DEI NANI E DELLE BALLERINE CI SONO RIMASTI SOLO I NANI, PURTROPPO – “BLITZQUOTIDIANO”: “PICCOLA GENTE. TRA I VINCITORI E I VINTI DELLE ULTIME ELEZIONI E DI QUELLE DI PRIMA E PRIMA ANCORA. I PARLAMENTARI DEL PD SI SONO AFFOLLATI INTORNO A COSPITO, CHE STA RICATTANDO LO STATO. CAPACITÀ DI LETTURA POLITICA TERRA TERRA” – “IN FRATELLI D’ITALIA IL RESPONSABILE ORGANIZZATIVO DEL PARTITO SI È SENTITO UN CATTIVISSIMO ME ANCORA E SEMPRE IN MISSIONE DEL ‘FARGLIELA VEDERE AI ROSSI’ IN UNA ETERNA GARA A CHI CE L’HA PIÙ LUNGO…”

-

Condividi questo articolo


bettino craxi silvio berlusconi primi anni 80 bettino craxi silvio berlusconi primi anni 80

Estratto dell’articolo di Lucio Fero per www.blitzquotidiano.it

 

Ai tempi ce la prendemmo con usi, costumi, look e spessore intellettuale e intellettivo del Psi di Bettino Craxi. Ai tempi dell’Assemblea nazionale che si riuniva al cinema Belsito a Roma si disse icasticamente ed efficacemente che era infarcita di “nani e ballerine”. […] Quaranta anni circa dopo il personale politico delle parti vecchie e nuove al potere e all’opposizione abbonda, trasuda, esonda di nani e ballerine.

 

alfredo cospito alfredo cospito

Parlamentari del Pd sono andati in carcere a colloquio con Cospito. Andare a verificare le condizioni di un detenuto che fa sciopero della fame è cosa lecita, anzi in qualche modo dovuta e fa, per così dire, parte del mansionario del parlamentare.

 

Ma andarci in delegazione, delegazione al massimo livello, affollarsi intorno a Cospito che sta di fatto ricattando lo Stato […] è segno di nanismo staremmo per dire professionale. Laddove la professione, in sé nobile, è la politica. Ci si sono messi in quattro del Pd, quattro dirigenti del massimo livello […] a non riuscire e capire e vedere la valenza politica di quel che facevano. Capacità di lettura politica terra terra, alzo zero. Questione di statura intellettiva e intellettuale, da alzo zero non c’è prospettiva è la visuale è desolatamente corta e piatta.

 

GIOVANNI DONZELLI E ANDREA DELMASTRO GIOVANNI DONZELLI E ANDREA DELMASTRO

In Fratelli d’Italia, […] niente meno che il responsabile (mai parola fu più generosamente elargita) organizzativo del partito […] si è sentito un cattivissimo me ancora e sempre in missione del “fargliela vedere ai rossi” in una eterna gara a chi ce l’ha più lungo: l’ego, le informazioni, il coraggio, l’ardimento.

 

[…] E quindi […] non ha saputo, come dire, tenere un cecio un bocca ed è corso alla camera dei deputati a dire: lo so, lo so!  E che aveva saputo di così “piccante” da doverlo subito riversare alla Camera soprattutto per attestare che lui è uno che sa? Informazioni riservate su come, chi e quando registra le conversazioni dei detenuti […]. L’idea che la riservatezza sia una tutela per gli interessi e la salute dello Stato è volata via troppo alta per il rampante rampollo e ruspante dirigente di Fratelli d’Italia.

 

GIOVANNI MINNIE DONZELLI - MEME BY EDOARDO BARALDI GIOVANNI MINNIE DONZELLI - MEME BY EDOARDO BARALDI

Si diceva…nani e ballerine nel ceto e personale politico nel Psi di Bettino Craxi. Ora, dopo innumerevoli prove della loro esistenza e dominanza, dopo una lunga selezione, dopo un perfezionamento e potenziamento del genere nel ceto e personale politico, ora dopo circa quaranta anni da allora, ballerine poco e niente, sono migrate altrove, anche in metafora.

 

Ma nani, cioè personale politico di bassa statura professionale, quanti ne vuoi. Tra i vincitori e i vinti delle ultime elezioni e di quelle di prima e prima ancora. Piccola gente. Col terrificante sospetto, che tende a condensarsi in consapevolezza, che siano così intellettualmente e intellettivamente nani a immagine e somiglianza e rappresentanza di tutti noi.

giovanni donzelli in versione minnie giovanni donzelli in versione minnie giovanni donzelli mima gardini 4 giovanni donzelli mima gardini 4 IL PROFUMO DELMASTRO SELVATICO - MEME BY CARLI IL PROFUMO DELMASTRO SELVATICO - MEME BY CARLI

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - RINNEGANDO LE SVASTICHELLE TEDESCHE DI AFD, MARINE LE PEN SPERAVA DI NON ESSERE PIU' DISCRIMINATA DAGLI EURO-POTERI: MA CONTRO DI LEI C’È MACRON, CHE LA DETESTA - IL TOYBOY DELL’ELISEO HA LA LEADERSHIP DELL'UNIONE EUROPEA E DARÀ LE CARTE DOPO IL 9 GIUGNO. INSIEME CON SCHOLZ E IL POLACCO TUSK NON VUOLE LE DESTRE TRA LE PALLE: UNA SCHICCHERA SULLE RECCHIE DI GIORGIA MELONI, CHE, CON LA SUA ECR, SARÀ IRRILEVANTE E DOVRA' ACCONTENTARSI, AL PARI DI LE PEN, DI UN COMMISSARIO DI SERIE B – LA FUSIONE A FREDDO TRA GLI “IDENTITARI” DI LE PEN E I “CONSERVATORI” DELLA “SÒLA GIORGIA” POTREBBE AVVENIRE, MA SOLO DOPO LE ELEZIONI EUROPEE. MA TRA LE DUE CI SONO SOLO OPPORTUNISMI 

DAGOREPORT – C’ENTRA QUALCOSA L’AZERBAIGIAN NELLA MORTE DI RAISI? NON SI SA: DI CERTO BAKU È IL PRIMO FORNITORE DI PETROLIO DI ISRAELE, GLI 007 AZERI VENGONO ADDESTRATI DAL MOSSAD E SI VOCIFERA DI BASI SEGRETE ISRAELIANE – SI AVVICINA IL DOPO KHAMENEI (84 ANNI) CHE VEDE IN LOTTA IL DI LUI FIGLIO MOJTABA CONTRO L'EREDE DELL’EX AYATOLLAH KHOMEINI – PER LA SUCCESSIONE A RAISI IN CORSA L'ULTRADESTRO GHALIBAF E IL MODERATO LARIJANI – I COLLOQUI IN OMAN TRA WASHINGTON E TEHERAN, PER LA DE-ESCALATION NEL GOLFO, CONTINUANO, IN BARBA AI PASDARAN (E A NETANYAHU)

DAGOREPORT - COM’È NATO E COME È AFFONDATO IL REDDITOMETRO - LE CASSE PUBBLICHE SONO PIU' VUOTE DEL CERVELLO DI LOLLOBRIGIDA. E QUAL È LA SOLUZIONE DEL VICEMINISTRO LEO (FDI) PER RAGGRANELLARE QUALCHE SPICCIOLO NEL PIÙ BREVE TEMPO POSSIBILE? FACILE: TARTASSARE IL CONTRIBUENTE. LA DUCETTA, CHE NON CAPISCE NULLA DI FINANZA CREATIVA, APPROVA - LA RIVOLTA DI TAJANI E SALVINI, NON INFORMATI DEL REDDITOMETRO, A POCHE SETTIMANE DAL VOTO: E LA MELONA E' COSTRETTA A RITIRARE IL DECRETO – GIORGETTI, SOLITO CEFALO IN BARILE: DICE A SALVINI DI NON SAPERE MA SOTTO SOTTO APPROVAVA LA MISURA – DAL VOTO EUROPEO AL REDDITOMETRO, LA SITUAZIONE DELLA “MAGGIORANZA COESA” È QUESTA: SALVINI CONTRO TAJANI, DA UNA PARTE. DALL'ALTRA: SALVINI E TAJANI INSIEME CONTRO LA DUCETTA...

FLASH – A CHE PUNTO È LA NOTTE UCRAINA? I MISSILONI AMERICANI STANNO PER ARRIVARE: QUANDO I RIFORNIMENTI SARANNO OPERATIVI, PARTIRÀ UNA CONTROFFENSIVA DELL’ESERCITO DI ZELENSKY, CHE DOVREBBE ALMENO ARRESTARE L’AVANZATA DEI RUSSI A KHARKIV E NEL DONBASS – LE TRATTATIVE SEGRETE PER LA TREGUA VANNO AVANTI, MA PER GLI USA SI POTRANNO CONCRETIZZARE SOLTANTO QUANDO GLI UCRAINI AVRANNO “TAMPONATO” L’OFFENSIVA DI PUTIN. QUANDO “MAD VLAD” SARÀ TORNATO UN PASSO INDIETRO, I COLLOQUI PER IL CESSATE IL FUOCO ENTRERANNO NEL VIVO…