LA MONNEZZA DI ROMA FA SBOTTARE ANCHE IL PAPA - DURANTE LA MESSA NELLA DOMENICA DEL CORPUS DOMINI, SUL SAGRATO DELLA CHIESA DI SANTA MARIA CONSOLATRICE NEL QUARTIER ROMANO DI CASAL BERTONE, BERGOGLIO PARLA DELLA NECESSITÀ DI ESSERE GENEROSI E ALTRUISTI, «NELLA NOSTRA CITTÀ, AFFAMATA DI AMORE E DI CURA, CHE SOFFRE DI DEGRADO E ABBANDONO…”

-

Condividi questo articolo

Da “il Giornale”

 

RAGGI BERGOGLIO RAGGI BERGOGLIO

Pure il Papa ha contro. Virginia Raggi proprio non accontenta nessuno. E meno male che doveva essere un momento storico quello della sua elezione a sindaco della Capitale. Degrado e abbandono: sono le parole scelte da Papa Francesco per descrivere una realtà di Roma, durante la messa nella domenica del Corpus Domini, sul sagrato della chiesa di Santa Maria Consolatrice nel quartier romano di Casal Bertone, alla estrema periferia della capitale.

 

Il Pontefice parla della necessità di essere generosi e altruisti, «nella nostra città, affamata di amore e di cura, che soffre di degrado e abbandono, davanti a tanti anziani soli, a famiglie in difficoltà, a giovani che stentano a guadagnarsi il pane e ad alimentare i sogni». Quei sogni che il Movimento 5 Stelle non ha saputo realizzare.

 

RAGGI BERGOGLIO RAGGI BERGOGLIO

Il Signore ti dice: «Tu stesso dà loro da mangiare. E tu puoi rispondere: Ho poco, non sono capace. Non è vero, il tuo poco è tanto agli occhi di Gesù se non lo tieni per te, se lo metti in gioco». Papa Francesco durante la liturgia va dritto al punto. «È triste vedere con quanta facilità oggi si maledice, si disprezza, si insulta. Presi da troppa frenesia, non ci si contiene e si sfoga rabbia su tutto e tutti. Spesso purtroppo chi grida di più e più forte, chi è più arrabbiato sembra avere ragione e raccogliere consenso». Chi vuol capire, capisca.

RAGGI BERGOGLIO RAGGI BERGOGLIO

 

Condividi questo articolo

politica