PRESTO: UN CAPO DELLA COMUNICAZIONE A PALAZZO CHIGI! - NON SI PUÒ ESSERE “UNDERDOG” PER SEMPRE: NELLO STAFF DELLA MELONI, CHE CONTINUA A RACCONTARLA COME LEADER DI OPPOSIZIONE, NON SI CAPISCE CHI FACCIA COSA. E L'EFFETTO SI VEDE – IL “RACCONTO” È AFFIDATO ALLA PORTAVOCE STORICA, GIOVANNA IANNIELLO, E ALLA “SUPERCONSULENTE” PATRIZIA SCURTI. PER SVOLTARE, SI FA INSISTENTE LA VOCE DI UN CAPO DELLA COMUNICAZIONE, E SI FA IL NOME DI GUIDO RIVOLTA – LE CHIAMATE A FINI QUANDO IL GOVERNO È IN DIFFICOLTÀ

-

Condividi questo articolo


GIORGIA MELONI GIOVANNA IANNIELLO GIORGIA MELONI GIOVANNA IANNIELLO

Estratto dell’articolo di Carmelo Caruso per “il Foglio”

 

[…] Giorgia Meloni non riesce ancora a raccontarsi e il suo staff la racconta ancora come leader di opposizione. C’è un guasto all’origine.

 

La portavoce della premier ha oggi un ruolo indefinito mentre il capo ufficio stampa di Palazzo Chigi è in realtà un vicecapo ufficio stampa. Non si è capito cosa faccia l’uno e cosa faccia l’altro. Manca una figura che si relazioni chiaramente con i giornali esteri. Manca un collegamento con i ministri.  Qual è la “voce” del presidente del Consiglio?

 

FABRIZIO ALFANO FABRIZIO ALFANO

[…] A occuparsi inizialmente della stampa estera è stata la portavoce storica della premier Giovanna Ianniello, ma dopo pochi giorni il compito è stato delegato a Paolo Quadrozzi, altro componente dell’ufficio stampa che si occupa di preparare i dossier per Meloni. Quadrozzi è il cognato di Ianniello. Oggi secondo quel giornalista estero anche Quadrozzi “è irraggiungibile”. Ianniello e Quadrozzi costituiscono il nucleo storico di FdI trasferito a Palazzo Chigi.

 

[…] Dal 23 novembre 2022 […]  Meloni ha gestito la comunicazione in maniera unidirezionale. Spiega un professionista che ha lavorato a Palazzo Chigi che “oggi Meloni ha la sindrome Calimero. E’ la sindrome di chi immagina il mondo ostile. […]. E’ una sorta di risentimento, di revanscismo, da parte di FdI”. C’è una frase che molti cronisti si sono sentiti rivolgere in romano: “Prima un ce cercavate e mo’ ce cercate”.

 

gianfranco fini parla di giorgia meloni a mezzora in piu gianfranco fini parla di giorgia meloni a mezzora in piu

La portavoce di Meloni, Ianniello, è inquadrata come coordinatrice della comunicazione istituzionale. La figura che si occupa di comunicazione di governo è Fabrizio Alfano, ex portavoce di Gianfranco Fini, già giornalista dell’Agi con una lunga esperienza, che però, come precisato all’inizio, è vicecapo ufficio stampa.  […] A sua volta Ianniello si confronta con  quella che è definita la “superconsulente della comunicazione di Meloni”. […]

 

MELONI XI JINPING 45 MELONI XI JINPING 45

Si tratta della segretaria personale di Meloni, Patrizia Scurti. […] Scurti era presente ad Algeri e si dice fosse presente perfino nell’incontro che Meloni ha avuto con  Biden e Xi Jinping. […]  Oggi il racconto di governo si compone di tre passaggi: Meloni-Scurti-Ianniello. Ianniello e Scurti hanno le chiavi di una comunicazione che sta puntando ancora sulla Meloni underdog e che si serve di  Fini.  Quando il governo è in difficoltà viene chiamato l’ex presidente della Camera.

 

JOE BIDEN GIORGIA MELONI JOE BIDEN GIORGIA MELONI

[…]  Ecco perché si fa insistente la voce di un capo della comunicazione di governo. E’ un ruolo che nel governo Prodi aveva Sircana. Nei mesi scorsi si era fatto il nome di Guido Rivolta, ex direttore generale delle relazioni istituzionali di Cdp, giornalista economico per il Sole 24 ore. […]

giorgia meloni gianfranco fini 2007 giorgia meloni gianfranco fini 2007 silvio berlusconi gianfranco fini giorgia meloni silvio berlusconi gianfranco fini giorgia meloni scholz biden meloni g20 bali scholz biden meloni g20 bali gianfranco fini e giorgia meloni nel 2011 gianfranco fini e giorgia meloni nel 2011

andrea giambruno giovanna ianniello andrea giambruno giovanna ianniello

 

Condividi questo articolo

politica

VI RICORDATE DI VIRGINIA SANJUST DI TEULADA, EX SIGNORINA BUONASERA E GIÀ COCCA DI BERLUSCONI? LA PROCURA DI ROMA HA CHIESTO IL RINVIO A GIUDIZIO PER LA 45ENNE, CON UN PEDIGREE FAMILIARE NOBILE PER STALKING NEI CONFRONTI DELL’EX COMPAGNO E PER AVER DEVASTATO LA CASA DELLA NONNA, L'EX STELLA DEL CINEMA ANTONELLA LUALDI, CHE NON VOLEVA DARLE SOLDI – IL RAPPORTO CON L’AGENTE DEL SISDE FEDERICO ARMATI E LA “RELAZIONE PARTICOLARE” CON IL CAV: “MI AVEVA PRESO A CUORE MA È L’UOMO PIÙ IMPOTENTE DEL MONDO"

“PENSO CHE UN COLPO DI STATO MILITARE POSSA ESSERE POSSIBILE” – PUTIN È ALLE BATTUTE FINALI? SECONDO ABBAS GALLYAMOV, EX SPEECHWRITER DEL PRESIDENTE RUSSO, SÌ: “L’ECONOMIA STA PEGGIORANDO E LA GUERRA È PERSA. I RUSSI CERCHERANNO DI TROVARE UNA SPIEGAZIONE DEL PERCHÉ TUTTO QUESTO STA ACCADENDO. SI RISPONDERANNO DA SOLI. TEMPO UN ANNO, UN COLPO DI STATO DIVENTA REALE. SENZA VITTORIA SULL'UCRAINA, DOVRÀ AFFRONTARE I RUSSI IN DIFFICOLTÀ. I RUSSI NON HANNO BISOGNO DI LUI SE NON È FORTE. POTREBBE…”

“FACCETTA ROSSA” – ALDO GRASSO IRONIZZA SU GUIDO CROSETTO CHE HA CEDUTO ALLE INSISTENZE DI FIORELLO E HA INTONATO “BELLA CIAO”  - ALDO CAZZULLO SPIEGA PERCHE’ IL MINISTRO DELLA DIFESA HA CANTATO IL BRANO SIMBOLO DELLA RESISTENZA: "LO HA FATTO PER NON DARE UN DISPIACERE A FIORELLO E POI PERCHE’ E’ DI MARENE, IN PIEMONTE. DALLE SUE PARTI, CHE POI SONO LE MIE, QUANDO INTONAVAMO ‘BELLA CIAO’ DA RAGAZZI NON ERAVAMO NEPPURE SFIORATI DALL’IDEA DI FARE UNA COSA DI SINISTRA. PERALTRO QUEL BRANO I PARTIGIANI NON L'AVEVANO MAI CANTATO…" - VIDEO