PERSO IL REFERENDUM, ORA SALVINI VUOLE AFFOSSARE LA RIFORMA CARTABIA - LA VENDETTA DEL "CAPITONE": LA LEGA IERI HA VOTATO CONTRO ALCUNE PARTI DELLA RIFORMA DELLA GIUSTIZIA IN COMMISSIONE, IN BARBA AGLI AUSPICI DELLA MINISTRA - È L'ENNESIMO FRONTE CALDO CHE SI APRE NELLA MAGGIORANZA, E NEL CENTRODESTRA: FORZA ITALIA HA VOTATO LEALMENTE CON IL GOVERNO. ENRICO LETTA AUSPICA CHE IL GOVERNO PONGA LA QUESTIONE DI FIDUCIA: "LA LEGA VUOLE BLOCCARE LA RIFORMA..."

-

Condividi questo articolo


Virginia Piccolillo per il "Corriere della Sera"

 

salvini renzi salvini renzi

Il giorno dopo il voto si aprono le prime crepe nella maggioranza. La Lega, in calo di consensi e tradita dal flop dei referendum, rilancia. Sfida il governo. E vota «in linea coi referendum» contro parti della riforma Cartabia.

 

È accaduto ieri. Ultimo giorno di lavori in commissione Giustizia sul testo di modifica dell'ordinamento giudiziario e delle modalità di elezione del Csm, approvato il 4 maggio alla Camera, che oggi, si avvia al voto definitivo dell'aula del Senato.

 

salvini renzi salvini renzi

Come annunciato al Corriere dalla responsabile giustizia, Giulia Bongiorno, la Lega non ha accolto l'appello della ministra della Giustizia, Marta Cartabia, a procedere senza intoppi verso l'approvazione finale. E nel vertice di maggioranza, ieri, non ha ritirato gli emendamenti al testo. Come hanno fatto Forza Italia, il M5S e Leu (sacrificando i 7 emendamenti dell'ex superprocuratore antimafia Piero Grasso) per evitare che le modifiche al testo rendano necessario un ulteriore ok della Camera.

 

Anche Italia viva di Matteo Renzi ha mantenuto e votato i propri emendamenti, lasciando tuttavia filtrare un atteggiamento aperto al dialogo in vista dell'Aula. Ma il partito di Matteo Salvini ha votato, per tutta la lunga serata in commissione, i propri emendamenti, quelli di Fratelli d'Italia e alcuni di Iv. In barba all'auspicio a fare presto, condiviso dallo stesso premier Mario Draghi e giustificato con l'intento di arrivare alle prossime elezioni dei membri togati del Csm, ormai slittate a settembre, con le nuove regole.

mario draghi marta cartabia 1 mario draghi marta cartabia 1

 

Un atteggiamento, quello leghista, che, se non servirà a modificare il testo, apre un problema politico all'interno della maggioranza e del centrodestra, con gli alleati di FI costretti, per lealtà al governo, a votare contro temi oggetto di loro battaglie ventennali sulla giustizia. Così Enrico Letta denuncia il tentativo della Lega di «bloccare la riforma» e auspica che il governo «ponga la fiducia» sul testo.

 

Causando la reazione del leghista Andrea Ostellari: «Letta rispetti il Parlamento. Mettere la fiducia, per imbavagliare i rappresentanti degli italiani, sarebbe inaccettabile». In commissione, nel voto sugli emendamenti, la Lega si è scontrata con il muro del 14 a 10. Ma cosa accadrà oggi nell'Aula dove sono molti i voti in libertà? L'esito della riforma non sembra in pericolo. La ministra non ci sarà. Ma l'attacco al testo del governo, contro cui i renziani hanno votato ieri e la Lega intende farlo anche oggi, meriterà riflessioni.

MARTA CARTABIA MARIO DRAGHI DANIELE FRANCO MARTA CARTABIA MARIO DRAGHI DANIELE FRANCO mario draghi marta cartabia mario draghi marta cartabia marta cartabia mario draghi. marta cartabia mario draghi. salvini renzi salvini renzi

 

Condividi questo articolo

politica

DAGOREPORT! CRONACHE DALL’ASILO MARIUCCIA A 5 STELLE - IL PROSSIMO MATCH TRA GRILLO E CONTE È IN AGENDA DOPO IL 25 SETTEMBRE: SE IL MOVIMENTO VA SOTTO IL 10% E PERSISTERANNO GLI ATTUALI SCAZZI TRA IL FONDATORE E L’AVVOCATO, CON IL COMPLEMENTO IN CHIAVE ESTREMISTICA DELLA RAGGI E DI BATTISTA, CONTE POTREBBE RIPETERE L’ITER DI DI MAIO: SCISSIONE, PORTANDOSI APPRESSO UNA PATTUGLIA DI PARLAMENTARI FEDELISSIMI - UNA VOLTA FUORI, GIUSEPPI SARÀ LIBERO, IN TESTA AL SUO NUOVO PARTITO, DI CORRERE TRA LE BRACCIA DI BETTINI E ZINGARETTI, ORLANDO E BOCCIA, CHE LO ATTENDONO IMPAZIENTI…

“BERLUSCONI HA DETTO UNA COSA OVVIA MA È STATA USATA PER LA SOLITA GAZZARRA POLITICA” – BELPIETRO CONTRO IL "MONARCA" MATTARELLA: “IN NESSUNA DEMOCRAZIA OCCIDENTALE UN UOMO CHE NON SIA STATO ELETTO POTREBBE RIMANERE PER UN COSÌ LUNGO PERIODO AI VERTICI DELLE ISTITUZIONI” – “SE GLI ITALIANI VOGLIONO DECIDERE DA CHI FARSI RAPPRESENTARE, È EVIDENTE CHE CHI LI RAPPRESENTA OGGI NON È PIÙ LEGITTIMATO A FARLO” – “LA SINISTRA È TERRORIZZATA ALLA SOLA IDEA CHE A DECIDERE IL CAPO DELLO STATO NON SIA LA PARROCCHIETTA LORO, MA GLI ITALIANI. LA COSA PARADOSSALE È CHE..."

GIORGIA, L’OSSESSIONE DI SALVINI – LA MELONI È LA BESTIA NERA DEL “CAPITONE”: PRIMA CHE SI METTESSE DI TRAVERSO ANDAVA TUTTO BENE, POI DAL PAPEETE IN POI, È ANDATO TUTTO STORTO – IL “CORRIERE”: “MATTEO SI VEDE COSTRETTO A SCOMODARE GIULIO CESARE E UNO DI SUOI MOTTI: SE NON PUOI BATTERLI, UNISCITI A LORO. CHE NELLA TRADUZIONE LETTERALE SUONA COSÌ: SE NON PUOI SCONFIGGERE IL TUO NEMICO, FATTELO AMICO. SEMPRE CHE GIORGIA CI CASCHI” - L'ESORDIO TV CON CORRADO TEDESCHI, IL GOVERNO CON DI MAIO, IL 34% E LE MAGLIETTE CON PUTIN: IL RITRATTONE