NON S’ERA DETTO CHE CAMERA E SENATO SAREBBERO RIMASTI APERTI NELL'ESTATE POST-EMERGENZA COVID? COL CAVOLO! E INFATTI DOPO NON AVER LAVORATO PER MESI, ORA VANNO IN FERIE - MONTECITORIO CHIUDE DALL’8 AL 23 MA IL NUMERO DI GIORNI DI VACANZA POTREBBE RIDURSI NEL CASO IN CUI “SI ATTIVASSE UN PERCORSO PARLAMENTARE SUL RECOVERY FUND” - PALAZZO MADAMA SI FERMERÀ PER DIECI GIORNI (13-23 AGOSTO)

-

Condividi questo articolo

Giuseppe Alberto Falci per il “Corriere della Sera”

 

il parlamento ai tempi del coronavirus 4 il parlamento ai tempi del coronavirus 4

Ancora manca il sigillo ufficiale della conferenza dei capigruppo di Camera e Senato, che dovrà stabilire quando resterà chiuso il Parlamento. Ma, a dire il vero, si sa già come andrà a finire. Le indiscrezioni raccolte dal Corriere della Sera vanno in una direzione. La Camera chiuderà i battenti per due settimane. Dall'8 al 23 agosto, i deputati andranno in vacanza. E se dagli alti piani avvertono che il numero di giorni di ferie potrebbe ridursi nel caso in cui «si attivasse un percorso parlamentare sul Recovery fund», i deputati si aggirano nel cortile adiacente al Transatlantico con l'atteggiamento di chi è già proiettato in spiaggia o in montagna.

 

«Questa settimana si dovrebbe finire», ammette il radicale Riccardo Magi (+Europa), che un attimo dopo si ferma a riflettere: «Si sarebbero potuti dedicare dei giorni di agosto alle leggi di iniziativa popolare, penso al fine vita. Si parla tanto della centralità del Parlamento. Questo era l'impegno solenne di Fico. E poi? Nulla».

 

SENATO VUOTO SENATO VUOTO

Da più parti si era detto che le due Camere sarebbero rimaste con le porte spalancate nell'estate post-emergenza Covid. E invece? «E invece da anni ripetono che avrebbero cambiato il Parlamento, ma alla fine quest' ultimo ha cambiato loro», prende di mira i pentastellati il meloniano Giovanni Donzelli. E al Senato? A Palazzo Madama i trolley dovranno attendere qualche giorno di più. Vacanze ridotte.

 

«Chi lo sa», sorride il leghista Roberto Calderoli. Che poi aggiunge: «Vorrei saperlo, non per andare in vacanza, ma per lavorare sui campi». L'attività d'Aula potrebbe completarsi questa settimana (ma c'è l'incognita della riforma delle Asl). Lavoreranno di sicuro le commissioni parlamentari fino al 13 agosto per esaminare il decreto Semplificazioni. Giovedì scadono i termini per la presentazione degli emendamenti.

 

Poi si vedrà. Dunque, anche in questo caso, Palazzo Madama si fermerà, ma per una decina di giorni (13-23 agosto). «Il Parlamento deve stare aperto a Ferragosto, ma a fare cosa?», si domanda Gaetano Quagliariello. «È già chiuso da marzo. Si vogliono riunire per fare qualche mozione sul mal di testa?».

 

 

 

Condividi questo articolo

politica