LA NATO FA SENTIRE LA PRESENZA A PUTIN – DOPO L’INVASIONE DELL’UCRAINA DA PARTE DELLA RUSSIA, L’ALLEANZA ATLANTICA HA DECISO DI AMPLIARE LA SUA BASE MILITARE IN ROMANIA, SULLE COSTE DEL MAR NERO, RENDENDOLA LA PIÙ GRANDE IN EUROPA - I LAVORI COSTERANNO OLTRE 2,5 MILIARDI DI EURO: SARA’ GRANDE 2800 ETTARI E POTRA’ OSPITARE 10 MILA SOLDATI. ALL'INTERNO CI SARANNO HANGAR DI MANUTENZIONE, DEPOSITI DI CARBURANTE E MUNIZIONI  - LA BASE SARA' OPERATIVA DAL 2040

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Marta Serafini per www.corriere.it

 

putin biden putin biden

Un’ancora nel mare per il fianco Est della Nato. Da quando a Costanza, in Romania, sul Mar Nero, il 19 marzo sono iniziati a lavori di ampliamento di quella che diventerà la più grande base Nato d’Europa, il presidente russo Vladimir Putin è ancora più furioso.

 

Oltre 2,5 miliardi di euro, 2800 ettari, 10 mila posti per altrettanti militari (attualmente ne ha 5 mila), la base sorgerà dove ora ha sede l’aeroporto militare Mihail Kogalniceanu. Il progetto della prevede l’ampliamento dello scalo aereo di Costanza, principale città portuale romena sulle coste del Mar Nero, e la costruzione di nuove piste, hangar, aree di deposito per munizioni, carburante e materiali per la manutenzione e la riparazione, scuole, negozi, alloggi, farmacie e un ospedale. Tradotto significa un 20 per cento di grandezza in più rispetto alla base di Ramstein, in Germania, attualmente la più grande base Nato in Europa.

palazzo putin sul mar nero palazzo putin sul mar nero

 

La nuova base di Costanza dovrebbe raggiungere la piena operatività entro il 2040. Dal 1999, la base Mihail Kogalniceanu è stata utilizzata dalle truppe statunitensi: al momento vi sono dislocati militari della 101esima divisione aviotrasportata e aerei da combattimento della Nato che svolgono missioni di polizia aerea. […]

 

Nicolae Cretu, comandante della base aerea, ha spiegato a Newsweek che ci saranno «hangar di manutenzione, depositi di carburante, munizioni, attrezzature, materiale tecnico aeronautico, simulatori, strutture di rifornimento, alloggi; tutto è necessario per supportare le operazioni e le missioni di una base di questa base aerea». La Nato ha iniziato a costruire la sua rete di quattro gruppi tattici multinazionali, la Enhanced Forward Presence, nella regione baltica in seguito all’annessione della Crimea da parte della Russia nel 2014.

jet russo abbatte drone americano sul mar nero 7 jet russo abbatte drone americano sul mar nero 7

 

Dopo l’inizio dell’invasione su vasta scala nel febbraio 2022, l’alleanza ha rafforzato tali missioni e ha istituito quattro gruppi tattici aggiuntivi in Bulgaria, Ungheria, Romania e Slovacchia. La Francia è la nazione quadro per il gruppo tattico rumeno, con Belgio, Lussemburgo, Macedonia del Nord, Polonia, Portogallo e Stati Uniti che contribuiscono. Bucarest sta cercando una più stretta cooperazione con i suoi alleati della NATO – e con gli Stati Uniti in particolare – mentre il Mar Nero e il Delta del Danubio diventa un teatro di scontro sempre più teso tra Ucraina e Russia, così come tra Mosca e i suoi rivali occidentali . […]

IL MARZO NERO DELLE BANCHE EUROPEE IL MARZO NERO DELLE BANCHE EUROPEE Volodymyr Zelensky e jens Stoltenberg a Davos Volodymyr Zelensky e jens Stoltenberg a Davos jet russo abbatte drone americano sul mar nero 5 jet russo abbatte drone americano sul mar nero 5 drone ucraino abbatte una nave russa nel mar nero 3 drone ucraino abbatte una nave russa nel mar nero 3 GAME OF DRONES - BY EMILIANO CARLI GAME OF DRONES - BY EMILIANO CARLI

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – JOE BIDEN VUOLE CHE GIORGIA MELONI METTA ALL’ORDINE DEL GIORNO DEL G7 L’USO DEI BENI RUSSI CONGELATI. PER CONVINCERE LA DUCETTA HA SPEDITO A ROMA LA SUA FEDELISSIMA, GINA RAIMONDO, SEGRETARIO AL COMMERCIO – GLI AMERICANI PRETENDONO DALL’EUROPA UN'ASSUNZIONE DI RESPONSABILITÀ DOPO TUTTI I MILIARDI CHE WASHINGTON HA POMPATO A ZELENSKY. MA METTERE MANO AI BENI RUSSI È UN ENORME RISCHIO PER L’UNIONE EUROPEA: POTREBBE SPINGERE ALTRI PAESI (CINA E INDIA SU TUTTI) A RIPENSARE AI LORO INVESTIMENTI NEL VECCHIO CONTINENTE…

DAGOREPORT – PARTITI ITALIANI, PERACOTTARI D'EUROPA - L’ASTENSIONE “COLLETTIVA” SUL PATTO DI STABILITÀ È STATA DETTATA SOLO DALLA PAURA DI PERDERE CONSENSI IL 9 GIUGNO - SE LA MELONA, DOPO IL VOTO, PUNTA A IMPUGNARE UN PATTO CHE E' UN CAPPIO AL COLLO DEL SUO GOVERNO, IL PD DOVEVA COPRIRSI DAL VOTO CONTRARIO DEI 5STELLE – LA DUCETTA CONTINUA IL SUO GIOCO DELLE TRE CARTE PER CONQUISTARE UN POSTO AL SOLE A BRUXELLES. MA TRA I CONSERVATORI EUROPEI STA MONTANDO LA FRONDA PER IL CAMALEONTISMO DI "IO SO' GIORGIA", VEDI LA MANCATA DESIGNAZIONE DI UN CANDIDATO ECR ALLA COMMISSIONE (TANTO PER TENERSI LE MANINE LIBERE) – L’INCAZZATURA DI DOMBROVSKIS CON GENTILONI PER L'ASTENSIONE DEL PD (DITEGLI CHE ELLY VOLEVA VOTARE CONTRO IL PATTO)…

DAGOREPORT – GIUSEPPE CONTE VUOLE LA DIREZIONE DEL TG3 PER IL “SUO” GIUSEPPE CARBONI. IL DG RAI ROSSI NICCHIA, E PEPPINIELLO MINACCIA VENDETTA IN VIGILANZA: VI FAREMO VEDERE I SORCI VERDI – NEL PARTITO MONTA LA PROTESTA CONTRO LA SATRAPIA DEL FU AVVOCATO DEL POPOLO, CHE HA INFARCITO LE LISTE PER LE EUROPEE DI AMICHETTI - LA PRECISAZIONE DEL M5S: "RETROSCENA TOTALMENTE PRIVO DI FONDAMENTO. IN UN MOMENTO IN CUI IL SERVIZIO PUBBLICO SALE AGLI ONORI DELLE CRONACHE PER EPISODI DI CENSURA INACCETTABILI, IL MOVIMENTO 5 STELLE È IMPEGNATO NELLA PROMOZIONE DEGLI STATI GENERALI DELLA RAI..."