PUTINATE! C’E’ LA RUSSIA DIETRO LA MORTE DI LITVINENKO E L’AVVELENAMENTO DI SKRIPAL: LE SENTENZE DELLA CORTE DI STRASBURGO E DELLA MAGISTRATURA INGLESE – L’EX AGENTE DEL KGB LITVINENKO FU UCCISO NEL 2006 A LONDRA CON UNA DOSE DI POLONIO RADIOATTIVO VERSATO NELLA TAZZA DI TE’ DA DUE AGENTI SEGRETI (UNO DEI QUALI E’ DIVENTATO PARLAMENTARE) - SKRIPAL FU OGGETTO DI UN TENTATIVO DI AVVELENAMENTO MENTRE ERA CON LA FIGLIA YULIA. AD ACCOMUNARE LE DUE VITTIME IL FATTO CHE...

-

Condividi questo articolo


Luigi Ippolito per corriere.it

 

PUTIN PUTIN

Le trame assassine del regime di Vladimir Putin sono state portate ulteriormente alla luce da due procedimenti giudiziari, a Strasburgo e a Londra.

 

Da un lato, la Corte Europea per i Diritti Umani ha giudicato la Russia responsabile dell’avvelenamento di Aleksandr Litvinenko, l’ex agente del Kgb ucciso nel 2006 nella capitale britannica con una dose di polonio radioattivo; dall’altro lato, la magistratura inglese ha incriminato il «regista» dell’attacco chimico condotto nel 2018 a Salisbury contro l’ex agente russo Serghej Skripal: anche in questo caso, a essere accusato è un ufficiale dei servizi militari russi.

 

LITVINENKO LITVINENKO

Alla Corte Europea si era rivolta Marina, la vedova di Litvinenko: e i giudici di Strasburgo hanno concordato pienamente con i risultati dell’inchiesta britannica, che già 5 anni fa aveva stabilito che l’assassinio dell’ex spia diventato dissidente era stato «probabilmente approvato» da Putin in persona. Gli inquirenti britannici avevano individuati i killer in due russi, Andrej Lugovoj e Dmitrij Kovtun: e secondo la Corte Europea, i due si sono mossi «come agenti dello Stato russo».

 

putin putin

Gli uomini di Mosca hanno sempre negato ogni responsabilità e Lugovoj è addirittura diventato deputato nel Parlamento moscovita: ma i magistrati di Strasburgo hanno stabilito «oltre ogni ragionevole dubbio» che i due russi hanno versato il polonio nella tazza di tè che ha avvelenato Litvinenko. Alla sua vedova è stato riconosciuto un risarcimento di 100 mila sterline.

 

Contemporaneamente, in Inghilterra, la Procura della Corona ha autorizzato l’incriminazione di Denis Sergeev, un agente russo considerato il coordinatore del commando di due uomini che tre anni fa avvelenò a Salisbury col nervino l’ex spia Serghej Skripal e sua figlia Yulia. I due sopravvissero, ma alcuni mesi dopo una donna britannica, Dawn Sturgess, trovò in un parco una fiala abbandonata col veleno e rimase uccisa.

sergej skripal sergej skripal

 

Sergeev era stato smascherato già più di due anni fa dal sito investigativo Bellingcat, ma solo ora si è arrivati alla conclusione di un’inchiesta formale. Sia lui che gli altri due esecutori materiali dell’attacco erano agenti del Gru, i servizi segreti militari russi, ed erano stati responsabili di altre azioni di assassinio e sabotaggio in giro per l’Europa: e secondo i britannici «solo lo Stato russo aveva i mezzi tecnici, l’esperienza e le motivazioni per portare a termine l’attacco» a Salisbury.

 

Skripal e la figlia Skripal e la figlia

Ad accomunare Litvinenko e Skripal c’era il fatto che si trattava di agenti segreti russi che erano passati dalla parte dell’Occidente: il primo era diventato un aperto critico del Cremlino mentre il secondo aveva preso a collaborare con i servizi britannici. Agli occhi di Putin, due «traditori» la cui morte doveva servire da monito per tutti.

putin putin vladimir putin vince le elezioni vladimir putin vince le elezioni Alexander V Litvinenko Alexander V Litvinenko

 

 

Condividi questo articolo

politica

PUNTANO A PALAZZO CHIGI MA GLI SERVIREBBE UN CONSIGLIO COMUNALE - COSA SAREBBE SUCCESSO SE GIORGIA MELONI E MATTEO SALVINI SI FOSSERO CANDIDATI ALLA CARICA DI SINDACO A ROMA E A MILANO? - POLITO: "MI PRENDERANNO PER MATTO. MA TI PARE CHE IN ITALIA I SEGRETARI DI DUE TRA I PRIMI TRE PARTITI METTONO IN GIOCO LA LORO CARRIERA PER FARE IL SINDACO? EPPURE, COME LI AVREBBE CAMBIATI QUEL LAVORO! CHE TERAPIA SAREBBE STATA PER LIBERARSI DEI VIZI POLITICI DI ENTRAMBI! IMMAGINATE GIORGIA MELONI CANDIDATA A ROMA: CHE COSA AVREBBE DETTO DEGLI SQUADRISTI CHE IN UN SABATO DI PASSEGGIATE E SHOPPING HANNO MESSO A FERRO E FUOCO IL CENTRO DI ROMA?"