IL POKER DI RENZI DA SINDACO: TUTTI I BILANCI "IRREGOLARI" - LA CORTE DEI CONTI HA RISCONTRATO "GRAVI ANOMALIE" NEI BILANCI DEL COMUNE DI FIRENZE DURANTE GLI ANNI DI PITTIBIMBO - I MAGISTRATI CONTABILI INVITANO IL FIDO NARDELLA, A "RIPRISTINARE GLI EQUILIBRI"

Per i giudici contabili rimangono "gravi irregolarità" che generano "oltre all' inosservanza dei principi contabili di attendibilità, veridicità e integrità del bilancio, anche violazioni in merito alla gestione dei flussi di cassa e alla loro verificabilità" - La Corte, il 31 luglio come già il 22 maggio, ha recapitato a Palazzo Vecchio un' ordinanza con cui invita l' ente " ad adottare entro 60 giorni i provvedimenti idonei a rimuovere le irregolarità e a ripristinare gli equilibri di bilancio"…

Condividi questo articolo

Davide Vecchi per il “Fatto quotidiano”

 

MATTEO RENZI NEL CANDIDATO SINDACO A FIRENZE MATTEO RENZI NEL CANDIDATO SINDACO A FIRENZE

E quattro. Il Comune di Firenze è costretto ancora una volta a ricevere i rilievi della Corte dei conti. Per il quarto anno consecutivo. L' intera gestione firmata Matteo Renzi. Ma questa volta ai giudici contabili non sono bastate le rassicurazioni di Palazzo Vecchio e non è stato sufficiente neanche l' intervento riparatore della giunta di Dario Nardella, che si è visto costretto a rimediare alla pesante eredità ricevuta.

 

Matteo Renzi Sindaco Firenze Matteo Renzi Sindaco Firenze

Per i giudici contabili rimangono "gravi irregolarità" che generano "oltre all' inosservanza dei principi contabili di attendibilità, veridicità e integrità del bilancio, anche violazioni in merito alla gestione dei flussi di cassa e alla loro verificabilità". Per questo laCorte, il 31 luglio come già il 22 maggio, ha recapitato a Palazzo Vecchio un' ordinanza con cui invita l' ente " ad adottare entro 60 giorni i provvedimenti idonei a rimuovere le irregolarità e a ripristinare gli equilibri di bilancio".

 

NARDELLA RENZI CARRAI NARDELLA RENZI CARRAI

ne per spese di parte corrente, non ricostituiti al termine dell' esercizio". In pratica, come tutti i Comuni, anche quello di Firenze ha delle "riserve" che devono essere usate per specifiche necessità. La legge prevede una sorta di deroga e quindi permette di utilizzarli per altre spese ma a condizione che poi quelle riserve vengano ricostituite. Renzi se n' è dimenticato. La cifra? 45.888.216 euro. Fondi che "potevano essere ricostituiti integralmente con gli incassi avvenuti nei primi mesi del2014".

 

Ed elenca: "Somme correnti depositate nei conti correnti 5,5 milioni", "trasferimenti ministeriali per il funzionamento degli uffici giudiziari per il 2011 e il 2012 per 28,6 milioni" e, infine, i"contributi erariali per 5,7 milioni". Invece, bacchettano i giudici, li avete spesi in altro denotando "una sostanziale difficoltà nella gestione dei flussi di cassa" e mettendo a rischio "l' equilibrio e la stabilità finanziaria dell' ente".

 

Altro capitolo dolente: la "presenza consistente di residui attivi vetusti". Si tratta di crediti che ogni ente spera di recuperare prima o poi: multe, tasse e così via.

DARIO NARDELLA MATTEO RENZI DARIO NARDELLA MATTEO RENZI

Crediti che trascorsi alcuni anni devono essere trasformati in inesigibili. I "residui attivi vetusti" di Palazzo Vecchio per laCorte sono troppi e troppi vecchi: risalgono a prima del 2009. Quindi vanno ri conteggiati perché "laloro elevata incidenza percentuale comporta unpotenziale rischio per latenuta degli equilibri di bilancio negli esercizi successivi".

 

Condividi questo articolo

politica

FLASH! SIETE CURIOSI DI SAPERE PERCHÉ IL GIOVANE DIBBA SPARI UN GIORNO SÌ E L'ALTRO PURE CONTRO I SUOI AMICI GRILLINI? BEH, IL CHE GUEVARA DI PONTE MILVIO A MARZO 2018 AVEVA DECLINATO L'OFFERTA DI UN MINISTERO CONVINTO CHE IL SUO MOMENTO DA LEADER SAREBBE ARRIVATO PRESTO. INVECE, VISTI I CHIARI DI LUNA, LUI NEL CONTE-BIS UN POSTO LO VOLEVA ECCOME, SOLO CHE SI È DOVUTO SCONTRARE COL VETO DEL PD. UN VETO CHE A DI MAIO È PIACIUTO MOLTO… - AMORALE DELLA FAVA: SE OGGI SI DESSE FUOCO COME UN BONZO DAVANTI A PALAZZO CHIGI, I SUOI COMPAGNI DI PARTITO MANCO SE NE ACCORGEREBBERO…

ITALIA FATTA A MAGLIE - CARO DAGO, NON SONO IN GRA-MAGLIE PER SALVINI: NON SAI CHE SOLLIEVO SAPERE CHE FRANCESCHINI POTRÀ PRANZARE NELLE TRATTORIE ROMANE SENZA CHE QUALCHE GRILLINO LO INSULTI. A ME L'OPPOSIZIONE MI METTE DI BUONUMORE, E DAL GOVERNO PASSATO NON AVEVO OTTENUTO NEMMENO UNO STRACCIO DI STRISCIA DI 5 MINUTI (VERO, GIANLUIGI PARAGONE?). CERTO, TRUMP HA CACCIATO BOLTON COME UN TONINELLI QUALUNQUE, E SI È PRESO IN CARICO GIUSEPPI CONTE, MA IL FALCO È GIÀ STATO VENDICATO