NEANCHE SONO TORNATI NEL PD E GIA’ I SINISTRATI CREANO ROGNE! SUL VIA LIBERA ALLE ARMI PER L’UCRAINA IN DUE (STUMPO E SCOTTO) DI "ARTICOLO 1" SI SFILANO. IL GRUPPO DI SINISTRA STA PER TORNARE TRA I DEM CHE HANNO UN SOSPETTO: “DOPO LE REGIONALI, IN CASO DI SCONFITTA DEL CENTROSINISTRA, QUELLI DI ARTICOLO 1 FARANNO UNA NUOVA SCISSIONE PER DARE VITA CON CONTE A UNA COSA ROSSA”

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo di Maria Teresa Meli per il Corriere della Sera

 

nico stumpo nico stumpo

Via libera della Camera al decreto legge Ucraina, che proroga fino al 31 dicembre di quest’anno l’invio di materiali bellici a Zelensky. Il provvedimento è stato definitivamente approvato dall’assemblea di Montecitorio con 215 voti favorevoli e 46 contrari. Per il sì i partiti della maggioranza, il Pd e il Terzo polo, per il no i rosso-verdi e il Movimento 5 Stelle. Si avvicina così il sesto invio di armi a Kiev, anche se il ministro della Difesa Guido Crosetto ha tenuto a precisare che il decreto per la spedizione di materiale bellico in Ucraina deve essere ancora scritto: «Nulla è stato ancora deciso. Lo faremo nelle prossime settimane».

 

Dunque il Pd ha ribadito anche ieri il suo sì. Ma questa volta con qualche strappo.

Già, perché due deputati di Articolo 1 (eletti lo scorso 25 settembre nelle liste del Partito democratico) non hanno partecipato al voto. E tra i dem cresce un sospetto: «Dopo le Regionali, in caso di sconfitta del centrosinistra, quelli faranno una nuova scissione per dare vita con Conte a una Cosa rossa».

arturo scotto arturo scotto

 

Hanno seguito invece la linea dei dem Roberto Speranza, Maria Cecilia Guerra e Federico Fornaro. I due «ribelli», Nico Stumpo e Arturo Scotto, hanno motivato il loro strappo, chiedendo di riaprire «il dibattito sul disarmo».

 

Di più, Scotto si è anche augurato che l’Ucraina non vinca la guerra: «Vincere un conflitto contro una potenza nucleare significa mettere nel conto un Armageddon. Ma chiunque avanza un dubbio passa per collaborazionista o imbelle».

 

nico stumpo nico stumpo Nico Stumpo Nico Stumpo

(...)

 

Condividi questo articolo

politica

DEI NANI E DELLE BALLERINE CI SONO RIMASTI SOLO I NANI, PURTROPPO – “BLITZQUOTIDIANO”: “PICCOLA GENTE. TRA I VINCITORI E I VINTI DELLE ULTIME ELEZIONI E DI QUELLE DI PRIMA E PRIMA ANCORA. I PARLAMENTARI DEL PD SI SONO AFFOLLATI INTORNO A COSPITO, CHE STA RICATTANDO LO STATO. CAPACITÀ DI LETTURA POLITICA TERRA TERRA” – “IN FRATELLI D’ITALIA IL RESPONSABILE ORGANIZZATIVO DEL PARTITO SI È SENTITO UN CATTIVISSIMO ME ANCORA E SEMPRE IN MISSIONE DEL ‘FARGLIELA VEDERE AI ROSSI’ IN UNA ETERNA GARA A CHI CE L’HA PIÙ LUNGO…”

BOLSONARO, TU VUO’ FA’ L’ITALIANO PER NON FINIRE IN CARCERE – DALLA FLORIDA, DA DOVE RISCHIA DI ESSERE CACCIATO PERCHE' IL SUO VISTO DIPLOMATICO È SCADUTO, L'EX PRESIDENTE BRASILIANO LANCIA UN MESSAGGIO A ROMA: “I MIEI NONNI ERANO DI PADOVA. IN BASE ALLA VOSTRA LEGGE, SONO ITALIANO. CON POCHISSIMA BUROCRAZIA AVREI LA PIENA CITTADINANZA” – IL POPULISTA POTREBBE CERCARE RIFUGIO NEL NOSTRO PAESE PER SFUGGIRE ALL’EVENTUALE CONDANNA PER L’ASSALTO AL PARLAMENTO DI BRASILIA…

“NON SAPPIAMO SE PUTIN SIA ANCORA VIVO PERCHÉ NON C’È UN SOLO PUTIN” - OLEKSIY DANILOV, CAPO DEL CONSIGLIO DI SICUREZZA UCRAINO: “NON È UNA TESI COSPIRAZIONISTA, È REALTÀ. POTETE FARE ANALISI COMPARATIVE SULLE SUE IMMAGINI PUBBLICHE. OSSERVATE ANCHE IL SUO MODO DI CAMMINARE, LA PAURA AD AVVICINARSI ANCHE AI SUOI STRETTI COLLABORATORI E POI IL BAGNO DI FOLLA IL GIORNO DOPO. SONO COSE TIPICHE DEL KGB - PER DIVIDERE I PAESI OCCIDENTALI PUTIN USAVA VECCHI AMICI COME BERLUSCONI, CHE VOLEVA FACESSE PARTE DELLE TRATTATIVE…”

“GIOVANNI HA SBAGLIATO, MA IO DIFENDO GLI AMICI. PRIMA SONO UN UOMO E POI UN SOTTOSEGRETARIO” – ANDREA DELMASTRO ABBANDONA IL COINQUILINO DONZELLI AL SUO DESTINO: “NON DOVEVA LEGGERE TESTUALMENTE L’INFORMATIVA. SONO IN ORDINE CON LA MIA COSCIENZA. NON SAPEVO CHE L’AVREBBE USATA” – “HO CHIARITO LA MIA POSIZIONE CON LA PREMIER E MI HA CREDUTO. NON ERANO DOCUMENTI SECRETATI. NON MID IMETTO, MA STO PENSANDO DI CAMBIARE CASA” – LA TELEFONATA DELLA MELONI: “NON MI PRENDERE PER I FONDELLI, SE SEMO CAPITI?”