ODIFREDDI SULLA GRATICOLA - DA PROFESSORE DI MATEMATICA (SENZA INFAMIA E SENZA LODE) A STAR DEGLI ANTI-DIO: LIBRI, GIORNALI, TV, PERSINO UN’OPERA CON PIOVANI – TUTTA COLPA DI WALTERLOO - “EGOLO” COSTA 5MILA € + IVA A SERATA (COME UN TRONISTA) - MERITA MOLTO PIÙ DELLA TRECCANI: IL POSTO NELLA CRONACA CHE FU DI MARZULLO…

Condividi questo articolo


Carlo Puca per "Panorama"

Odifreddi  - Copyright PizziOdifreddi - Copyright Pizzi

L'ultima impresa di Piergiorgio Odifreddi è un'opera musicale scritta insieme a Nicola Piovani. S'intitola Epta, sette in greco, perché «il numero irrazionale di volte in cui la quinta (3/2) sta nell'ottava (2) è bene approssimata nel rapporto 4/7, nel senso che sette quinte sono quasi uguali a quattro ottave e questo è il motivo per cui la scala comune ha sette note». Matematico, no?

Quel simpatico guascone di «Piergiò» si è così guadagnato la sesta nomination nel catalogo dei viventi celebri. Corrisponde al numero delle sue parti in commedia: il pensionato, l'opinionista, lo scrittore, l'organizzatore di festival, il politico e il musicista, appunto.

u mon35 nicola piovaniu mon35 nicola piovani

I conti tornano, fatturato e bilancio di cassa pure, Carlo Azeglio Ciampi l'ha persino nominato commendatore. È assai più complicato calcolare invece il bilancio di previsione: tra qualche decennio il suo nome verrà o no, come si dice, scolpito nelle enciclopedie? Improbabile se le credenziali dovessero riferirsi al settimo personaggio, ancora in cerca d'autore: il professore di matematica. Che poi, incidentalmente, sarebbe il vero mestiere del nostro eroe pirandelliano. E che mestiere.

0ba42 mpia garavaglia car az ciampi0ba42 mpia garavaglia car az ciampi

Il premio Strega Paolo Giordano, così descrive Mattia, il protagonista de "La solitudine dei numeri primi": «È un matematico e ha un talento innato, in lui è evidente il limite tra genialità e caso umano». È come una compensazione: «La vita reale ti viene meno bene e l'essere speciali viene insieme all'essere soli». A vederla così, Odifreddi sembra condannato alla pena opposta: la vita gli sta venendo benissimo. Il talento per gli algoritmi, invece, rimane maledettamente dubbio.

Giulio GiorelloGiulio Giorello

I suoi studi principali riguardano la teoria della calcolabilità, della computabilità, o teoria della ricorsione. Ma nulla ha lasciato un segno tangibile del suo passaggio su questa terra. Eppure, testardo, ci prova e ci riprova a entrare nel salotto buono della matematica. Un'impresa complessa. Secondo la tesi del filosofo della scienza Giulio Giorello, docente all'Università di Milano, «noi matematici fissiamo i postulati di partenza, di Euclide per esempio, ma poi i problemi che vengono fuori sfuggono al nostro controllo». Ecco, è come se la matematica sfuggisse continuamente di mano a Odifreddi.

u fen107 fiorella mannoia serena dandiniu fen107 fiorella mannoia serena dandini

All'Università di Torino ancora ricordano le sue lezioni sui 4/7: scaldavano poco i cervelli ma molto i cuori delle fanciulle. I maschietti, per ritorsione, chiamavano Piergiorgio «Egolo», l'ottavo nano. Poi d'improvviso, l'1 gennaio del 2008, a 58 anni scarsi d'età, dopo 38 anni e mezzo anni di contributi versati, la pensione. Così la «Odifreddi spa» ha potuto recuperare tempo per estendere e curare tutte le attività collaterali al brand, più remunerative. E utili a condensare attorno a sé lo zoccolo duro dei professionisti dell'anti-Dio.

BRIATOREBRIATORE

Anzitutto le collaborazioni giornalistiche, prima con la Stampa, poi con il gruppo Repubblica compresi taluni dvd, e di recente con il Fatto quotidiano. Quindi i libri, ben 25 titoli, di cui 22 pubblicati negli ultimi dieci anni. Infine, le ospitate: i programmi radio, anche con Roberto Benigni; la partecipazione fissa al Crozza Show e a decine di programmi tv pienamente democratici, l'ultimo il celebrato «Parla con me» di Serena Dandini; i festival, cinque soltanto a settembre, a 5mila euro più Iva a serata. Niente male: salvo sconti, costa più lui di un tronista di Maria De Filippi.

WALTER VELTRONI - copyright PizziWALTER VELTRONI - copyright Pizzi

Non che fossero sempre state rose e fiori. E qui va aperta una parentesi: se a qualcuno interessa la vita di Odifreddi, basta andare su Wikipedia: s'è scritto la biografia da solo, o giù di lì. Ci sono anche i minimi dettagli, la cui sintesi è: ha studiato dalle suore Giuseppine, poi nel Seminario Vescovile di Cuneo; quindi ha frequentato «l'Istituto tecnico per Geometri a Cuneo, avendo tra i suoi coetanei e compagni Flavio Briatore, col quale non ricorda di aver mai scambiato una parola»; si è spostato a Torino per fare l'università, si è laureato con lode nel 1973, si è specializzato in Usa e Urss, ha insegnato a Torino a partire dal 1983 ed è stato visiting professor in mezzo mondo.

Giuliano SoriaGiuliano Soria

Chiusa parentesi. Anche se non lo ammetterà mai, la svolta vera arriva soltanto nel 2007. Grazie a Walter Veltroni, yes we can. L'allora sindaco di Roma affida a Odifreddi l'organizzazione del Festival della matematica. In cambio il prof di Cuneo è capolista di «A sinistra per Veltroni» alle primarie del 2007 a Torino. Eletto, dura un anno: abbandona il Pd per la sua «deriva clericale». Siccome però fa notizia, ci torna nel 2009 per sostenere Ignazio Marino. Transitoriamente, ché la vita è bella perché è vaga, «nel senso che sette quinte sono quasi uguali a quattro ottave».

Il festival è il trionfo di Egolo, sessantamila visitatori a edizione (alla fine saranno tre), prima che a fine marzo del 2009 si dimettesse, simulando la cacciata da parte del «fascista» Gianni Alemanno. Ma soltanto dopo aver acchiappato la presidenza del comitato dei garanti del Grinzane Cavour orfano di Giuliano Soria. I garanti poi gli si rivolteranno contro. Succede.

MARIASTELLA GELMINIMARIASTELLA GELMINI

Il resto sono eventi ancora più recenti. Ha restituito il Premio Peano vinto nel 2002 per protesta contro l'assegnazione nel 2009 al «collega sionista» Giorgio Israel, «complice» della ministra Maria Stella Gelmini e perciò, secondo lui, vincitore politico a tavolino. Secondo i maligni, l'ultima fatica letteraria di Piergiò, «In principio era Darwin», sta andando malino. Comunque meno bene del fortunato «Perché non possiamo essere cristiani (e meno che mai cattolici)»: 150 mila copie vendute nel 2008. Serviva quindi una polemicuccia per sovvertirne l'andamento.

D'altronde l'unico commento di Israel sulla vicenda è il seguente: «Sta cercando la rissa per farsi pubblicità». Mentre il professore Franco Pastrone, anima del Peano, spiega: «Non è intervenuta alcuna valutazione di tipo politico, quelle le ha espresse soltanto Odifreddi». Il quale, non pago, ha poi litigato con Ignazio La Russa a Porta a Porta per escort e quant'altro. Su Youtube ancora lo cliccano.

È la stessa persona che nel gennaio 2005 pubblicava sul suo sito personale, www.vialattea.net, una tenera conversazione immaginaria con Adolf Hitler.

Nulla rispetto a quella intitolata «Piergiorgio Odifreddi ed io». Un'auto-intervista. «Lei pensa di potersi identificare con me?», chiede Piergiorgio. «Credo proprio di sì» risponde Odifreddi «Anzi, non so neppure chi dei due abbia fatto le domande, e chi abbia dato le risposte». Che dire, uno così merita molto più della Treccani: il posto nella cronaca che fu di Gigi Marzullo.

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! LA VENDETTA DEL CALTA – DOPO AVER RICEVUTO DUE PORTE IN FACCIA AL TENTATIVO DI CONQUISTARE PRIMA GENERALI E POI MEDIOBANCA, IL COLPO FATALE AI SOGNI DI GLORIA VENEZIANI DI CALTAGIRONE È STATO AFFONDATO DA “FURBIZIO” PALENZONA, CHE HA SPOSTATO CRT E BENETTON A SUPPORTO DI DONNET E NAGEL - CON MILLERI CHE SI SAREBBE RIAVVICINATO A NAGEL, CALTA “HA RIMASTO” SOLO CON FAZZOLARI A TRASTULLARSI COL DL CAPITALI – QUANDO LA MILIARDARIA VENDITA DELLA PRELIOS DI PALENZONA AL PIGNATARO RIMANE INCAGLIATA, PARTE LA VENDETTA DI CALTA. E SUL SUO “MESSAGGERO” DI IERI….

DAGOREPORT! - TRATTENETE IL RESPIRO. GOVERNATE LO SHOCK. AVVISATE I CITTADINI ABRUZZESI: IL CICLONE SARDO AVANZA E NON PERDONA - SECONDO L’ULTIMO SONDAGGIO, IL DISTACCO CHE SEPARA IL MELONE MARSILIO DAL CAMPO LARGHISSIMO DI D’AMICO SI È RIDOTTO ALLA MISERIA DELL’1,2% (APPENA QUATTRO MESI FA IN ABRUZZO LA DESTRA GODEVA DI UN VANTAGGIO DI BEN 20 PUNTI) - PARADOSSALMENTE, IN CASO DI DISFATTA, CON DUCETTA RIBASTONATA, PER MATTEO SALVINI POTREBBE ESSERE L’OCCASIONE DI AVER MAGGIOR POTERE NEL GOVERNO (FERROVIE, CDP, AISI) - SE INVECE “FASCIO TUTTO IO!” VINCE CON IL SUO MARSILIO, PER IL CAPITONE SI AVVICINA IL CAPOLINEA - A QUEL PUNTO TUTTO PUO’ SUCCEDERE: ANCHE CHE GLI PARTA L’EMBOLO DI UN PAPEETE2 SFANCULANDO IL GOVERNO MELONI (QUANTI PARLAMENTARI LO SEGUIREBBERO, SAPENDO CHE IN CASO DI VOTO ANTICIPATO, QUELLO SCRANNO NON LO VEDREBBERO PIÙ?)

DAGOREPORT - COME MAI I QUOTIDIANI DEGLI ANGELUCCI (“LIBERO” A FIRMA SECHI, “IL GIORNALE” CON MINZOLINI) HANNO SPARATO A PALLE INCATENATE CONTRO LA MELONA, DOPO LA SCONFITTA IN SARDEGNA, BEN EVIDENZIANDO I SUOI ERRORI E LA SUA ARROGANZA? - MAGARI L'ANGELUCCI FAMILY E’ SCONTENTA PER LE PROMESSE NON MANTENUTE DALLA DUCETTA? - O FORSE LE RASSICURAZIONI RICEVUTE, DOPO LA PRESA DEL SECONDO QUOTIDIANO A MILANO, SI SONO RIVELATE ARIA FRITTA? - LA CAUTELA DI SALLUSTI CHE, PER NON IRRITARE LA DUCETTA, HA LASCIATO SCRIVERE L'EDITORIALE A MINZOLINI…