E ORA GIORGIA MELONI SI PAPPERA' ANCHE IL VENETO! DOPO AVER CENTRATO, NELLA REGIONE DI ZAIA, IL RISULTATO MIGLIORE D’ITALIA (37,6%, IN CRESCITA DI 8 PUNTI RISPETTO ALLE POLITICHE) FRATELLI D'ITALIA PUNTA ALLA PRESIDENZA DEL VENETO NEL 2025 QUANDO LUCA ZAIA NON SI POTRÀ PIÙ RICANDIDARE (A MENO DI CLAMOROSE NOVITA’ SUL TERZO MANDATO) – L’ATTUALE GOVERNATORE PRENDE TEMPO (“MANCA UN ANNO E MEZZO, UN’ERA GEOLOGICA”) E SMENTISCE INCARICHI DI GOVERNO (“NON ESISTE”)…

-

Condividi questo articolo


Marco Bonet per il “Corriere della Sera” - Estratti

 

luca zaia giorgia meloni luca zaia giorgia meloni

Dopo aver centrato in Veneto il risultato migliore d’Italia (37,6%, in crescita di 8 punti rispetto alle Politiche), i Fratelli di Giorgia Meloni ipotecano la candidatura alla presidenza della Regione nel 2025, quando Luca Zaia non si potrà più ricandidare per raggiunto limite delle legislature (sempreché non si torni a discutere in Parlamento del terzo mandato, che per lui peraltro sarebbe il quarto).

 

A guidare l’avanzata degli alfieri della premier (...) è l’assessora regionale al Lavoro Elena Donazzan, che con 60 mila preferenze è seconda a Nordest soltanto alla leader: «Il Veneto non lo posso lasciare, ce l’ho nel cuore — dice lei —. Fare il presidente della Regione è sempre stato il mio sogno e col risultato raggiunto in Veneto certamente il mio partito potrebbe proporre una candidatura. Io, non lo nascondo, do sempre la mia disponibilità, al servizio dei veneti e del partito».

 

luca zaia .giorgia meloni vinitaly luca zaia .giorgia meloni vinitaly

Parole inequivocabili come quelle del segretario regionale Luca De Carlo («Volevate che i veneti si esprimessero e si sono espressi»), del capogruppo alla Camera Tommaso Foti («Non c’è un diritto naturale della Lega a governare il Veneto») e del senatore Raffaele Speranzon, che rilancia su Venezia: «Ora sono a Roma ma mi piacerebbe tornare come sindaco della mia città».

 

Dove anche Luigi Brugnaro sarà costretto a lasciare per via del limite ai mandati, sempre nel 2025. Fratelli pigliatutto, dunque, mentre la Lega assiste annichilita, in ulteriore arretramento rispetto al risultato già modesto delle Politiche (prese il 14,6%, ora è al 13%), tenuta in piedi solo dai 70 mila voti del generale Roberto Vannacci, a lungo contestato dalla base perché ritenuto molto distante dalla storia della Liga che fu, nel suo tripudio di tricolori e nazionalismo.

LUCA ZAIA ELENA DONAZZAN LUCA ZAIA ELENA DONAZZAN

 

Zaia prende tempo («A Donazzan ho fatto le mie congratulazioni, quanto a cosa accadrà fra un anno e mezzo, manca un’era geologica...») e smentisce incarichi di governo («Non esiste»). Secco sul punto pure Matteo Salvini: «Zaia ministro? Non è all’ordine giorno ma chiedete alla presidente del Consiglio».

LUCA ZAIA E GIORGIA MELONI LUCA ZAIA E GIORGIA MELONI GIORGIA MELONI E LUCA ZAIA GIORGIA MELONI E LUCA ZAIA elena donazzan elena donazzan elena donazzan 4 elena donazzan 4 luca zaia giorgia meloni luca zaia giorgia meloni luca zaia e giorgia meloni - vinitaly luca zaia e giorgia meloni - vinitaly

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DOVE ABBIAMO GIÀ VISTO LA VERSIONE SPECIALE DELLA FIAT 500 CON CUI GIORGIA MELONI È ARRIVATA SUL PRATO DI BORGO EGNAZIA? È UN MODELLO SPECIALE REALIZZATO DA LAPO ELKANN E BRANDIZZATO “GARAGE ITALIA”. LA PREMIER L’HA USATA MA HA RIMOSSO IL MARCHIO FIAT – A BORDO, INSIEME ALLA DUCETTA, L’INSEPARABILE PATRIZIA SCURTI E IL DI LEI MARITO, NONCHÉ CAPOSCORTA DELLA PREMIER – IL POST DI LAPO: “È UN PIACERE VEDERE IL NOSTRO PRIMO MINISTRO SULLA FIAT 500 SPIAGGINA GARAGE ITALIA DA ME CREATA...”

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE