PIÙ GRADITA ALLA PIAZZA, IN CERCA DI UN MISTER CON GLI ATTRIBUTI (E LOPETEGUI IN SPAGNA È DETTO “EL CAGON”…) – RIUSCIRÀ IBRA A CONVINCERE LA SOCIETÀ A PUNTARE SU UN TECNICO DALLA PERSONALITÀ STRARIPANTE E MOLTO COSTOSO?

MADONNA? EVITA-LA! – QUELLA VOLTA CHE MADONNA VENNE A ROMA PER LA PRIMA DI “EVITA’’ E SI INCAZZÒ FACENDO ASPETTARE IL PUBBLICO PER UN’ORA E MEZZO - IL PATTO ERA CHE SUA FIGLIA, LOURDES, VENISSE BATTEZZATA NEGLI STESSI GIORNI DAL PAPA ALLA PRESENZA DEL PADRE, CHE SI CHIAMAVA JESUS - IL PRODUTTORE VITTORIO CECCHI GORI CONOSCEVA UN CARDINALE: “PRONTO, AVREI MADONNA, L’ATTRICE, CHE VORREBBE BATTEZZARE LA FIGLIA, LOURDES, COL PADRE, JESUS… E SE FOSSE DISPONIBILE IL PAPA…” – VIDEO

DAGOREPORT - CON AMADEUS, DISCOVERY RISCHIA: NON È UN PERSONAGGIO-FORMAT ALLA STREGUA DI CROZZA E FAZIO. È SOLO UN BRAVISSIMO CONDUTTORE MA SENZA UN FORMAT FORTE CHE L’ACCOMPAGNI, SARÀ DURISSIMA FAR DIGITARE IL TASTO 9. NELLA TV DI OGGI I PRODUTTORI DI CONTENUTI VENDONO CHIAVI IN MANO IL PACCHETTO FORMAT+CONDUTTORE ALLE EMITTENTI - ALLA CRESCITA DI DISCOVERY ITALIA, NEL 2025 SEGUIRA' ''MAX'', LA PIATTAFORMA STREAMING DI WARNER BROS-HBO CHE PORTERÀ A UNA RIVOLUZIONE DEL MERCATO, A PARTIRE DALLA TORTA PUBBLICITARIA. E LE RIPERCUSSIONI RIMBALZERANNO SUI DIVIDENDI DI MEDIASET E LA7 - A DIFFERENZA DI RAI E IN PARTE DI MEDIASET, DISCOVERY HA UNA STRUTTURA SNELLA, SENZA STUDI DI REGISTRAZIONE, SENZA OBBLIGHI DI ASSUNZIONI CLIENTELARI NÉ DI FAR TALK POLITICI - LIBERI DI FARE UN CANALE5 PIÙ GIOVANE E UN’ITALIA1 PIÙ MODERNA, IL PROSSIMO 9 GIUGNO DOVRANNO DECIDERE SE FARE O MENO UNO SPAZIO INFORMATIVO. NEL CASO IN CUI PREVARRA' IL SÌ, SARÀ UN TG MOLTO LEGGERO, UNA SORTA DI ANSA ILLUSTRATA (E QUI RICICCIA L'OPZIONE ENRICO MENTANA)