NAVALNY DI LACRIME - PUTIN È IMPEGNATO A BOMBARDARE L’UCRAINA MA NON DIMENTICA I NEMICI: IL TRIBUNALE DI MOSCA HA CONDANNATO ALEXEI NAVALNY PER FRODE “SU LARGA SCALA” E OLTRAGGIO ALLA CORTE - LA PROCURA HA CHIESTO 13 ANNI DI CARCERE. L’OPPOSITORE STA GIÀ SCONTANDO UNA PENA DI DUE ANNI E MEZZO IN UN CAMPO DI PRIGIONIA PERCHÉ AVREBBE VIOLATO LA LIBERTÀ VIGILATA - L’AVVELENAMENTO, LE CURE IN GERMANIA E L’ARRESTO

-

Condividi questo articolo


alexei navalny in carcere alexei navalny in carcere

Da www.open.online

 

L’agenzia di stampa Reuters scrive che il tribunale di Mosca ha condannato Alexei Navalny. Le accuse nei suoi confronti sono di frode “su larga scala” e oltraggio alla corte. La procura ha chiesto 13 anni di carcere.

 

Navalny sta già scontando una pena di due anni e mezzo in un campo di prigionia a est di Mosca perché avrebbe violato la libertà vigilata. Principale oppositore del presidente russo Vladimir Putin in patria, Navalny è stato avvelenato nel 2020 con un agente nervino mentre faceva campagna elettorale in Siberia.

 

vladimir putin vladimir putin

È stato immediatamente arrestato al suo ritorno in Russia nel gennaio 2021 dopo le cure ricevute in Germania. I collaboratori di Navalny hanno accusato intanto Putin di essere il proprietario di uno yacht ormeggiato a Marina di Carrara.

il murales dedicato ad alexi navalny cancellato a sanpietroburgo 3 il murales dedicato ad alexi navalny cancellato a sanpietroburgo 3 Navalny 4 Navalny 4 Navalny 5 Navalny 5 alexi navalny 3 alexi navalny 3 alexi navalny 2 alexi navalny 2 alexei navalny alexei navalny proteste pro navalny in russia proteste pro navalny in russia alexei navalny alexei navalny alexei navalny vladimir putin alexei navalny vladimir putin

 

 

Condividi questo articolo

politica

“QUELLO DI BERLUSCONI È UN PREAVVISO DI SFRATTO” – ENRICO LETTA PROVA A LEGGERE TRA LE RIGHE DELLA DICHIARAZIONE DEL “BANANA” SUL PRESIDENZIALISMO: “ANDIAMO ALLE ELEZIONI PERCHÉ LA DESTRA HA DECISO DI FAR CADERE DRAGHI, E ORA LA CAMPAGNA ELETTORALE COMINCIA CON LA DESTRA CHE ATTACCA IL QUIRINALE. IO PENSO SIA UN MESSAGGIO CHIARO: BERLUSCONI ERA IL CANDIDATO DEL CENTRODESTRA AL QUIRINALE A GENNAIO E QUELLA CANDIDATURA SI È FERMATA” – “MA QUESTO SPIEGA CHE SOTTO QUELL'INTESA FORMALE IL PROBLEMA POLITICO DEL CENTRODESTRA È GIGANTESCO” (E INVECE, QUELLO DEL CENTROSINISTRA…) – “CALENDA? QUELLA È UNA POLITICA FATTA DI VOLTAFACCIA E NON MI APPARTIENE”

RAGGI ULTRAVIOLETTI – L’EX SINDACA DI ROMA È ALL’ANGOLO: CONTE NON LA CANDIDERÀ ALLE POLITICHE E LEI LO CANNONEGGIA SU MANDATO DI BEPPE GRILLO – IL TIMORE DELL’ELEVATO È CHE PEPPINIELLO, UNA VOLTA ELETTI I SUOI FEDELISSIMI, SI STACCHI DAL M5S PER CREARE IL SUO PARTITO. DUNQUE CHE FARE? “VIRGY”, PREDESTINATA A PRENDERE IL TIMONE DEL MOVIMENTO, POTREBBE ASPETTARE CHE IL CIUFFO CATRAMATO DI CONTE SI BIODEGRADI. O IN ALTERNATIVA, CORRERE DA SOLA ALLE REGIONALI DEL LAZIO E…