ORA CHE L’ISIS UCCIDE ANCHE I MUSULMANI, GIORDANIA, EGITTO, SAUDITI E EMIRATI SI SVEGLIANO E SFIDANO IL CALIFFATO - L’IMAM DI AL AZHAR “SCOMUNICA” I JIHADISTI: “CORROMPONO IL CORANO”

I leader sunniti a La Mecca fanno fronte comune contro i jihadisti - Gli affondi politici e teologici dell’Imam di Al Azhar hanno per destinatari anche quei Paesi, come Qatar e Turchia, più inclini a compromessi con i gruppi estremisti - L’Iran accusato di ospitare terroristi di Al Qaeda in chiave anti-saudita…

Condividi questo articolo


UNIVERSITA AL AZHAR IN EGITTO UNIVERSITA AL AZHAR IN EGITTO

Maurizio Molinari per “la Stampa”

 

«Bisogna combattere gli estremisti che diffondono interpretazioni corrotte del Corano e della vita del Profeta Maometto»: è Ahmed El Tayyeb, Grande imam dell’Università di Al Azhar, il maggiore centro religioso sunnita, a rivolgersi da La Mecca a «studiosi, accademici e insegnanti» per sconfiggere sul piano della teologia il pensiero jihadista che alimenta lo Stato Islamico.

 

OFFENSIVA IDEOLOGICA

El Tayyeb parla dalla città più sacra dell’Islam nella cornice del «Convegno contro il terrorismo» sotto l’egida del nuovo re saudita Salman che, in un messaggio scritto, sottolinea la necessità della «tolleranza zero» con i jihadisti.

 

abu bakr al baghdadi abu bakr al baghdadi

Offensiva ideologica e militare sono affiancate nella sfida al Califfo di Isis, Abu Bak Al Baghdadi, perché questa è la formula che i leader di Egitto, Giordania, Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti hanno concordato - con più conversazioni informali - al fine di dare una «poderosa risposta araba al terrorismo» come riassume il presidente Abdel Fattal Al Sisi che, parlando dal Cairo, ipotizza una «forza araba congiunta» per intervenire, anche con truppe terrestri, sul fronte iracheno-siriano e su quello libico contro Isis.

 

INTERPRETAZIONI SCORRETTE

Il presidente egiziano e il re saudita vogliono dare risalto alle parole di El Tayyeb perché quanto dice punta a mobilitare contro Isis la comunità degli «Ulema», i saggi dell’Islam sunnita. «Bisogna introdurre nei curriculum sull’educazione - afferma il Grande imam - la correzione di concetti falsi e ambigui» come quelli che «portano a giudicare i musulmani degli infedeli innescando il caos» e «impedendo all’Islam di essere unito».

 

RE ABDULLAH DI GIORDANIA RE ABDULLAH DI GIORDANIA

In particolare, Al Tayyeb si scaglia contro l’«accumularsi di tendenze estremiste e di interpretazioni scorrette degli insegnamenti religiosi» relativi al «Corano e alla Sunnah» incentrata sull’esempio di Maometto. In concreto ciò significa accusare i «gruppi terroristi» - come Egitto e Arabia Saudita definiscono Al Qaeda, Isis, Fratelli Musulmani e cellule salafite jihadiste - di stravolgere l’Islam e la figura di Maometto per «generare violenza e dividere i musulmani» portando a «instabilità sociale».

 

Sono affermazioni che trasformano il Grande imam di Al-Azhar nel portavoce della «rivoluzione religiosa» auspicata da Al Sisi, nel discorso di fine dicembre agli Ulema egiziani, e sostenuta dal sovrano giordano Abdullah all’indomani della morte del pilota Muath Al Kasasbeh arso vivo da Isis. «Il terrorismo degli estremisti - osserva il re Salman - fomenta l’islamofobia internazionale, minacciando i musulmani nel mondo».

michelle e barack obama con re salman dell arabia saudita michelle e barack obama con re salman dell arabia saudita

 

ESTREMISTI

Gli affondi politici e teologici hanno per destinatari anche quei Paesi musulmani che sono più inclini a compromessi con i «gruppi estremisti»: ovvero Qatar e Turchia che hanno scelto di dare ospitalità a leader dei Fratelli Musulmani fuggiti dall’Egitto. Nella sfida teologica interna al mondo sunnita un ruolo particolare lo gioca l’Iran sciita perché Teheran si considera il primo obiettivo di Isis ma a Riad circolano altre interpretazioni.

 

egyptian president abdul fattah al sisi egyptian president abdul fattah al sisi

A farle emergere sono le «fonti governative» che parlando con il quotidiano arabo «AlSharq AlAwsat», stampato a Londra, accusano l’Iran di «ospitare dal 2007 alcuni leader di Al Qaeda» per «spingerli ad attacchi contro Arabia Saudita ed Emirati» al fine di spaccare i sunniti, consentendo a Teheran di estendere la propria influenza regionale.

imam Ahmed Al Tayyeb imam Ahmed Al Tayyeb

 

 

 

Condividi questo articolo

politica

ALTA TENSIONE TRA STARACE E GOVERNO – DRAGHI AVEVA INVITATO LE AZIENDE PARTECIPATE DI NON INTERVENIRE ALL'INCONTRO-ZOOM CON PUTIN, IN QUANTO "INOPPORTUNO" VISTO LA STATO DI ALTA TENSIONE RUSSIA-UCRAINA - IL CEO DELL'ENI, CLAUDIO DESCALZI, HA ACCOLTO L'INVITO. VICEVERSA IL CEO DELL'ENEL, FRANCESCO STARACE HA FATTO SPALLUCCE: ''DECIDO IO" E POI "HO DATO LA MIA PAROLA E DEVO PENSARE AGLI INTERESSI DELLA MIA AZIENDA" - QUESTO ENNESIMO SCREZIO TRA STARACE E IL GOVERNO VA AD AGGIUNGERSI A QUELLO CON IL MINISTRO CINGOLANI SUL FUTURO ENERGETICO DEL PAESE...