IL PIZZINO DI ENRICO LETTA ALLE CORRENTI DEL SUO PARTITO: “IL PD SI FACCIA TROVARE PRONTO QUANDO FINIRA' LA STAGIONE DRAGHI” (E FINIRA' CON L'ELEZIONE AL QUIRINALE E IL VOTO NEL 2022?) – I SINDACI DEM HANNO INTUITO CHE ENRICHETTO NON ESCLUDE L'EVENTUALITÀ CHE DRAGHI VADA AL COLLE - IN QUESTO CASO IL PD LO APPOGGERÀ E POI SI ATTREZZERÀ PER LE URNE - LA PROMESSA DI CAMBIARE IN PARLAMENTO LA LEGGE SEVERINO…

-

Condividi questo articolo


Maria Teresa Meli per il "Corriere della Sera"

 

ENRICO LETTA PARLA DI DRAGHI A PORTA A PORTA ENRICO LETTA PARLA DI DRAGHI A PORTA A PORTA

Ieri mattina Enrico Letta ha incontrato Mario Draghi. Il fatto in sé non è una notizia. Il segretario del Pd vede quasi regolarmente il presidente del Consiglio. Almeno una volta al mese. Ma tra i due non c'è quella confidenza che consentirebbe al leader dem di chiedere al premier quali siano le sue intenzioni sul Colle.

 

Però qualcosa deve essere successo, si dicono i sindaci del Partito democratico che al Campidoglio partecipano all'assemblea indetta da Letta. Se lo dicono dopo aver ascoltato le parole del loro segretario. «C'è bisogno di un Pd unito per quando finirà la stagione Draghi. Una fase positiva che però a un certo punto terminerà».

 

MARIO DRAGHI - FILIPPO ANDREATTA - ENRICO LETTA MARIO DRAGHI - FILIPPO ANDREATTA - ENRICO LETTA

E ancora: «Quando Draghi smetterà di guidare il governo il Pd dovrà farsi trovare pronto ad assumersi le proprie responsabilità». Ai sindaci riuniti nella Protomoteca è sembrata quasi una chiamata alle armi per le elezioni che verranno. E tutti tra i busti di marmo di quella sala, che solitamente ospita convegni istituzionali e non assemblee di partito, hanno capito che Letta si sta preparando all'eventualità che Draghi vada al Quirinale. In questo caso il Pd lo appoggerà e poi si attrezzerà per l'eventuale voto.

 

Se la situazione non dovesse tenere, se fosse impossibile mettere in piedi un altro governo con una maggioranza come l'attuale, il Pd sarà pronto. Ufficialmente, il motivo per cui il segretario dem è andato a palazzo Chigi è per parlare dell'«episodio inaccettabile» (così lo definisce Letta) della settimana scorsa, quando con i voti del centrodestra e di Italia viva sono passati due emendamenti al ddl Capienze ai quali il governo aveva dato parere negativo.

 

draghi letta 1 draghi letta 1

«È accaduto anche altre volte che una parte della maggioranza si opponesse al governo, ma così non si può andare avanti», ha detto un preoccupato Letta a un assai meno preoccupato Draghi. Poi i due hanno parlato dell'emergenza Covid. «Noi siamo per la linea del rigore, quindi qualsiasi cosa faccia il governo in questa direzione, puoi contare sul Pd». Quindi si è passati a discutere della legge di bilancio.

 

Con i sindaci, com' è ovvio, Letta non ha parlato (se non con alcuni, presi in separata sede) del suo colloquio con Draghi. In ballo c'erano altri temi che interessavano gli amministratori locali. Innanzitutto la revisione della legge Severino. Il segretario ha promesso che il Pd in Parlamento la cambierà. E infatti ieri i gruppi dem hanno presentato alla Camera e al Senato un ddl su questo. Un testo che prevede che non ci sia più la sospensione automatica per gli amministratori regionali e locali che riportano condanne non definitive, a meno che non siano condanne per reati gravi.

draghi letta draghi letta

 

Quindi la promessa della riforma dell'abuso d'ufficio e l'assicurazione che l'articolo della legge di bilancio che aumenta gli stipendi dei sindaci dal 2022 non verrà toccato. Gli amministratori locali lì riuniti hanno tirato un sospiro di sollievo e di fronte alla possibilità di elezioni anticipate qualcuno di loro, in scadenza di mandato, è apparso assai interessato. Ma a un certo punto è calato il gelo dopo queste parole di Letta: «Oggi io sono il coach e ho il compito sgradevole e faticoso di fare le sostituzioni, anche se in squadra c'è uno che si chiama Ronaldo e serve maggiore freschezza in campo». Già, la derenzizzazione lettiana del Pd passa anche da sindaci.

MARIO DRAGHI ED ENRICO LETTA FOTO INFOPHOTO MARIO DRAGHI ED ENRICO LETTA FOTO INFOPHOTO MARIO DRAGHI ED ENRICO LETTA FOTO INFOPHOTO MARIO DRAGHI ED ENRICO LETTA FOTO INFOPHOTO ENRICO LETTA MARIO DRAGHI ENRICO LETTA MARIO DRAGHI

 

Condividi questo articolo

politica

TRAVAGLIO DIXIT: CONTE VUOLE IL VOTO ANTICIPATO – PEPPINIELLO APPULO NON CONTROLLA I GRUPPI PARLAMENTARI E RISCHIA DI NON ARRIVARE AL 2023: È PER QUESTO CHE HA RIFIUTATO LA GENTILE OFFERTA DI LETTA, CHE GLI VOLEVA REGALARE IL SEGGIO DI GUALTIERI ALLA CAMERA – IL DIRETTORE DEL “FATTO” DA MESI SPINGE PER PRESERVARE L’AVVOCATO DI PADRE PIO SOTTO URNA. COSÌ CONTE SI TOGLIEREBBE DALLE PALLE L’ALA GOVERNISTA DEL MOVIMENTO CAPEGGIATA DA DI MAIO – C’È SOLO UN PROBLEMA: BISOGNA SPEDIRE DRAGHI AL COLLE…

LO SCIOPERO GENERALE NON È CONTRO DRAGHI, MA CONTRO I PARTITI! – LANDINI: “IL PREMIER HA TENTATO DI PROPORRE UN PUNTO DI MEDIAZIONE CON LA SUA MAGGIORANZA, MA È STATO BRUTALMENTE MESSO IN MINORANZA DAI PARTITI. PENSANO PIÙ ALLE PROPRIE BANDIERINE ELETTORALI CHE AGLI INTERESSI DELL’ITALIA” – “SCIOPERO IMMOTIVATO? È UN’OBIEZIONE INFONDATA. IL GOVERNO DA MESI HA RICEVUTO LE NOSTRE RICHIESTE UNITARIE SU FISCO, PENSIONI, POLITICHE INDUSTRIALI E LOTTA ALLA PRECARIETÀ. LE RISPOSTE NON SONO ADEGUATE…”

“PUTIN NON INVADERÀ L’UCRAINA” – IAN BREMMER: “I COSTI SAREBBERO TROPPO ALTI. SIGNIFICHEREBBE RINUNCIARE AL GASDOTTO NORD STREAM 2 E SAREBBE UN’OPERAZIONE MOLTO IMPOPOLARE IN RUSSIA” – “MOSCA È INFURIATA PERCHÉ L’UCRAINA STA RICEVENDO PIÙ SOSTEGNO DALLA NATO, MA PUTIN È IN UNA POSIZIONE DIPLOMATICA DI FORZA. LA CRISI ENERGETICA PEGGIORA OGNI GIORNO E L’EUROPA È A CORTO DI RIFORNIMENTI. FORSE NON INVIERÀ UOMINI E CARRI ARMATI OLTRE IL CONFINE, MA PRENDERÀ ALTRE MISURE…”