NEL NUOVO PD DI ELLY SCHLEIN SIAMO GIA’ AGLI ULTIMATUM  VOLANO GLI STRACCI PER LA SCELTA DEI CAPIGRUPPO. LA NEOSEGRETARIA MULTIGENDER VUOLE IMPORRE ALLA CAMERA FRANCESCO BOCCIA E AL SENATO CHIARA BRAGA (ARIA FRANCESCHINI). BONACCINI AVVERTE: “LA SCELTA DEI NOMI
VA CONDIVISA”. DOMANI ALL’ASSEMBLEA DEI GRUPPI PARLAMENTARI SI ANDRÀ ALLO SCONTRO – 
NEL PD CHE DOVEVA ELIMINARE LE CORRENTI, NE È NATA UNA NUOVA, I “NEO-ULIVISTI”:
EX SOSTENITORI DEL GOVERNATORE SALITI AL VOLO SUL CARRO DELLA VINCITRICE –
LA POSTA IN GIOCO SONO I POSTI IN SEGRETERIA, GLI UFFICI DI PRESIDENZA DEL GRUPPO…

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Elisa Calessi per “Libero Quotidiano”

 

elly schlein elly schlein

La vera notizia è che, nel Pd che doveva eliminare le correnti, è nata una nuova corrente. Si sono definiti “neo-ulivisti” o “ulivisti 4.0”. Ma è difficile capire quali differenze di visione li separino da quelli con cui, finora, avevano condiviso il cammino. In sostanza, una parte di quelli che ha sostenuto Stefano Bonaccini nella lunga fase congressuale, ha deciso di staccarsi per entrare in maggioranza.

 

Sono una ventina, tra Camera e Senato. Ma potrebbero aumentare. Tra questi ci sono lettiani, ma anche ex di Area Dem: Marco Meloni, Enrico Borghi, Stefano Graziano, Anna Ascani, Matteo Mauri, Pina Picieno.

 

stefano bonaccini elly schlein stefano bonaccini elly schlein

[…] Lo strappo, nell’aria da giorni, si è consumato ieri quando, alla riunione via Zoom convocata da Bonaccini per fare il punto sulla vicenda dei capigruppo (irrisolta), non si sono presentati. «Vogliono trattare per conto proprio», si diceva ieri negli ambienti vicini al governatore. Più che una corrente di pensiero, si diceva ancora, si tratta di una filiera che «pensa al proprio destino individuale». La posta in gioco, infatti, sono non solo i capigruppo, ma i posti in segreteria, gli uffici di presidenza del gruppo. Quel che resta del potere, in un partito di opposizione.

 

enrico letta elly schlein stefano bonaccini enrico letta elly schlein stefano bonaccini

Lunedì ci sarà l'assemblea dei gruppi parlamentari con Elly Schlein. Martedì è prevista l’elezione, in ciascun ramo del Parlamento, dei nuovi capigruppo che la segretaria vuole cambiare. L’idea della segretaria è di indicare due persone di sua fiducia, per la precisione Francesco Boccia al Senato, uomo decisivo nella sua corsa congressuale e cruciale nei rapporti con le tante anime dem, e Chiara Braga, espressione di Dario Franceschini, primo sponsor di Elly. Scelta che aveva provocato una reazione furibonda nell'area di Bonaccini, specie in Base Riformista.

 

stefano bonaccini elly schlein stefano bonaccini elly schlein

Nella riunione di ieri ha parlato solo il governatore, nessun dibattito a seguire. Bonaccini ha rilanciato la palla nel campo di Elly Schlein, chiedendole di fare una nuova proposta entro lunedì. Ma che sia di «condivisione», in un clima di «collaborazione». […] Tradotto: il punto non è se un capogruppo vada dato alla minoranza o no, ma almeno i nomi vanno decisi insieme.

 

francesco boccia foto di bacco francesco boccia foto di bacco

[…] Bonaccini, spiegano i suoi, non ha nessuna voglia di andare allo scontro. Per scelta politica, per storia personale.

E questo nonostante una parte di Base Riformista vorrebbe la battaglia. Ma il governatore emiliano non è di questo avviso. Del resto anche chi non la pensa come lui, ammette che «ora non avrebbe senso lo scontro». Tanto più dopo che una parte della sua area, consistente dal punto di vista parlamentare, si è staccata. Ma non è solo un problema di numeri.

 

DARIO FRANCESCHINI ELLY SCHLEIN GATTOPARDO MEME BY SARX88 DARIO FRANCESCHINI ELLY SCHLEIN GATTOPARDO MEME BY SARX88

«Se si arriva a una elezione dei capigruppo sulla base di una conta numerica», si dice dalle parti di Bonaccini, «è ovvio che si aprirà uno scontro sulla linea politica. Non è una scelta lungimirante». Oltretutto, si fa notare, se Schlein non tratta con Bonaccini, finirà per dover trattare con le tante correnti del suo schieramento che, come si è visto ieri, persino aumentano. Componenti che già ora scalpitano per l'ipotesi di Braga (leggi Franceschini) alla Camera. E finiranno per contare sempre di più.

chiara braga chiara braga dario franceschini foto di bacco (1) dario franceschini foto di bacco (1)

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ANCHE ROBERTA METSOLA VA IN PRESSING SU GIORGIA MELONI: LA PRESIDENTE DEL PARLAMENTO EUROPEO, RIELETTA CON UNA MAGGIORANZA RECORD DI 562 VOTI, COMPRESI QUELLI DI ECR, OGGI TELEFONERÀ ALLA DUCETTA PER CONVINCERLA A SMETTERLA DI NICCHIARE E APPOGGIARE ANCHE URSULA VON DER LEYEN – LA MELONI È CONSAPEVOLE DELL’IMPORTANZA DI NON AUTOESCLUDERSI, MA È TERRORIZZATA DALLA REAZIONE DI SALVINI, PRONTO A URLARE ALL’INCIUCIO CON I SOCIALISTI, E DAL SUO ELETTORATO EURO-SCETTICO – BIDEN O TRUMP? CHIUNQUE VINCA, PER L’UE È FINITA LA PACCHIA DELLA SICUREZZA PAGATA DAGLI USA...

DAGOREPORT – LA RESA DEI CONTI TRA BIDEN E OBAMA ARRIVERÀ A FINE LUGLIO, QUANDO SI TIRERANNO LE SOMME SULLA PENURIA DI DONAZIONI: ANCHE UN EVENTUALE SUCCESSO IN POLITICA INTERNAZIONALE (LA TREGUA A GAZA) RISCHIA DI NON ESSERE RISOLUTIVO PER “SLEEPY JOE” – I SONDAGGI CONTINUANO A FOTOGRAFARE UN TESTA A TESTA CON TRUMP: L’ATTENTATO AL TYCOON NON HA SMOSSO TROPPI CONSENSI. ORMAI L’AMERICA, SEMPRE PIÙ POLARIZZATA, RAGIONA SU ALTRI SCHEMI - IN UN PAESE CON 330 MILIONI DI ABITANTI E 450 MILIONI DI ARMI PUO' SUCCEDERE DI TUTTO…

DAGOREPORT - A MEDIASET NULLA SARÀ COME PRIMA: CON PIER SILVIO E MARINA AL COMANDO, TRAMONTA LA STELLA DEL GRAN CAPO DELL'INFORMAZIONE, MAURO CRIPPA (DA OLTRE 25 ANNI SOTTO L'ALA PROTETTIVA DI CONFALONIERI) - NELLA PROSSIMA STAGIONE TV, I CONDUTTORI-ULTRA’ CHE HANNO POMPATO I VOTI DI SALVINI E ORA TIRANO LA VOLATA ALLA MELONI (DEL DEBBIO, PORRO E GIORDANO) DOVRANNO DARSI UNA REGOLATA: PIER SILVIO VUOLE UN BISCIONE PLURALISTA - LO SCAZZO DI “PIERDUDI” CON PAOLO DEL DEBBIO - NICOLA PORRO, SE NON SI TOGLIE IL FEZ, RISCHIA DI PERDERE IL PROGRAMMA: LO STIPENDIO GLIELO PAGA MEDIASET, NON FRATELLI D’ITALIA - SILVIO NON C'E' PIU', CONFALONIERI HA 87 ANNI E CRIPPA INIZIA A PRENDERE CEFFONI: LA CACCIATA DELLA D’URSO E IL LICENZIAMENTO IN TRONCO DI DEL CORNO…

DAGOREPORT - I FRATELLINI D’ITALIA VARANO TELE-MELONI CON GIAMPAOLO ROSSI SEDUTO SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO E SIMONA AGNES (IN QUOTA FORZA ITALIA) ALLA PRESIDENZA - ALLA LEGA, CHE VUOLE LA DIREZIONE GENERALE, NIENTE. SALVINI S'INCAZZA DI BRUTTO E SFANCULA I MELONI DI VIALE MAZZINI: LE NOMINE RAI RISCHIANO DI SALTARE A SETTEMBRE - LA DAGO-INDISCREZIONE DI UNA TRATTATIVA IN CORSO PER UN TRASLOCO DI FIORELLO A DISCOVERY NON HA FATTO PER NIENTE PIACERE (EUFEMISMO) ALLA MELONA. C’È UN ANTICO AFFETTO E SIMPATIA TRA FIORELLO E L’EX BABY SITTER DELLA FIGLIA OLIVIA DIVENTATA PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. ED È SUBITO PARTITA UNA TELEFONATA DELLA MELONA AI “SUOI” DIRIGENTI RAI: IL SUO “FIORE ALL’OCCHIELLO” DEVE RESTARE IN AZIENDA A QUALSIASI COSTO…

DAGOREPORT - GIORGIA MELONI È AL SUO PIÙ IMPORTANTE BANCO DI PROVA: IL VOTO PER L’ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE DEFINIRÀ IL SUO PROFILO INTERNAZIONALE. FARÀ UNO SCATTO DA STATISTA, METTENDO GLI INTERESSI ITALIANI AL CENTRO E VOTANDO PER LA RICONFERMA DI URSULA VON DER LEYEN O DIRÀ “NO, GRAZIE”, IN VERSIONE RAMBA DELLA GARBATELLA, SPINGENDO L’ITALIA IN UN MARE DI GUAI? - DAL MES AL PATTO DI STABILITA’, DALLA FINANZIARIA AL POSTO DA COMMISSARIO, CON BRUXELLES BISOGNERA’ TRATTARE: MEGLIO FARLO DA AMICO CHE DA NEMICO - LA SPINTA DI CONFINDUSTRIA, TAJANI E CROSETTO: GIORGIA, VOTA URSULA…