OBTORTO COLLE - GOFFREDONE BETTINI SCENDE IN CAMPO COL RIGHELLO PER TRACCIARE LA LINEA SUL QUIRINALE: "I PARTITI DEVONO TROVARE UNA FIGURA DI GARANZIA PER AVVIARE UNA FASE DI RIGENERAZIONE DEL SISTEMA POLITICO. ALTRIMENTI SOLO DRAGHI PUO' CONTINUARE A SVOLGERE UNA FUNZIONE GENERALE DI GARANZIA. ANCHE COME CAPO DELLO STATO. E NESSUNO SI POTRÀ LAMENTARE DELLE TENDENZE TECNOCRATICHE. LA TECNOCRAZIA È INDISPENSABILE PER MANDARE AVANTI UN PAESE, SE LA POLITICA LATITA. SIAMO IN UN PASSAGGIO STRETTO. PER I PARTITI, FORSE, ALL’ULTIMA CHIAMATA"

-

Condividi questo articolo


Comunicato da TPI

 

GOFFREDO BETTINI GOFFREDO BETTINI

Quirinale. Bettini (Pd): "“Rigenerazione del sistema politico promossa dai partiti oppure tecnocrazia di altissimo profilo e democratica con Draghi garante. Serve slancio che vada oltre interessi delle rispettive botteghe, altrimenti continuerà stato di emergenza di nostro sistema politico. Siamo in passaggio stretto, per i partiti forse all’ultima chiamata”

 

“Sul Quirinale si apriranno due strade. Una decisamente in mano ai partiti. Saranno in grado di concordare una figura di garanzia, ma nello stesso tempo percepibile come l’avvio di una fase di rigenerazione del sistema politico e di nuova vitalità delle forze politiche? Non mancano le figure autorevoli da una parte e dell’altra dello schieramento in grado di svolgere questa funzione.

 

tutti intorno a goffredone bettini tutti intorno a goffredone bettini

Certo ci vuole lungimiranza, generosità, uno slancio. Con l’intesa di arrivare fino alla fine della legislatura, portando a casa i risultati ancora non definitivamente acquisiti sulla pandemia, sullo sviluppo economico e sulle divaricazioni sociali e di ricchezza che sono cresciute; e tentando il varo di una legge elettorale che regoli meglio le alternative future.

 

Se questo non accadrà, significa semplicemente che lo stato di emergenza, che riguarda anche la debolezza del nostro sistema politico, è destinato a continuare.

 

draghi letta draghi letta

A quel punto, al contrario di quello che hanno scritto alcuni commentatori, la mia opinione, che ho già espresso, è che solo Draghi possa continuare a svolgere una funzione generale di garanzia. Anche come Capo dello Stato. E nessuno si potrà lamentare delle tendenze tecnocratiche. La tecnocrazia (quando ha un profilo altissimo e democratico come nel caso di Draghi) è indispensabile per mandare avanti un Paese, se la politica latita. Siamo in un passaggio stretto. Per i partiti, forse, all’ultima chiamata”.

 

Così Goffredo Bettini, dirigente nazionale del Pd, in un editoriale pubblicato sul nuovo numero del settimanale “The Post Internazionale – TPI” in edicola da venerdì 7 gennaio, interviene sugli scenari possibili per l’elezione del prossimo Presidente della Repubblica

 

Condividi questo articolo

politica