PRESTO: UN CAPO DELLA COMUNICAZIONE A PALAZZO CHIGI! - NON SI PUÒ ESSERE “UNDERDOG” PER SEMPRE: NELLO STAFF DELLA MELONI, CHE CONTINUA A RACCONTARLA COME LEADER DI OPPOSIZIONE, NON SI CAPISCE CHI FACCIA COSA. E L'EFFETTO SI VEDE – IL “RACCONTO” È AFFIDATO ALLA PORTAVOCE STORICA, GIOVANNA IANNIELLO, E ALLA “SUPERCONSULENTE” PATRIZIA SCURTI. PER SVOLTARE, SI FA INSISTENTE LA VOCE DI UN CAPO DELLA COMUNICAZIONE, E SI FA IL NOME DI GUIDO RIVOLTA – LE CHIAMATE A FINI QUANDO IL GOVERNO È IN DIFFICOLTÀ

-

Condividi questo articolo


GIORGIA MELONI GIOVANNA IANNIELLO GIORGIA MELONI GIOVANNA IANNIELLO

Estratto dell’articolo di Carmelo Caruso per “il Foglio”

 

[…] Giorgia Meloni non riesce ancora a raccontarsi e il suo staff la racconta ancora come leader di opposizione. C’è un guasto all’origine.

 

La portavoce della premier ha oggi un ruolo indefinito mentre il capo ufficio stampa di Palazzo Chigi è in realtà un vicecapo ufficio stampa. Non si è capito cosa faccia l’uno e cosa faccia l’altro. Manca una figura che si relazioni chiaramente con i giornali esteri. Manca un collegamento con i ministri.  Qual è la “voce” del presidente del Consiglio?

 

FABRIZIO ALFANO FABRIZIO ALFANO

[…] A occuparsi inizialmente della stampa estera è stata la portavoce storica della premier Giovanna Ianniello, ma dopo pochi giorni il compito è stato delegato a Paolo Quadrozzi, altro componente dell’ufficio stampa che si occupa di preparare i dossier per Meloni. Quadrozzi è il cognato di Ianniello. Oggi secondo quel giornalista estero anche Quadrozzi “è irraggiungibile”. Ianniello e Quadrozzi costituiscono il nucleo storico di FdI trasferito a Palazzo Chigi.

 

[…] Dal 23 novembre 2022 […]  Meloni ha gestito la comunicazione in maniera unidirezionale. Spiega un professionista che ha lavorato a Palazzo Chigi che “oggi Meloni ha la sindrome Calimero. E’ la sindrome di chi immagina il mondo ostile. […]. E’ una sorta di risentimento, di revanscismo, da parte di FdI”. C’è una frase che molti cronisti si sono sentiti rivolgere in romano: “Prima un ce cercavate e mo’ ce cercate”.

 

gianfranco fini parla di giorgia meloni a mezzora in piu gianfranco fini parla di giorgia meloni a mezzora in piu

La portavoce di Meloni, Ianniello, è inquadrata come coordinatrice della comunicazione istituzionale. La figura che si occupa di comunicazione di governo è Fabrizio Alfano, ex portavoce di Gianfranco Fini, già giornalista dell’Agi con una lunga esperienza, che però, come precisato all’inizio, è vicecapo ufficio stampa.  […] A sua volta Ianniello si confronta con  quella che è definita la “superconsulente della comunicazione di Meloni”. […]

 

MELONI XI JINPING 45 MELONI XI JINPING 45

Si tratta della segretaria personale di Meloni, Patrizia Scurti. […] Scurti era presente ad Algeri e si dice fosse presente perfino nell’incontro che Meloni ha avuto con  Biden e Xi Jinping. […]  Oggi il racconto di governo si compone di tre passaggi: Meloni-Scurti-Ianniello. Ianniello e Scurti hanno le chiavi di una comunicazione che sta puntando ancora sulla Meloni underdog e che si serve di  Fini.  Quando il governo è in difficoltà viene chiamato l’ex presidente della Camera.

 

JOE BIDEN GIORGIA MELONI JOE BIDEN GIORGIA MELONI

[…]  Ecco perché si fa insistente la voce di un capo della comunicazione di governo. E’ un ruolo che nel governo Prodi aveva Sircana. Nei mesi scorsi si era fatto il nome di Guido Rivolta, ex direttore generale delle relazioni istituzionali di Cdp, giornalista economico per il Sole 24 ore. […]

giorgia meloni gianfranco fini 2007 giorgia meloni gianfranco fini 2007 silvio berlusconi gianfranco fini giorgia meloni silvio berlusconi gianfranco fini giorgia meloni scholz biden meloni g20 bali scholz biden meloni g20 bali gianfranco fini e giorgia meloni nel 2011 gianfranco fini e giorgia meloni nel 2011

andrea giambruno giovanna ianniello andrea giambruno giovanna ianniello

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – RISIKO BESTIALE A BRUXELLES! URSULA VON DER LEYEN, NONOSTANTE I VETI DEL TRIO TUSK-MACRON-SCHOLZ, S’ALLISCIA LA MELONI PER BLOCCARE I FRANCHI TIRATORI TRA POPOLARI E SOCIALISTI. MA L’INCIUCIONE SARÀ RIVELATO DOPO IL VOTO: SE L’ITALIA INCASSERÀ UN COMMISSARIO DI PESO, FRATELLI D’ITALIA SI SARÀ APPECORONATO ALLA COFANA TEDESCA (E ALLORA SÌ CHE SALVINI E LE PEN INIZIERANNO A CECCHINARE LA “TRADITRICE” GIORGIA) – OCCHIO A MACRON: ANCHE SE INDEBOLITO PER L’AVANZATA DELLE DESTRE IN FRANCIA, DA “ANIMALE FERITO” PUÒ DIVENTARE UNA MINA VAGANTE

FLASH! - COSA PUOI FARE PER DENUNCIARE LE GUERRE NEL MONDO? PER NON SBAGLIARE, VAI A CASA E ARRUOLA TUA MOGLIE! - È QUELLO CHE DEVE AVER PENSATO IL PRESIDENTE DEL CENTRO SPERIMENTALE DI CINEMATOGRAFIA SERGIO CASTELLITTO QUANDO SI È INVENTATO “DIASPORA DEGLI ARTISTI IN GUERRA”. AL CENTRO DELL’EVENTO, FINANZIATO DAL PNRR, BRILLA IL LONGANESIANO “TENGO FAMIGLIA”: LA SCRITTRICE MARGARET MAZZANTINI, MOGLIE DI CASTELLITTO, CONVERSERÀ CON DAVID GROSSMAN – A SANGIULIANO, CUI DIPENDE IL CSC, PARE OPPORTUNO CHE TRA TANTI LETTERATI IN CIRCOLAZIONE, SI VA A SCEGLIERE LA PROPRIA CONIUGE? 

STREGA CONTRO STREGA – SOSPINTA DA QUEI SALOTTI ROMANI ALL’INSEGNA DELLA ‘’FROCIAGGINE’’, COME DIREBBE IL PAPA, CHIARA VALERIO STA INSEGUENDO LA FAVORITISSIMA DONATELLA DI PIETRANTONIO - ALL’INIZIO LA VALERIO SOSTENEVA CHE LEI MAI E POI MAI AVREBBE PARTECIPATO ALLO STREGA E CHE CON IL SUO ROMANZO AMBIVA AL PREMIO CAMPIELLO. INVECE, MISTERO DEI MISTERI, AL CAMPIELLO PRESIEDUTO DA VELTRONI IL NOME VALERIO NON È MAI APPARSO TRA I CANDIDATI. COME MAI? UN DISSAPORE CON VELTRONI DA PARTE DI CHIARA MOLTO LEGATA A ELLY SCHLEIN CHE NON AMA WALTER-EGO? AH, SAPERLO…