OVERDOSE D'AMBIZIONE: DRAGHI E' STATO MAL CONSIGLIATO NELLA CORSA AL COLLE? "IL GIORNALE" SVELENA: "I MALUMORI HANNO UN BERSAGLIO PRECISO: L'ERRORE È STATO QUELLO DI AFFIDARE LE TRATTATIVE AL SUO CAPO DI GABINETTO ANTONIO FUNICIELLO. UN ERRORE FATALE. GIORGETTI O TABACCI SAREBBERO STATI PIÙ PRODUTTIVI. UN PASSO FALSO DA DILETTANTE QUELL'AUTO-CANDIDATURA DI DRAGHI IN CONFERENZA STAMPA. MA ALL'ORIGINE DEI MALUMORI CONTRO FUNICIELLO PARE CI SIA LA SCELTA DI NON RICUCIRE I RAPPORTI CON CONTE E SALVINI"

-

Condividi questo articolo


MARIO DRAGHI MARIO DRAGHI

PaNa. per "il Giornale"

 

Un anno fa il presidente del Consiglio Mario Draghi aveva la strada spianata verso il Colle: chiamato a furor di popolo a salvare l'Italia dal disastro economico e sociale era il candidato, senza rivali, per il dopo Mattarella. Destinazione certa: Quirinale. Un anno dopo il quadro è cambiato. Negli ultimi mesi qualcosa si è inceppato. La corsa di Draghi verso la presidenza della Repubblica rallenta. È quasi ferma. Non imbocca la strada giusta. Se avverrà, non sarà per acclamazione. Si cerca un colpevole del flop inaspettato.

funiciello funiciello

 

Si analizzano i passi falsi nella scalata verso il Colle. I malumori hanno un bersaglio preciso. Una fonte del governo, tra i sostenitori dell'operazione Draghi, si sfoga al Giornale: «L'errore è stato quello di affidare le trattative al suo capo di gabinetto Antonio Funiciello». Un errore fatale. Giorgetti o Tabacci sarebbero stati più produttivi di Funiciello. «Come si fa - rincara la fonte di governo - a giocare una partita politica così importante con una guida tecnica».

 

GIANCARLO GIORGETTI E MARIO DRAGHI GIANCARLO GIORGETTI E MARIO DRAGHI

«Un passo falso da dilettante - spiega la fonte al Giornale - quell'auto-candidatura di Draghi in conferenza stampa. In un momento in cui era già in campo l'ipotesi della candidatura di Silvio Berlusconi, leader di un partito che sostiene il governo». Una serie di mosse sbagliate. I contrasti con i partiti di maggioranza mai superati. Una fonte di governo: «Funiciello ha gestito male trattative e rapporti»

 

Ma soprattutto pare che all'origine dei malumori contro Funiciello - ci sia la scelta (non condivisa dagli altri consiglieri del premier) di non ricucire i rapporti con Conte e Salvini. Eccola la resa dei conti tra i draghiani. Che ora può avere strascichi anche in caso di permanenza di Draghi a Palazzo Chigi. Un affondo duro contro l'eminenza grigia del capo del governo. Funiciello è il braccio operativo di Draghi a Palazzo Chigi.

 

MARIO DRAGHI MARIO DRAGHI

Casertano d'origine, con mille ramificazioni nella Pubblica amministrazione, esperto di comunicazione, il capo di gabinetto del premier non ha gestito in maniera impeccabile le mediazioni con i partiti. Su Draghi sono piombati i veti di Lega e M5s (area Conte). Veti che Funiciello, forse per inesperienza, non è stato bravo a superare. Errori che ora possono costare il sogno quirinalizio di Draghi.

 

Nella cerchia del premier l'irritazione per la strategia non proprio eccezionale del suo più stretto collaboratore è forte. Draghi si fida di Funiciello. Ha affidato al suo capo di gabinetto tutti i dossier più delicati: Rai, nomine, Servizi. Ma ora a dossier Quirinale chiuso, potrebbero cambiare anche gli equilibri nella scala di potere a Palazzo Chigi.

MARIO DRAGHI GIANCARLO GIORGETTI MARIO DRAGHI GIANCARLO GIORGETTI

 

Condividi questo articolo

politica

SILVIO BERLUSCONI, PERCHÉ CHIAMARLO ANCORA CAVALIERE? – FRANCESCO MERLO PROPONE L’ANTOLOGIA DI NOMIGNOLI CON CUI APPELLARE IL BANANA: “NANEFROTTOLO, PSICONANO, CAIMANO, CAINANO, SILVIOLO, AL TAPPONE, BELLICAPELLI, BERLOSCO, BERLUSCA, BERLUSCAZ, BURLESQUONI, BUNGAMAN, CAVALIER BANANA, CAVALIERE DEL CIALIS, CAVOLIERE, PAPINO, IL RIFATTO DI DORIAN GRAY, PAPINO IL BREVE, PIRLUSCONI, PSICOPAPI, REO SILVIO, SUA BREVITÀ, SUA EMITTENZA, SUA IMPUNITÀ, TESTA D'ASFALTO, VIAGRASCONI, BERLUSCKAISER, L'UNTO DEL SIGNORE, ER CATRAME, FROTTOLINO AMOROSO…”

E’ TORNATO L’ASILO MARIUCCIA – LITE DA POPPANTI TRA CARLO CALENDA E MATTEO SALVINI – IL “CHURCHILL DEI PARIOLI” SMONTA L’INTENZIONE DI SALVINI DI VOLARE A MOSCA: “PIANTALA DI DIRE CAZZATE, PERCHÉ LA GUERRA È UNA COSA SERIA E DRAMMATICA. QUINDI VAI A BACIARE IL CACIOCAVALLO, SALUTA LE MUCCHE SULLA SPIAGGIA E LASCIA LAVORARE GLI ADULTI” – LA REPLICA DEL LEGHISTA: “CALENDA DICE CHE NEPPURE SU MARTE DAREBBERO INCARICHI DI GOVERNO AL M5S E CHE SAREBBE PREFERIBILE FDI? ALLORA GLI CONSIGLIO DI ANDARE A VIVERE SU MARTE, IN COMPAGNIA DELLA MELONI…”

"L'ALLEANZA M5S-PD NON FUNZIONA E SE A METÀ GIUGNO VERRÀ MESSA LA FIDUCIA SUL DECRETO AIUTI, TORNERÒ A FARE IL SENATORE…" – IL CAPODELEGAZIONE M5S AL GOVERNO E MINISTRO DELL’AGRICOLTURA, STEFANO PATUANELLI, CERTIFICA L’INSOFFERENZA RECIPROCA TRA DEM E GRILLINI: “NON POSSIAMO STARE ASSIEME SOLO NELLA CONVINZIONE CHE NON DEVONO GOVERNARE GLI ALTRI. CI SONO TROPPI SCONTRI. PARTIAMO DAL PROGETTO PER LA SICILIA, NON DAI NOMI – L’INCENERITORE A ROMA? ADESSO È EVIDENTE CHE TUTTE LE CRITICHE CHE VENIVANO FATTE A VIRGINIA RAGGI ERANO ASSOLUTAMENTE STRUMENTALI…”

LA SOLITA “SALVINATA” – PRIMA IPOTIZZA UN VIAGGIO DIPLOMATICO A MOSCA, POI SALVINI E’ COSTRETTO A FARE DIETROFRONT: “NON HO CERTEZZE CHE CI ANDRÒ, CI STIAMO LAVORANDO. E SI VA SE SERVE, CERTEZZE NON CE NE SONO” – NEL FRATTEMPO SI SONO INCAZZATI TUTTI, DALL’IPER-ATLANTISTA GUERINI (“VIAGGIO IMPROBABILE, NO COMMENT”) A ENRICO LETTA (“VUOLE ANDARE DOVE GLI BATTE IL CUORE”) – IL GELO DI DRAGHI CERTIFICATO DALLE VOCI DI PALAZZO CHIGI: “E’ UNA NOTIZIA CHE SI COMMENTA DA SOLA”