POVERO CONTE, GLI SI È RIMPICCIOLITO…IL REDDITO! - E' PASSATO DA 1,1 MILIONI DEL 2019 AI 158 MILA EURO DEL 2020 - TRA I MINISTRI IL PIU' RICCO E' LUCIANA LAMORGESE: 229 MILA EURO E HA LIQUIDATO TUTTE LE SUE AZIONI E I DERIVATI - AL TERZO POSTO C'È IL MINISTRO DELLA DIFESA, LORENZO GUERINI CON 128.687 EURO - I PIÙ POVERI? VINCENZO AMENDOLA (33.375 EURO) E ROBERTO GUALTIERI (31.874 EURO)

-

Condividi questo articolo

N.C. per "Libero quotidiano"

 

CONTE LAMORGESE CONTE LAMORGESE

Un milione di euro in meno. Il reddito del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, in un anno è passato dagli 1,1 milioni del 2019 - per l'esattezza 1.155.229 euro dichiarati - a 158.474 euro del 2020. È quanto emerge dalle dichiarazioni patrimoniali disponibili sul sito del Parlamento. Lo scorso anno, del resto, l'imponibile del presidente del Consiglio aveva subito un'impennata di 700mila euro dovuta, secondo quanto precisò Palazzo Chigi, al fatto che quando aveva assunto l'incarico di capo del governo, Conte aveva dovuto chiudere tutti gli incarichi pendenti emettendo le relative fatture.

 

guerini guerini

Tra i membri del governo di cui sono disponibili le dichiarazioni dei redditi - sul sito del Parlamento mancano all'appello ancora Stefano Patuanelli (Sviluppo economico), Gaetano Manfredi (Università), Teresa Bellanova (Politiche agricole), Paola De Micheli (Infrastrutture e Trasporti) e Nunzia Catalfo (Pubblica amministrazione) - è invece il ministro dell'Interno, Luciana Lamorgese, la più ricca: la titolare del Viminale ha dichiarato nel 2020 229.160 euro e ha liquidato tutte le azioni e i derivati tra aprile e maggio di quest' anno.

 

vincenzo amendola vincenzo amendola

Dietro di lei, il premier e al terzo posto il ministro della Difesa, il dem Lorenzo Guerini con 128.687 euro. Poi ci sono il ministro dell'Ambiente, il grillino Sergio Costa, con 99.703 euro e quello degli Affari regionali, il pd Francesco Boccia, con 98.471 euro. La stessa cifra di Boccia la dichiarano anche la ministra della Pubblica amministrazione, Fabiana Dadone e il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, entrambi esponenti del Movimento 5 Stelle.

 

Come pure il ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora, che segue con 97.223 euro, il ministro dell'Istruzione, Lucia Azzolina, 96.275 euro, il ministro per i Rapporti con il Parlamento, Federico D'Incà, con 95.815 euro, il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, con 93.436 euro. Il ministro del Sud, Giuseppe Provenzano, del Pd, si attesta a 90.474 euro, mentre Roberto Speranza, ministro della Salute, esponente di LeU, a 80.542 euro.

roberto gualtieri roberto gualtieri

 

Gli altri: la ministra per l'Innovazione, Paola Pisano, arriva a 81.441 euro, Dario Franceschini, ministro della Cultura e capodelegazione democratico al governo, a 78.545 euro, la ministra per le Pari Opportunità, Elena Bonetti (Italia Viva), a 70.364 euro. Fanalini di coda sono Vincenzo Amendola (Affari Europei, del Pd) con 33.375 euro e Roberto Gualtieri (Economia, pure lui esponente dem) con 31.874 euro.

 

Condividi questo articolo

politica