PERCHÉ CONTE NON MOLLA IL CONTROLLO DEI SERVIZI SEGRETI? - PER FABRIZIO CICCHITTO CI SONO TRE POSSIBILI RAGIONI. LA PRIMA DELLE QUALI VIENE DEFINITA "DIFENSIVA". ED È INQUIETANTE: "QUELLA DIFENSIVA È CHE EVIDENTEMENTE VUOLE AVERE LA CERTEZZA CHE SIANO COPERTI E PROTETTI ASPETTI CHE NON VUOL FAR CONOSCERE DELLA SUA VITA PRIVATA" - “PENSIAMO COSA SAREBBE ACCADUTO SE BERLUSCONI AVESSE VOLUTO PER SÉ IL DIRETTO CONTROLLO DEI SERVIZI”

Condividi questo articolo

fabrizio cicchitto foto di bacco (2) fabrizio cicchitto foto di bacco (2)

Da www.liberoquotidiano.it

 

Parte dalla liberazione dei pescatori in Libia, Fabrizio Cicchitto, per una riflessione sullo stato dei servizi di intelligence in Italia e per attaccare, in modo durissimo Giuseppe Conte. In un intervento su Il Tempo, Cicchitto premette: "Sul terreno dei professionisti dell'intelligence l'Italia è così caduta molto in basso in classifica, non certo per colpa dell'Aise, ma per responsabilità di chi si intestardisce a voler direttamente guidare un settore, quello dei servizi, rispetto al quale non ha la benché minima professionalità (ma su questo gioco di Conte torneremo)".

CONTE E SERRAJ CONTE E SERRAJ

 

Dunque, Cicchitto aggiunge: "La riflessione, però, anche del Copasir deve andare molto indietro nel tempo. Una nazione presente storicamente nell'area come l'Italia non può sponsorizzare, sulla base delle indicazioni dell'Onu e dell'Unione Europea, una delle parti in causa, cioè il presidente Al-Serraj solo con le buone parole e magari qualche conferenza a Palermo: come minimo la diplomazia va combinata con finanziamenti e con forniture in armamenti.

AL SISI GIUSEPPE CONTE AL SISI GIUSEPPE CONTE

 

Ciò a maggior ragione se rifornisci di navi militari tecnologicamente assai significative quell'Egitto di Al-Sisi con il quale hai il contenzioso che tutti sanno, in primis l'assassinio di Giulio Regeni".

 

Ma è nelle battute finali del suo commento che Cicchitto sgancia una bomba su Conte, premettendo come Matteo Renzi ha "diecimila ragioni nel sostenere che il premier deve mollare il diretto controllo sui servizi, rispetto ai quali non ha né la professionalità né il tempo. A Conte sono concesse cose finora mai permesse a nessuno. Pensiamo cosa sarebbe accaduto se Berlusconi avesse voluto per sé il diretto controllo sui servizi".

giuseppe conte gennaro vecchione 1 giuseppe conte gennaro vecchione 1

 

E perché mai, Conte, è così ostinato nel tenersi il controllo dei servizi? Per Cicchitto ci sono tre possibili ragioni. La prima delle quali viene definita "difensiva". Ed è inquietante: "Quella difensiva è che evidentemente vuole avere la certezza che siano coperti e protetti aspetti che non vuol far conoscere della sua vita privata", picchia durissimo Cicchitto.

giuseppe conte olivia paladino in spiaggia giuseppe conte olivia paladino in spiaggia giuseppe conte e olivia paladino arrivano a ceglie messapica 2 giuseppe conte e olivia paladino arrivano a ceglie messapica 2 GIUSEPPE CONTE GIUSEPPE CONTE

 

Condividi questo articolo

politica

5 STELLE NEL CAOS, PD ALLO SFASCIO, SALVINI E RENZI CHE DUELLANO PER PRENDERSI FORZA ITALIA, LA BATTAGLIA DEI SOTTOSEGRETARI FINITA CON IL BLITZ DEL DUPLEX MATTARELLA-DRAGHI (PRENDERE O LASCIARE); A QUESTO PUNTO COMINCIA A PROFILARSI L’IDENTIKIT DI QUESTO GOVERNO SEMI-TECNICO. UNA TRIADE FORMATA DA DRAGHI-GABRIELLI-GAROFOLI - “DER KOMMISSAR” ARCURI HA LE ORE CONTATE. E MOLTI SI DOMANDANO SE NELLA CADUTA RISCHIA DI TRASCINARE ANCHE IL SODALE CONTE - A SEGUIRE È IN AGENDA L’USCITA DI ZINGARETTI, QUELLO CHE HA SCAMBIATO CONTE PER UNO STATISTA E BARBARA D’URSO PER ANNA KULISCIOFF - LO SFASCIO DEL PD HA MESSO IN CRISI CONTE CHE VEDE SCOMPARIRE IL SUO RUOLO DI AZZIMATO FEDERATORE TRA I DEM E I GRILLINI: ORA TEME CHE L’INVITO DI LUIGI DI MAIO A PRENDERSI UN MOVIMENTO CHE SI SBRICIOLA SIA UNA PERFIDA TRAPPOLA PER FARLO FINIRE NELLA POLVERE DEI 5STELLE...

IL PARTITO DI BIBBONA – MOLTI PARLAMENTARI CINQUE STELLE SONO INCAZZATI CON GRILLO PER IL “CONCLAVE” CONVOCATO A CASA SUA PER DECIDERE IL FUTURO DEL MOVIMENTO (E DI CONTE): “A COSA È SERVITO UN ANNO DI STATI GENERALI SE LA LINEA CAMBIA NEL FINE SETTIMANA A BIBBONA?” – “LA STAMPA”: “CI SAREBBE DA CHIEDERSI CHE FINE ABBIA FATTO LA DEMOCRAZIA DIRETTA E I VERTICI IN STREAMING. PIÙ CHE WITTGENSTEIN, È MEGLIO PARAFRASARE ORWELL: ‘TUTTI GLI ANIMALI SONO UGUALI, MA ALCUNI SONO PIÙ UGUALI DI ALTRI’”…

COGITO EGO SUM – CONTE TORNA ALL’UNIVERSITÀ PER FARE UNA LEZIONE SU SE STESSO: LA LECTIO MAGISTRALIS A FIRENZE È UN LUNGO ELENCO DEI SUOI PRESUNTI SUCCESSI, COSTELLATO DI BANALITÀ E CITAZIONI NON PROPRIO ORIGINALISSIME (“SONO RIANDATO CON LA MENTE ALLE PAGINE DELLA PESTE DI CAMUS, DEI PROMESSI SPOSI DI MANZONI”) – RESTA IRRISOLTO IL DILEMMA DI GRILLO E DI MAIO: COSA FARE CON L’EX AVVOCATO DEL POPOLO? CATAPULTARLO AL VERTICE DEL MOVIMENTO RICHIEDE UNA NUOVA MODIFICA ALLO STATUTO. E TRA ESPULSIONI E INCAZZATURE VARIE E AVARIATE, IL M5S RISCHIA DI SPARIRE PRIMA ANCORA CHE "GIUSEPPI" DIVENTI UN ISCRITTO...

SPADAFORA NON VA FORA, MA LE CANTA A CRIMI: “SI RISCHIA DI PASSARE DAL REGGENTE AL COMMISSARIO LIQUIDATORE” – L’EX MINISTRO DELLO SPORT ROSICA PER LA MANCATA CONFERMA MA NEGA DI VOLER USCIRE DAL MOVIMENTO: “MI È DISPIACIUTO INTERROMPERE UN PERCORSO A METÀ, MA IL PUNTO È LA STRATEGIA E LE SCELTE PRESE AL BUIO. GLI ESPULSI? SI POTEVA EVITARE QUESTA SPACCATURA SE CI FOSSE STATO MAGGIOR COINVOLGIMENTO DEI GRUPPI. COSÌ OLTRE AGLI ELETTI STIAMO ESPELLENDO ANCHE GLI ELETTORI”