1. PUR DI RESTARE A PALAZZO CHIGI, CONTE È PRONTO ALLA PIÙ UMILIANTE DELLE SCONFITTE
2. CONTE OFFRE A MATTEO RENZI TUTTO QUELLO CHE È POSSIBILE OFFRIRE SUL RECOVERY, MES, RIMPASTO E SERVIZI. A QUEL PUNTO, PITTIBOMBA DIRÀ CHE UN “RAFFORZAMENTO DELLA SQUADRA DI GOVERNO” NON PUÒ SIGNIFICARE CAMBIARE DUE MINISTRI, CATALFO E DE MICHELI
3. PER UNA “CRISI PILOTATA”, OCCORRONO LE DIMISSIONI DEI MINISTRI DA SBOLOGNARE. SEMBRA FACILE MA NON LO È : GIÀ PAOLA DE MICHELI HA ANNUNCIATO CHE NON MOLLERÀ LA POLTRONA
4. SE I MINISTRI NON SI DIMETTONO VOLONTARIAMENTE, SI VA VERSO LA CRISI FORMALE: DIMISSIONI DI CONTE, NUOVO GOVERNO E FIDUCIA IN PARLAMENTO. E CHI VIVRÀ, VEDRÀ...

Condividi questo articolo

Conte Casalino Conte Casalino

DAGOREPORT

 

La via trucis di Conte ieri è stata passata al telefono rallegrata dalle pressioni di esponenti Dem e dall’ignobile intervista a “Repubblica” dell’ex Dem Minimo D’Alema che eleva a statista Goffredo Bettini (sì, proprio colui che prendeva per culo quando era segretario dei Ds).

 

goffredo bettini goffredo bettini

E Goffredone ha passato la giornata al telefono con il premier per caos. Risultato: un post su Facebook nel quale lo schiavo di Casalino offre a Matteo Renzi tutto quello che è possibile offrire sul Recovery e Servizi (compreso la cancellazione della Fondazione per la Cybersecurity). Per non lasciargli alibi, Giuseppi propone anche un “rafforzamento della squadra di governo”. Alias, un rimpasto. Vale a dire la sostituzione dei ministri incolori e inadeguati con altri di ben altro spessore.

 

massimo d alema matteo renzi massimo d alema matteo renzi

Altra mossa: Conte convocherà nelle prossime ore un vertice dei leader dei partiti di maggioranza così ognuno scoprirà le sue carte. Se le carte di Conte, come è probabile, saranno tutte molte vicine alle richieste di Renzi (Recovery, Mes, Servizi), a quel punto Pittibomba dirà che un “rafforzamento della squadra di governo” non può significare cambiare la Catalfo e la De Micheli (due donne, sic!).

 

Secondo: per una “crisi pilotata”, che non presume il dramma della sfiducia in aula, come vuole il terrorizzato Conte, ma prevede che il premier salga al Quirinale già con i nomi del nuovo governo per un reincarico immediato, occorrono le dimissioni dei ministri da sbolognare.

 

nunzia catalfo nunzia catalfo

Sembra facile ma non lo è per niente: già Paola De Micheli ha annunciato che non mollerà la poltrona. Al quel punto, se i ministri non si dimettono volontariamente, si va verso la crisi formale: dimissioni di Conte, nuovo governo e fiducia in Parlamento. E chi vivrà, vedrà…

 

Se Mister 2 per cento otterrà l’umiliazione di Conte e la disfatta del duplex Casalino-Travaglio, non gli converrà alzare l’asticella. Per mettere in piedi un governo istituzionale occorrono le consultazioni, fare una squadra di governo, soddisfare gli appetiti dei partiti, eccetera: non è semplice.

 

PAOLA DE MICHELI PAOLA DE MICHELI

Molto meglio fare il kingmaker fra quell’ameba di Zingaretti che subisce tutto e un Di Maio silente che sta giocando di sponda perché sa che ogni sua dichiarazione potrebbe scatenare reazioni imprevedibili in quel circo barnum che è diventato il Movimento 5 stelle.

NICOLA ZINGARETTI E GIUSEPPE CONTE NICOLA ZINGARETTI E GIUSEPPE CONTE

 

Condividi questo articolo

politica

STAVOLTA PAGA ROCCO - CECCARELLI: "IL POTERE ESIGE SACRIFICI UMANI, PER CUI CONTE, SE DAVVERO VUOLE RESTARE, POTREBBE ESSERE COSTRETTO A IMMOLARE CASALINO SULL'ALTARE DEL SUO IPOTETICO GOVERNO TER. TANTA GENTE NON PUÒ VEDERE CASALINO. ALCUNI, LO GIUDICANO UN PARVENU, UN ABUSIVO. CASALINO, CHE DI CONTE È AMICO, PORTAVOCE, SPIN DOCTOR, MA ANCHE ATTORE, REGISTA E DEMIURGO, HA FATTO DI LUI QUELLO CHE È OGGI. IL PUNTO CRUCIALE È CHE NESSUNO PIÙ DI LUI PARE FIGLIO DI QUESTO TEMPO E DI QUESTO POTERE INQUALIFICABILE"

“I BENETTON VOLEVANO SOLO DIVIDENDI, DIVIDENDI, DIVIDENDI…” – LE TELEFONATE TRA L’AMMINISTRATORE DELEGATO DI ATLANTIA CARLO BERTAZZO, IL PRESIDENTE FABIO CERCHIAI E GIANNI MION CHE PARLANO ALLEGRAMENTE DI CASTELLUCCI E DELLE STRATEGIE DELLA HOLDING: “LUI DICE CHE DEVONO USCIRE. SE LUI DICESSE I BENETTON SONO DEI CAZZONI, PUÒ ESSERE. MA CHE L'ABBIANO INGESSATO COSTRINGENDOLO CON QUESTI DIVIDENDI, NON CI CREDO" – "È UNA DIFESA INDEGNA, MENTRE LUI STA LAVORANDO CON QUALCHE FONDO PER ORGANIZZARE LA CORDATA..."