NE VEDREMO DELLE BELLE: LA PARTITA DELLE NOMINE TERREMOTA IL PD ROMANO. GUALTIERI, FINITO A STRACCI CON BETTINI CHE HA MOLLATO IL CDA DELLA FESTA DEL CINEMA, FINGE DI NON SAPERE CHE IL VERO SINDACO DI ROMA E’ CLAUDIO MANCINI, RAS DEI DEM DE’NOANTRI IN DUPLEX CON GOFFREDONE. LA PARTITA E’ QUELLA DELL’AUDITORIUM, UNO DEGLI ULTIMI AVAMPOSTI GRILLINI. BALLA ANCHE MONDA, DIRETTORE ARTISTICO DELLA FESTA DEL CINEMA. PER L'OPERA C'È GIAMBRONE…

-

Condividi questo articolo


Lorenzo D’Albergo per la Repubblica - Roma

 

GOFFREDO BETTINI GOFFREDO BETTINI

Polemiche, presunte frizioni, lettere e precisazioni. Nella corrida delle nomine, al capitolo cultura, è bagarre. Ma spuntano anche le prime indiscrezioni: per il Teatro dell'Opera, dopo l'uscita di Carlo Fuortes in direzione Rai, si fa con sempre più convinzione il nome di Francesco Giambrone.

 

gualtieri gualtieri

Oggi sovrintendente del Teatro Massimo di Palermo, pare avere ormai in tasca un biglietto di sola andata per Roma e il Costanzi. L'altra partita su cui il sindaco Roberto Gualtieri si sta già concentrando è quella dell'Auditorium. Il tandem composto dall'amministratore delegato Daniele Pitteri e dalla presidente Claudia Mazzola secondo il Campidoglio stona.

 

claudio mancini claudio mancini

Il Parco della Musica a palazzo Senatorio è uno degli ultimi avamposti ultragrillini in città. Un feudo che risponde alla gestione dell'ex sindaca Virginia Raggi e quindi da smontare. Ne devono aver discusso a lungo Goffredo Bettini, protagonista delle ultime infuocate ore in Comune, e Salvatore Nastasi, segretario generale del ministero della Cultura. I due sono stati visti a cena all'Auditorium durante l'ultima Festa del Cinema. Saluti, riverenze e commenti sorpresi: «Qui non si vedevano da 5 anni». Infine, a proposito di red carpet, balla la posizione di Antonio Monda. Il direttore artistico della Festa del Cinema non è ancora sicuro della conferma.

Francesco Giambrone Francesco Giambrone CARLO FUORTES SALVO NASTASI GIUSEPPE CONTE MICHELA DE BIASE ROBERTO GUALTIERI CARLO FUORTES SALVO NASTASI GIUSEPPE CONTE MICHELA DE BIASE ROBERTO GUALTIERI antonio monda saluta il sindaco roberto gualtieri foto di bacco antonio monda saluta il sindaco roberto gualtieri foto di bacco giuseppe conte claudio mancini roberto gualtieri giuseppe conte claudio mancini roberto gualtieri tutti intorno a goffredone bettini tutti intorno a goffredone bettini goffredo bettini goffredo bettini orlando gualtieri festa bettini orlando gualtieri festa bettini

 

 

Condividi questo articolo

politica

PERCHÉ RENZI SI È TRASFORMATO IN UN ARIETE LANCIATO CONTRO I SERVIZI SEGRETI? - IL LEGALE DEL “PATRIOTA DI RIGNANO”, LUIGI PANELLA, GIÀ DIFENSORE DELLO 007 MARCO MANCINI SINO AL 2014, STA PROVANDO A IMBASTIRE UN PROCESSO PER LA NOSTRA INTELLIGENCE, “COLPEVOLE” DI AVER PREPENSIONATO NEL 2021 IL DIRIGENTE DEL DIS PROPRIO A CAUSA DI QUELL’INCONTRO ALL’AUTOGRILL PROBABILMENTE NON SUFFICIENTEMENTE MOTIVATO TRA UN LEADER DI PARTITO E UN CAPO REPARTO DEL DIS - PARLA L’UOMO CHE A “REPORT” HA CONFERMATO L’IDENTITÀ DI MANCINI: “LE SUE AMBIZIONI ERANO NOTE..”

“I SERVIZI ITALIANI AVEVANO OFFERTO UNA SOFFIATA ESPLOSIVA, CHE COLLEGAVA TRUMP AD ALCUNI SOSPETTI CRIMINI FINANZIARI” – PRESTO, CHIAMATE CONTE E VECCHIONE: IL “NEW YORK TIMES” RIAPRE IL CASO DELLE VISITE DI WILLIAM BARR E JOHN DURHAM A ROMA, NELLA CALDA ESTATE DEL 2019. L'ALLORA SEGRETARIO ALLA GIUSTIZIA E IL PROCURATORE CERCAVANO DETTAGLI SUL “RUSSIAGATE”, CHE TRUMP RITENEVA FOSSE PARTITO DALL’ITALIA (REMEMBER MIFSUD?). INVECE, DAI SERVIZI ITALIANI AVREBBERO RICEVUTO "SOFFIATE" PER SALVARE DA EVENTUALI REATI IL LORO DONALD, QUELLO CHE CHIAMAVA CONTE "GIUSEPPI" AUGURANDOGLI DI RESTARE A PALAZZO CHIGI...

FERMI TUTTI: IL PROGRESSISTA MICHELE SERRA È D’ACCORDO CON IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA NORDIO SULLE INTERCETTAZIONI – “DAI TEMPI DI TANGENTOPOLI LA SINISTRA HA SPOSATO UNA SPECIE DI SCORCIATOIA GIUDIZIARIA. CIÒ CHE NON POTEVA ESSERE AFFRONTATO POLITICAMENTE TROVAVA UNA INSPERATA SOLUZIONE GIUDIZIARIA” – LA STOCCATA AI COLLEGHI GIORNALISTI ACCUSATI DI VOYEURISMO: “LE INTERCETTAZIONI SONO UNO STRUMENTO DI VIOLENZA MEDIATICA. SE IL COLPEVOLE FINISCE IN GALERA O SPUTTANATO SUI GIORNALI, PER LUI QUELLO È RISCHIO D'IMPRESA. MA SE SUCCEDE ALL'INNOCENTE, QUELLO È UN UOMO MORTO…”

COME MAI TUTTA ‘STA PREMURA PER L’ALGERIA? – IN UN ANNO CI SONO STATE BEN QUATTRO CERIMONIE IN ONORE DELL’AMICIZIA TRA L’ITALIA E IL PAESE AFRICANO: DRAGHI, MELONI E MATTARELLA SONO STATI BEN ATTENTI A INCENSARE IL PRESIDENTE TEBBOUNE. LA CONVENIENZA È RECIPROCA. NOI ABBIAMO UN DRAMMATICO BISOGNO DI GAS E LORO DI ARMI - DITE A MELONI & C. CHE LA GEOPOLITICA EUROPEA VUOLE CHE IL PRIMO ACCORDO DEBBA ESSERE FATTO CON LA FRANCIA E L'ALGERIA NON E' BEN VISTA DALLE PARTI DELL'ELISEO...