POVERO CROSETTO: HA LASCIATO LA POLITICA MA E’ SEMPRE SUI GIORNALI A RASSICURARE I MERCATI SU FRATELLI D’ITALIA, A CONSIGLIARE GIORGIA MELONI E A TRACCIARE SCENARI POLITICI - GLI TOLGONO TEMPO PREZIOSO PER FARE IL PRESIDENTE DELL’AIAD - “I NO DI FDI AL PNRR? UN ECCESSO DI PIGNOLERIA. NON FURONO VOTI CONTRARI, MA ASTENSIONI. C'ERA LA PREOCCUPAZIONE CHE GLI STATI NON RIUSCISSERO POI A RISPETTARE I VARI PARAMETRI EUROPEI. IN AUTUNNO AVREMO LA NECESSITÀ DI AFFRONTARE UNA GRANDE EMERGENZA ECONOMICA E SOCIALE. E LA BARRA DRITTA SI TIENE ANCHE SAPENDO CHE AVREMO NECESSITÀ DI AIUTO DAL CONTESTO EUROPEO E INTERNAZIONALE…”

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Concetto Vecchio per “la Repubblica”

 

CROSETTO MELONI CROSETTO MELONI

[…] Guido Crosetto, fondatore di Fratelli d'Italia, l'impressione è che l'Europa non si fidi di Giorgia Meloni.

«Guardi che è un'impressione della politica italiana, che gode nello screditare l'avversario all'estero per poi indebolirlo internamente. […]».

 

[…] Non sono opinioni ma fatti i cinque voti ostili al Recovery e al Pnrr in Parlamento e a Straburgo e messi in fila ieri da "Repubblica".

«Quelle semmai erano posizioni di eccessiva pignoleria. Non furono voti contrari, ma astensioni. C'era la preoccupazione che gli Stati non riuscissero poi a rispettare i vari parametri europei, non a caso alcuni di quei requisiti sono stati poi corretti.

Quando si è passati al merito Fratelli d'Italia ha sempre votato a favore».

 

guido crosetto giorgia meloni atreju guido crosetto giorgia meloni atreju

[…] E quindi i miliardi che l'Europa ci ha promesso con il Pnrr non corrono rischi?

«[…] Credo che a nessun partito del centrodestra venga in mente di rinunciare ad investire una cifra che vale il 2 per cento annuo del Pil, per 5 anni».

 

Rimanete partito euroscettico?

«No, ci sono due Europa: quella del Pnrr e quella che strangolò la Grecia. La prima, quella che sa fare comunità, ci piace, la seconda no».

 

Che vuol dire lo slogan "Meno Europa, ma meglio?"

«Che alcuni burocratismi sono surreali e distruttivi, tipo stabilire l'esatta dimensione dei cetrioli».

Crosetto Meloni Crosetto Meloni

 

Che approccio avrà Meloni?

«In autunno avremo la necessità di affrontare una grande emergenza economica e sociale. E la barra dritta si tiene anche sapendo che avremo necessità di aiuto dal contesto europeo e internazionale nel quale l'Italia è collocata»

 

[…] Sui migranti qual è la posizione?

«Smettetela di dire che farebbero morire le persone in mare: saranno sempre salvate».  […]

 

[…] Fratelli d'Italia ha la classe dirigente per governare?

«Sì, molta, anche se non conosciuta. Ma la potrà arruolare fuori dal partito, tra bravi tecnici». […]

GUIDO CROSETTO E GIORGIA MELONI GUIDO CROSETTO E GIORGIA MELONI

 

Condividi questo articolo

politica

DAGOREPORT! CRONACHE DALL’ASILO MARIUCCIA A 5 STELLE - IL PROSSIMO MATCH TRA GRILLO E CONTE È IN AGENDA DOPO IL 25 SETTEMBRE: SE IL MOVIMENTO VA SOTTO IL 10% E PERSISTERANNO GLI ATTUALI SCAZZI TRA IL FONDATORE E L’AVVOCATO, CON IL COMPLEMENTO IN CHIAVE ESTREMISTICA DELLA RAGGI E DI BATTISTA, CONTE POTREBBE RIPETERE L’ITER DI DI MAIO: SCISSIONE, PORTANDOSI APPRESSO UNA PATTUGLIA DI PARLAMENTARI FEDELISSIMI - UNA VOLTA FUORI, GIUSEPPI SARÀ LIBERO, IN TESTA AL SUO NUOVO PARTITO, DI CORRERE TRA LE BRACCIA DI BETTINI E ZINGARETTI, ORLANDO E BOCCIA, CHE LO ATTENDONO IMPAZIENTI…

“BERLUSCONI HA DETTO UNA COSA OVVIA MA È STATA USATA PER LA SOLITA GAZZARRA POLITICA” – BELPIETRO CONTRO IL "MONARCA" MATTARELLA: “IN NESSUNA DEMOCRAZIA OCCIDENTALE UN UOMO CHE NON SIA STATO ELETTO POTREBBE RIMANERE PER UN COSÌ LUNGO PERIODO AI VERTICI DELLE ISTITUZIONI” – “SE GLI ITALIANI VOGLIONO DECIDERE DA CHI FARSI RAPPRESENTARE, È EVIDENTE CHE CHI LI RAPPRESENTA OGGI NON È PIÙ LEGITTIMATO A FARLO” – “LA SINISTRA È TERRORIZZATA ALLA SOLA IDEA CHE A DECIDERE IL CAPO DELLO STATO NON SIA LA PARROCCHIETTA LORO, MA GLI ITALIANI. LA COSA PARADOSSALE È CHE..."

GIORGIA, L’OSSESSIONE DI SALVINI – LA MELONI È LA BESTIA NERA DEL “CAPITONE”: PRIMA CHE SI METTESSE DI TRAVERSO ANDAVA TUTTO BENE, POI DAL PAPEETE IN POI, È ANDATO TUTTO STORTO – IL “CORRIERE”: “MATTEO SI VEDE COSTRETTO A SCOMODARE GIULIO CESARE E UNO DI SUOI MOTTI: SE NON PUOI BATTERLI, UNISCITI A LORO. CHE NELLA TRADUZIONE LETTERALE SUONA COSÌ: SE NON PUOI SCONFIGGERE IL TUO NEMICO, FATTELO AMICO. SEMPRE CHE GIORGIA CI CASCHI” - L'ESORDIO TV CON CORRADO TEDESCHI, IL GOVERNO CON DI MAIO, IL 34% E LE MAGLIETTE CON PUTIN: IL RITRATTONE