LA PAZIENZA DI BRUXELLES È FINITA – L’AVVERTIMENTO DI PAOLO GENTILONI, MASCHERATO DA “CONSIGLIO”, SUL MES (“L’ITALIA AVREBBE PIÙ VOCE IN CAPITOLO SE PROCEDESSE CON LA RATIFICA”) È IL SEGNALE CHE GIORGIA MELONI SI STA GIOCANDO TUTTA LA POCA CREDIBILITÀ CHE AVEVA GUADAGNATO IN QUESTI MESI – L’ALLARME SUI TEMPI DEL PNRR E LE SCARAMUCCE CON SALVINI SU AUTONOMIA E FLAT TAX (AMMORBIDITE DA FEDRIGA)

-

Condividi questo articolo


1. GENTILONI: «ERRORE LO STOP AL MES, DAL SÌ PIÙ VOCE IN UE»

Estratto dell’articolo di Gianni Trovati per “il Sole 24 Ore”

 

paolo gentiloni al festival dell economia di trento 2 paolo gentiloni al festival dell economia di trento 2

«In Italia il Mes è vissuto come la Spectre, non so perché. Si dice che sarà costretto a utilizzarlo per il proprio debito sovrano? Ma quando mai». Nel suo intervento al Festival dell’Economia di Trento il commissario Ue all’Economia Paolo Gentiloni, intervistato da Adriana Cerretelli, sceglie di non usare perifrasi quando cerca di smuovere il lungo stallo italiano sulla ratifica alla riforma del Fondo Salva-Stati.

 

Nell’ottica comunitaria incarnata da Gentiloni, del resto, il tempo delle attese […] è finito, come è finito il tempo della discussione sulle difficoltà nell’attuazione del Pnrr. «Il problema non è denunciare i ritardi ma evitare di produrli», taglia corto con un riferimento nemmeno troppo velato alle lunghe discussioni italiane sui responsabili dell’affanno nella realizzazione degli investimenti.

 

giorgia meloni con paolo gentiloni giorgia meloni con paolo gentiloni

Il punto è che i numeri con cui Roma si presenta in Europa sono tutt’altro che negativi. «L’Italia ha avuto buoni livelli di crescita negli ultimi tre anni e conserva buone previsioni anche per l’anno in corso», sottolinea Gentiloni […]. La posizione italiana sembra invece indebolirsi nel confronto sulle nuove regole fiscali. Anche a causa del Mes, secondo Gentiloni.

 

«Il problema è di reputazione di un Paese - sostiene -. La riforma è frutto di un accordo unanime (anche l’Italia lo ha firmato, ndr.), e gli accordi internazionali andrebbero mantenuti». La conseguenza di questa premessa è che «l’Italia avrebbe più voce in capitolo se procedesse con la ratifica», anche sulle proposte di ulteriore evoluzione del Mes in uno strumento di supporto agli investimenti avanzate a più riprese da Roma anche senza molti dettagli.

 

PAOLO GENTILONI AL FESTIVAL DELL ECONOMIA DI TRENTO PAOLO GENTILONI AL FESTIVAL DELL ECONOMIA DI TRENTO

[…] la premier Meloni e il ministro dell’Economia Giorgetti provano a usare il blocco italiano sul Mes come merce di scambio a Bruxelles nel negoziato sulla riforma del Patto di stabilità, in cui l’Italia chiede un trattamento privilegiato per gli investimenti in transizione verde e digitale, compresi quelli del Pnrr, e nella difesa.

 

La tattica però è bocciata da Gentiloni, come del resto lo è stata dal presidente dell’Eurogruppo Donohoe e dal vicepresidente della Commissione Dombrovskis, che offre una chiave di lettura opposta: con il «sì» al Mes, la posizione italiana in Europa migliorerebbe.  […]

 

PAOLO GENTILONI PAOLO GENTILONI

2. PRESSING DI GENTILONI PER IL MES "L'ITALIA SI STA FACENDO DEL MALE" SALVINI ALL'UE: AVANTI CON LA FLAT TAX MASSIMILIANO FEDRIGA "

Estratto dell’articolo di Federico Capurso e Marco Bresolin per “la Stampa”

 

Paolo Gentiloni mette tutte e due le mani avanti dicendo che «la decisione non spetta a noi» (dove "noi" sta per la Commissione europea), «ma al governo e al Parlamento italiani». Però tiene a sottolineare che con la vicenda del Mes l'Italia si sta «facendo del male dal punto di vista della reputazione» e questo «è sbagliato».

 

massimiliano fedriga attilio fontana matteo salvini massimiliano fedriga attilio fontana matteo salvini

Dal Festival dell'Economia di Trento, il commissario lancia così il suo avvertimento, travestito da "consiglio", per cercare di convincere Roma a ratificare la riforma del Meccanismo europeo di stabilità. La pazienza dei partner Ue è ormai agli sgoccioli, forse addirittura oltre. E il prezzo politico da pagare rischia di essere salato.

Quello sul Mes è solo uno dei tanti messaggi che l'ex premier si è trovato costretto a dover recapitare ai suoi connazionali in questi giorni, accanto all'allarme sui tempi del Pnrr e quelli per i rischi collegati alle riforme che il governo Meloni non vuole fare (vedasi alla voce concessioni balneari e catasto) e soprattutto a quelle che ha fatto o intende fare (come la flat tax o la riforma delle autonomie). Messaggi che al momento, però, non vengono accolti bene. Soprattutto dalla Lega, che su flat tax e autonomie si sente attaccata al cuore del proprio programma elettorale.

VALDIS DOMBROVSKIS - PAOLO GENTILONI VALDIS DOMBROVSKIS - PAOLO GENTILONI

 

Matteo Salvini non nasconde la sua stizza: «Checché ne dica la Commissione europea, la flat tax è una tassa che funziona ovunque sia applicata». Ma se i suoi fedelissimi al Parlamento europeo gonfiano il petto e vanno all'attacco dei funzionari Ue e dei loro rilievi, «che ignoriamo bellamente e andiamo avanti», l'anima moderata del Carroccio cerca un approccio diverso, dialogante.

 

«Nessuna bocciatura - dice infatti a La Stampa il presidente del Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga -. L'Europa ha proposto delle riflessioni su cui siamo disponibili a discutere».

 

raffaele fitto giancarlo giorgetti paolo gentiloni 1 raffaele fitto giancarlo giorgetti paolo gentiloni 1

[…] I ministri delle Finanze dell'Eurozona sperano che il loro collega Giancarlo Giorgetti possa giocare un ruolo-chiave nel convincere i suoi compagni di partito sulla ratifica del Mes, mentre per Fratelli d'Italia le aspettative sono tutte sulla premier Giorgia Meloni. «Nessuno pensa che l'Italia debba usarlo» ha ribadito Gentiloni, lasciandosi scappare che «forse le sue dimensioni non sarebbero nemmeno adeguate per un Paese come l'Italia».

 

L'argomento per convincere Roma è lo stesso usato dal presidente dell'Eurogruppo: «Se l'Italia ratificasse il Mes avrebbe più voce in capitolo nel dibattito che si aprirà per dargli una nuova funzione». Ma nonostante il pressing si stia intensificando a tutti i livelli, all'orizzonte non sembra esserci ancora una soluzione positiva. […] 

PAOLO GENTILONI PASCAL DONOHOE CHRISTINE LAGARDE PIERRE GRAMEGNA PAOLO GENTILONI PASCAL DONOHOE CHRISTINE LAGARDE PIERRE GRAMEGNA

PASCHAL DONOHOE - GIANCARLO GIORGETTI - PAOLO GENTILONI PASCHAL DONOHOE - GIANCARLO GIORGETTI - PAOLO GENTILONI ZAIA - GIORGETTI - FONTANA - CALDEROLI - SALVINI - FEDRIGA ZAIA - GIORGETTI - FONTANA - CALDEROLI - SALVINI - FEDRIGA raffaele fitto giancarlo giorgetti paolo gentiloni raffaele fitto giancarlo giorgetti paolo gentiloni

paolo gentiloni al festival dell economia di trento 4 paolo gentiloni al festival dell economia di trento 4 paolo gentiloni al festival dell economia di trento 1 paolo gentiloni al festival dell economia di trento 1 elly schlein ascolta paolo gentiloni al festival dell economia di trento elly schlein ascolta paolo gentiloni al festival dell economia di trento paolo gentiloni al festival dell economia di trento 3 paolo gentiloni al festival dell economia di trento 3 paolo gentiloni al festival dell economia di trento 5 paolo gentiloni al festival dell economia di trento 5

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – GRANDE È LA CONFUSIONE SOTTO IL CIELO DI BRUXELLES: O IL QUINTETTO AL COMANDO, FORMATO DA MACRON, SCHOLZ, TUSK, SANCHEZ E MITSOTAKIS, TROVA UN ACCORDO IL 28 GIUGNO O SALTA TUTTO - IL BALLO DI SAN VITO SI GIOCA SUL NOME DI URSULA VON DER LEYEN. INVISA A UNA PARTE DEL PPE, CORRE IL RISCHIO DI ESSERE AFFONDATA DAL VOTO SEGRETO DEL PARLAMENTO - URGE AGGIUNGERE UN POSTO A TAVOLA. E QUI IL PPE SI SPACCA: ALLA CORRENTE DI WEBER, CHE VORREBBE IMBARCARE IL GRUPPO ECR GUIDATO DALLA REGINA DI COATTONIA, SI CONTRAPPONE LA CORRENTE DI TUSK. IL LEADER POLACCO CONTA IL MAGGIOR NUMERO DI PARLAMENTARI NEL PPE E ACCETTEREBBE SOLO I FRATELLI D’ITALIA. E PER MAGGIOR TRANQUILLITÀ, ANCHE I VOTI DEI VERDI, MA GIORGIONA NON CI STA - IL GUAZZABUGLIO SI INGROSSERÀ DOMANI, LUNEDÌ, CON L’INCONTRO DI UN IMBUFALITO ORBAN CON LA DUCETTA, REA DI AVER ARRUOLATO I RUMENI ANTI UNGHERESI DI AUR, E PRONTO A SALIRE SUL CARRO DI MARINE LE PEN - ALLA EVITA PERON DELLA GARBATELLA, CHE RISCHIA L’IRRILEVANZA POLITICA NELL’UNIONE EUROPEA, NON RESTA ALTRO CHE FAR SALTARE IL BANCO DEL 28 GIUGNO…

 

FLASH! - VIKTOR ORBÁN ASSUMERÀ IL 1° LUGLIO LA PRESIDENZA DI TURNO AL CONSIGLIO EUROPEO MA HA GIÀ FATTO INCAZZARE MEZZO CONTINENTE: IL MOTTO SCELTO DAL PREMIER UNGHERESE È MEGA (‘’MAKE EUROPE GREAT AGAIN’’). UN'EVIDENTE RIFERIMENTO AL MANTRA MAGA (‘’MAKE AMERICA GREAT AGAIN’’) CHE DA ANNI MARCHIA LE CAMPAGNE ELETTORALI DI DONALD TRUMP – NON BASTA: SFANCULATA LA DUCETTA PRO-KIEV, IL FILO PUTINIANO ORBAN MINACCIA DI ENTRARE NEL GRUPPO DI LE PEN-SALVINI – ASPETTANDO IL CAOS-ORBAN A PARTIRE DA LUGLIO, MACRON-SCHOLZ-TUSK VOGLIONO CHIUDERE LE NOMINE DELLA COMMISSIONE EU ENTRO IL 28 GIUGNO…

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)

C’EST FINI: DALLA CASA DI MONTECARLO ALLA SEPARAZIONE IN CASA - LA VICENDA MONEGASCA È STATA LA MINA CHE HA FATTO SALTARE IL MATRIMONIO DI GIANFRANCO FINI ED ELISABETTA TULLIANI - NON C’È NULLA DI UFFICIALE MA CHI ERA AMICO DELLA COPPIA DICE: “SI SONO LASCIATI DA UN BEL PO'” – GIÀ, A VEDERLI INSIEME NELL’AULA DEL PROCESSO SULLA CASA DI MONTECARLO, LONTANI E SENZA MAI INTRECCIARE UNO SGUARDO, ERANO LA RAPPRESENTAZIONE DI DUE CHE NON STANNO PIÙ INSIEME – NEGLI ULTIMI TEMPI, ALLA CENE IN CASA DEGLI AMICI, FINI SI PRESENTA SOLO, IL VOLTO SEMPRE PIÙ SOLCATO DA RUGHE E DAL DOLORE DI AVER BUTTATO VIA UNA CARRIERA POLITICA PER AMORE…