NELLO MUSUMECI FA UN PASSO INDIETRO! – IL PRESIDENTE DELLA REGIONE SICILIA SI TIRA INDIETRO DALLA CORSA ELETTORALE: “BASTA CON QUESTO INTERMINABILE MERCATO NERO DEI NOMI. CERCATEVI UN CANDIDATO, MI RENDO CONTO DI ESSERE SCOMODO. RINGRAZIO GIORGIA MELONI E IGNAZIO LA RUSSA PER IL TENACE SOSTEGNO”. COSA GLI HANNO PROMESSO IN CAMBIO? UN POSTO DA SOTTOSEGRETARIO? “GIGIONA” ABBOZZERÀ E LASCERÀ A LEGA O FORZA ITALIA PALERMO?

-

Condividi questo articolo


GIORGIA MELONI NELLO MUSUMECI GIORGIA MELONI NELLO MUSUMECI

(ANSA) - "Basta con questo interminabile mercato nero dei nomi. Cercatevi un candidato che risponda alle vostre esigenze. Mi rendo conto di essere un presidente scomodo. Ringrazio di vero cuore Giorgia Meloni e Ignazio La Russa per il convinto e tenace sostegno datomi. Torno a fare il militante". Così il governatore della Sicilia Nello Musumeci scrive sul proprio profilo Facebook, comunicando di fatto il ritiro della sua candidatura alle regionali del 25 settembre, sostenuta da FdI, ma osteggiata dal resto dei partiti di centrodestra.

MUSUMECI SALVINI MELONI BERLUSCONI MUSUMECI SALVINI MELONI BERLUSCONI giorgia meloni nello musumeci giorgia meloni nello musumeci GIORGIA MELONI NELLO MUSUMECI GIORGIA MELONI NELLO MUSUMECI MELONI MUSUMECI MELONI MUSUMECI GIORGIA MELONI NELLO MUSUMECI GIORGIA MELONI NELLO MUSUMECI

 

Condividi questo articolo

politica

MANICOMIO ITALIA - A CHI LE CHIEDE QUANTI POTREBBERO ESSERE I "POLITICI" E QUANTI I "TECNICI", LA MELONI RISPONDE METTENDO LE MANI AVANTI: "LEGGO COSE SURREALI CHE POI DOVREI COMMENTARE, CONSIGLIEREI PRUDENZA" - TAJANI PARLA DI UN ESECUTIVO CHE SARÀ "POLITICO" ANCHE SE CI DOVESSE ESSERE "QUALCHE TECNICO" - IL PRESIDENTE DI CONFINDUSTRIA CARLO BONOMI: "NON POSSIAMO PERMETTERCI IMMAGINIFICHE FLAT TAX E PREPENSIONAMENTI” – GRILLO LANCIA UNA PROPOSTA PER 'RIVITALIZZARE' IL REDDITO DI CITTADINANZA: I 3 MILIONI CHE LO PERCEPISCONO CREINO LE "BRIGATE DI CITTADINANZA"…

“SE LA MELONI SEGUE L'ESEMPIO POLACCO L'IDEA CHE GLI AMERICANI HANNO DI LEI NON PUÒ CHE MIGLIORARE” - FEDERICO RAMPINI SI FA PORTAVOCE DEI DESIDERI DI WASHINGTON: “LA POLONIA È CONSIDERATA, TRA I MEMBRI DELL'UE, IL PAESE CHE HA CAPITO MEGLIO LA MINACCIA DELL'ESPANSIONISMO RUSSO, INVIANDO AIUTI ALL'UCRAINA E AUMENTANDO LE SPESE PER LA DIFESA - HANNO LEGGI SEVERE SUI DIRITTI CIVILI? SULL'ABORTO, IN TEXAS E IN FLORIDA ABBIAMO SITUAZIONI PIÙ SIMILI ALLA POLONIA CHE ALLA CALIFORNIA - DI FRONTE A PUTIN CHE MINACCIA DI USARE L'ARMA NUCLEARE, DOVE SONO FINITI I SEDICENTI PACIFISTI ITALIANI? SANNO MANIFESTARE SOLO CONTRO LA NATO?”

UN PIRELLONE NEL SEDERE DI SALVINI – PROSEGUE IL GRANDE GELO FONTANA-MORATTI. OGGI ERANO ATTESI TUTTI E DUE A PALAZZO LOMBARDIA PER UNA CONFERENZA STAMPA MA CIRCA UN’ORA PRIMA DELL’INIZIO, LO STAFF DELLA VICEPRESIDENTE HA AVVISATO CHE L’EX SINDACA DI MILANO NON AVREBBE POTUTO ESSERE PRESENTE – MESTIZIA VUOLE FARSI CACCIARE, FONTANA NON HA LE PALLE PER FARLO E CHIEDE L’INTERVENTO DEL CAPITONE. MA SE SALVINI LA FA FUORI DOPO LA DISFATTA ALL’ELEZIONI, PERDERA’ ANCHE LA LOMBARDIA…