PD A BRAND-ELLY! VOLANO STRACCI TRA I DEM PER LE LISTE ELETTORALI EUROPEE – È GIÀ FINITO NEL CESTINO LO SCHEMA A “PANINO” PROPOSTO DA SCHLEIN, CHE PREVEDEVA 5 CAPOLISTA DONNE, TUTTE CIVICHE, UN BIG UOMO IN SECONDA PIAZZA E LA SEGRETARIA IN TERZA –  BONACCINI SARÀ IN CIMA ALL’ELENCO NEL MAXI-COLLEGIO DEL NORD EST– GLI EURODEPUTATI USCENTI SI LAGNANO: “TROPPI ESTERNI. LE CANDIDATURE NON SI ANNUNCIANO IN TV” (RIFERIMENTO A LUCIA ANNUNZIATA) – RESTA IL CASO DEL PACIFISTA TARQUINIO

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Lorenzo De Cicco per “la Repubblica”

 

elly schlein stefano bonaccini - manifestazione piazza del popolo elly schlein stefano bonaccini - manifestazione piazza del popolo

Il “panino” di Schlein, per ora, è finito nel frigo. Lo schema prospettato dagli uomini della segretaria per le Europee, che prevedeva 5 capolista donne, tutte civiche, nelle 5 circoscrizioni dello Stivale, con un big uomo in seconda piazza e la segretaria terza, sembra archiviato.

 

Perché Stefano Bonaccini — manca solo l’annuncio, che arriverà col solito «accordo complessivo» — sarà in cima all’elenco nel maxi-collegio del Nord Est. E quindi, ammettono pure nella cerchia della leader, fatta un’eccezione, potrebbero seguirne altre. Gli eurodeputati uscenti — che sono 15 e che in 14 avevano sostenuto Bonaccini — masticano amaro, temono che la segretaria, mostrando di avere abbonato al presidente del Pd il primo posto in lista (cosa in realtà scontata, visto il ruolo), possa rifiutare altre concessioni. […]

 

Pina Picierno alessandra moretti Pina Picierno alessandra moretti

Alle truppe degli europarlamentari uscenti però non basta. Chiedono garanzie. Ieri, convocati dal capo-delegazione Brando Benifei, hanno trascorso un’ora e passa a discutere. Qualcuno ha ventilato l’addio («se è così, inutile bruciarsi»), qualcun altro ha chiesto di alzare la voce anche pubblicamente. «Le candidature non si annunciano in tv», la stoccata a porte chiuse della vicepresidente uscente dell’Eurocamera, Pina Picierno, riferimento a Schlein, che aveva fatto il nome di Lucia Annunziata da Floris.

 

Alla fine, la seduta è terminata con una richiesta al Nazareno riassumibile in tre punti. Primo: no a tutti e 5 i capolista esterni. Nemmeno a 4, scomputando Bonaccini. No alla candidatura di Schlein nelle circoscrizioni in cui non si presenta capolista, per non tagliare le gambe alle altre donne («Ma io posso fare campagna elettorale chiedendo ai miei elettori di non votare la segretaria o la capolista? », altro sfogo di Picierno). Terzo: collocazione dignitosa, se non da capolista almeno in seconda o terza posizione, per gli uscenti, «come fanno gli altri partiti del Pse».

lucia annunziata foto di bacco (2) lucia annunziata foto di bacco (2)

 

Schlein accetterà? Difficile, trapela dai suoi. La leader testardamente vuole dare un segnale di rinnovamento, di un partito aperto a forze nuove. Ma deve fronteggiare un turbinio di richieste.

 

Demos, il movimento vicino a Sant’Egidio, insiste sulla candidatura di Marco Tarquinio, l’ex direttore di Avvenire , che però è finito sotto tiro non solo da un pezzo dei riformisti, perché contrario al sostegno militare all’Ucraina, ma anche per le sue posizioni contro il ddl Zan, contro il matrimonio egualitario, contro le unioni civili di Cirinnà. [...]

 

PINA PICIERNO - STEFANO BONACCINI PINA PICIERNO - STEFANO BONACCINI

Altre correnti e sotto-correnti si saldano, per Tarquinio: da Goffredo Bettini all’ex segretario dei Popolari, Pierluigi Castagnetti. E magari pure Massimo D’Alema, che sarà col giornalista il 6 aprile a Pesaro per parlare del «disordine mondiale».

 

Quanto ai nomi, sono in risalita le quotazioni di Nicola Zingaretti per il Centro, anche se l’ex segretario ha sempre negato la corsa europea. Ma se la leader insistesse, magari scegliendolo come capolista o come secondo, c’è chi dice che potrebbe cambiare idea. L’alternativa potrebbe essere Camilla Laureti, europarlamentare uscente: l’unica che ha sostenuto Schlein alle primarie. [...]

lucia annunziata in versione kill bill lucia annunziata in versione kill bill marco tarquinio foto di bacco marco tarquinio foto di bacco stefano bonaccini elly schlein stefano bonaccini elly schlein

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – SALUTAME A CINECITTÀ: LA HOLLYWOOD DE’ NOANTRI TRASLOCA IN SICILIA – SE IL TAORMINA FILM FEST CHIAMA MARCO MÜLLER, A SIRACUSA SI APRONO GLI “STATI GENERALI DEL CINEMA”. UNA VACANZA A 5 STELLE PER UNA MAREA DI ADDETTI AI LAVORI (DA BUTTAFUOCO A MONDA, DA MUCCINO A CASTELLITTO, CRONISTI COMPRESI), PAGATA DALLA REGIONE (SCHIFANI) ED ENIT (SANTANCHE'), E SENZA COINVOLGERE QUEI BURINI DI SANGIULIANO E BORGONZONI, CHE HA LA DELEGA IN MATERIA DI CINEMA - SE FOSSE COSTRETTA ALLE DIMISSIONI, LA PITONESSA FA CIAK?...

“IL FOGLIO” METTE IL DITO NELLA PIAGA: “LAUDATI RIVELA CHE NESSUN ACCERTAMENTO NEI CONFRONTI DI CROSETTO È MAI STATO EFFETTUATO DALL’UFFICIO SOS DELLA PROCURA ANTIMAFIA: GLI ACCESSI SONO STATI EFFETTUATI SULLA BANCA DATI IN DOTAZIONE ALLA GUARDIA DI FINANZA, NEI CUI UFFICI PASQUALE STRIANO LAVORAVA TRE GIORNI A SETTIMANA” - ERGO: STRIANO ERA AL SERVIZIO DI DUE PADRONI: FINANZA E MAGISTRATURA; UN RUOLO AMBIVALENTE CHE GLI PERMETTEVA DI NON RENDERE CONTO A NESSUNO DEI SUOI ACCESSI ABUSIVI ALLE BANCHE DATI, FINO A QUANDO QUALCUNO DEI SERVIZI SEGRETI AVVERTÌ IL MINISTRO DELLA DIFESA CROSETTO CHE FECE L’ESPOSTO CHE DETTE VITA ALLO SCANDALO - CHI SI È INVENTATO IL DUPLEX FINANZA-DNA CHE VA AL DI LÀ DELLE PREROGATIVE DI LEGGE, QUINDI ILLEGALE? - PERCHE' LA MELONIANA CHIARA COLOSIMO NON HA ANCORA SENTITO IL BISOGNO DI INTERROGARE NON SOLO STRIANO, MA SOPRATTUTTO GIUSEPPE ZAFARANA, IL COMANDANTE GENERALE DELLE FIAMME GIALLE DAL 2019 AL 2023, DA CUI STRIANO ERA ALLE DIPENDENZE?

FLASH! – MENTRE TANTI CIANCIANO DEL TENERO PIER SILVIO A CAPO DI FORZA ITALIA (SUPREMA CAZZATA), NESSUNO SI È ACCORTO CHE IL VERO EREDE DI SILVIO BERLUSCONI SI CHIAMA MARINA. E’ LEI CHE HA DATO L’ORDINE ALL’INFORMAZIONE MEDIASET DI FINIRLA CON LE POMPE IN GLORIA DELLA MELONA. NON SOLO. APPROFITTANDO DELLA PRESENTAZIONE ROMANA DEL FILM SU ENNIO DORIS, SI E’ SPARATA LA SUA PRIMA “ARRINGA” IN VISTA DELLE EUROPEE. BERSAGLIO: GIORGIA E MATTEO: “VOTARE FORZA ITALIA SIGNIFICA VOTARE PER CHI AVRÀ UN RUOLO DA PROTAGONISTA: È L’UNICO A FAR PARTE DELLA GRANDE FAMIGLIA DEL PPE”