NEL MOMENTO DI MASSIMA TENSIONE CON LA GERMANIA SUI MIGRANTI, L’ITALIA TRATTA CON I TEDESCHI PER FARE AFFARI – SECONDO “REUTERS”, IL GOVERNO È IN TRATTATIVA CON IL LAND DELLA BAVIERA PER POSSIBILI FORNITURE DI GAS E IDROGENO, CHE SI INQUADREREBBERO NEL “PIANO MATTEI” BY MELONI – CURIOSA COINCIDENZA: PROPRIO IN QUESTI GIORNI, LA DUCETTA E SALVINI HANNO STREPITATO CONTRO OLAF SCHOLZ PER I FINANZIAMENTI ALLE ONG…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Angelo Amante e Francesca Landini per "Reuters"

 

GIORGIA MELONI E OLAF SCHOLZ GIORGIA MELONI E OLAF SCHOLZ

L'Italia è in trattative preliminari con il governo della Baviera per possibili forniture di gas e idrogeno al Land tedesco, e punta a vendere energia anche all'Austria e all'Ungheria.

 

Lo hanno riferito a Reuters quattro fonti industriali e politiche italiane e tedesche.

 

Il governo Meloni ha proposto un piano, denominato "Piano Mattei", per trasformare l'Italia in un hub energetico tra Europa e Africa, sfruttando la domanda dei Paesi vicini che cercano di ridurre la propria dipendenza dal gas russo.

 

DONA IL GAS ALLA PATRIA - LA FIAMMA DI GIORGIA MELONI BY STAINO DONA IL GAS ALLA PATRIA - LA FIAMMA DI GIORGIA MELONI BY STAINO

Eni, maggior importatore italiano di gas naturale, ha contrastato la diminuzione delle forniture russe trasportando volumi crescenti dall'Africa, dove ha stabilito la propria presenza ormai da decenni. Eni e altri operatori italiani prevedono ora di aumentare le vendite del gas in eccesso.

 

"Austria, Baviera, anche Ungheria…..", ha detto a Reuters il ministro italiano dell'Energia Gilberto Pichetto Fratin, alla domanda sui clienti che l'Italia potrebbe servire attraverso la Linea Adriatica, un gasdotto che Snam SRG.MI intende costruire entro il 2027.

 

Il progetto dovrebbe aumentare la capacità di trasporto del gas dall'Italia meridionale a circa 10 miliardi di metri cubi all'anno in quattro anni, aumentando potenzialmente i ricavi di Snam.

GILBERTO PICHETTO FRATIN COMMOSSO AL GIFFONI FILM FESTIVAL GILBERTO PICHETTO FRATIN COMMOSSO AL GIFFONI FILM FESTIVAL

 

Questo linea adriatica consentirà a Eni ENI.MI e ad altri operatori di trasportare oltre le Alpi una maggiore quantità di gas estratto in Africa, espandendo i mercati del combustibile.

 

Snam investirà 2,5 miliardi di euro nella linea adriatica, che contribuirà anche alla creazione della rete SoutH2 prevista per portare l'idrogeno dall'Africa al Nord Europa a partire dal 2030.

 

Roma ha richiesto circa 400 milioni di euro di finanziamenti dell'Unione europea per il progetto, nell'ambito dell'iniziativa RepowerEU, per garantire la sicurezza energetica e accelerare la transizione verde.

 

CLAUDIO DESCALZI E GIORGIA MELONI CLAUDIO DESCALZI E GIORGIA MELONI

Alla domanda di Reuters sulla possibilità di ricevere forniture di gas dall'Europa meridionale, comprese Italia e Croazia, un portavoce del governo regionale bavarese ha risposto che: "Stiamo cogliendo ogni opportunità per portare in Baviera una quantità sufficiente di gas e idrogeno da tutte le direzioni, compreso il sud".

 

Il portavoce ha detto che la regione è a conoscenza dei piani elaborati dai gestori delle reti del gas - che includono anche Snam - per convertire i gasdotti esistenti in modo che anche l'idrogeno possa fluire dal Nord Africa attraverso l'Italia e l'Austria fino alla Baviera. "Il governo bavarese è al corrente dei colloqui in corso a livello federale.

 

La Baviera sta contribuendo all'ulteriore processo di pianificazione - anche in coordinamento con gli operatori di rete - e rimane in stretto contatto con i politici e le aziende dei Paesi coinvolti", ha commentato il portavoce a Reuters.

 

Markus Kerber Markus Kerber

Markus Kerber, chief strategist del partito di centro-destra tedesco Cdu ed ex segretario di Stato per il ministero degli Interni, ha detto che la Baviera desidera stringere accordi per aumentare la propria sicurezza energetica.

 

"La Germania sta organizzando terminali di gas naturale liquefatto e altre soluzioni nel nord, ma non è possibile escludere ritardi o blocchi delle infrastrutture... Questo è il motivo per cui gli Stati federali meridionali della Germania vogliono un 'piano B' per essere sicuri", ha detto Kerber, ex amministratore delegato della lobby imprenditoriale tedesca Bdi.

 

Una fonte industriale ha riferito a Reuters che Snam ha avuto colloqui con la Baviera per rendere la rete adatta al trasporto dell'idrogeno. Il governo bavarese ha annunciato che sta spingendo sul governo federale tedesco per sostenere tali progetti. […]

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT – DOPO LE EUROPEE, NULLA SARÀ COME PRIMA! LA LEGA VANNACCIZZATA FA PARTIRE IL PROCESSO A SALVINI: GOVERNATORI E CAPIGRUPPO ESCONO ALLO SCOPERTO E CHIEDONO LA DATA DEL CONGRESSO – CARFAGNA E GELMINI VOGLIONO TORNARE ALL’OVILE DI FORZA ITALIA MA TAJANI DICE NO – CALENDA VORREBBE TORNARE NEL CAMPO LARGO, MA ORMAI SI È BRUCIATO (COME RENZI) – A ELLY NON VA GIÙ RUTELLI: MA LA VITTORIA DEL PD È MERITO DEI RIFORMISTI DECARO,BONACCINI, GORI, RICCI, CHE ORA CONTERANNO DI PIÙ – CONTE NON SI DIMETTE MA PATUANELLI VUOLE ACCOMPAGNARLO ALL’USCITA