QUANDO XI JINPING PARLA DI UCRAINA PENSA A TAIWAN – UNO DEI PUNTI DEL “PIANO DI PACE” CINESE RIGUARDA “LA SOVRANITÀ, L’INDIPENDENZA E L’INTEGRITÀ TERRITORIALE” DEI PAESI: PAROLE CHE SERVONO A XI PER CONTINUARE A RIVENDICARE COME CINESE IL TERRITORIO DI TAIPEI. MA GLI ABITANTI NON LA PENSANO COSÌ – IL PRESIDENTE CINESE È STRETTO TRA L’INCUDINE DEL NUOVO ORDINE MONDIALE DA COSTRUIRE E IL MARTELLO DELL’EXPORT: SE PERDE IL MERCATO OCCIDENTALE, È FRITTO. E NON BASTA LA POVERA RUSSIA PER SOSTITUIRLO…

-

Condividi questo articolo


 

1 - L’IDEA DI SOVRANITÀ SECONDO XI JINPING

Estratto dell’articolo di Danilo Taino per il “Corriere della Sera”

 

XI JINPING VLADIMIR PUTIN XI JINPING VLADIMIR PUTIN

Parlare di Ucraina e pensare a Taiwan. Il documento in 12 punti pubblicato il 24 febbraio dal ministero degli Affari Esteri cinese sulla guerra lanciata dalla Russia è stato letto da alcuni come un abbozzo di piano di pace.

 

[…] L’obiettivo del documento è presentare la Cina come forza di pace, in particolare agli occhi dei Paesi del cosiddetto Sud Globale. E c’è un aspetto interessante al primo dei 12 punti, titolato «Rispettare la sovranità di tutti i Paesi». Mentre giura amicizia a Putin e di fatto lo sostiene nella sua impresa bellica di conquista, il vertice cinese dice che «La sovranità, l’indipendenza e l’integrità territoriale di tutti i Paesi deve essere sostenuta efficacemente».

 

LA STRATEGIA DEL PORCOSPINO - TAIWAN VS CINA LA STRATEGIA DEL PORCOSPINO - TAIWAN VS CINA

La contraddizione è palese. Ma serve a Xi per parlare d’altro, per affermare che Taiwan non sarà mai indipendente perché parte della Repubblica Popolare Cinese: la sovranità è dunque cinese e il territorio è cinese. Il guaio, per Pechino, è che a Taiwan non la pensano così.

 

[…] Interrogati l’anno scorso su come definiscono la loro identità, i cittadini di Taiwan hanno risposto così: il 60,8% solo taiwanese, il 32,9% cinese taiwanese, il 2,7% solo cinese. Rispetto al 2020 , sono un po’ diminuiti coloro che si dicono solo taiwanesi, che erano il 64,3% ; e sono aumentati i cinesi-taiwanesi, che erano il 29,9% .

 

VLADIMIR PUTIN XI JINPING - ILLUSTRAZIONE FINANCIAL TIMES VLADIMIR PUTIN XI JINPING - ILLUSTRAZIONE FINANCIAL TIMES

[…] La realtà […] è che meno del 3% degli abitanti di Taiwan si definisce solo cinese. La Repubblica Popolare non ha mai controllato l’isola e chi ci vive non vuole finire sotto il dominio del Partito Comunista Cinese (più del 90% ). Questioni di sovranità.

 

2 - «CAMBIAMENTI MAI VISTI IN CENT’ANNI» IL NUOVO ORDINE GLOBALE DI XI E ZAR PUTIN

Estratto dell’articolo di Guido Santevecchi per il “Corriere della Sera”

 

VLADIMIR PUTIN. VLADIMIR PUTIN.

Saluto finale di Xi Jinping a Vladimir Putin: «Ci sono cambiamenti che non sono avvenuti in cent’anni. Quando siamo insieme, possiamo guidare questi mutamenti». Lapidaria la risposta dell’amico: «Sono d’accordo».

 

Lo zar non può che dichiararsi in linea con il pensiero di Xi: l’unico grande alleato sul quale può contare. Sul tavolo del Vertice del Cremlino c’erano tre temi: il rapporto bilaterale Cina-Russia; la guerra in Ucraina; la sfida tra le due potenze dell’Est e «l’Occidente collettivo», come lo definisce Putin, guardando al fronte costituito da Stati Uniti, Unione europea e alleati del Pacifico come Giappone, Corea del Sud e Australia.

 

XI JINPING VLADIMIR PUTIN XI JINPING VLADIMIR PUTIN

[…] Nella frase di Xi sui cambiamenti mai visti in cent’anni, i politologi di Washington hanno subito letto un ordine di battaglia: Cina e Russia insieme per rovesciare l’ordine mondiale. […] Però, Putin con il suo avventurismo vuole distruggere; Xi che ha molto di più da perdere (i rapporti economici con l’Europa) è più cauto. Per questo ora gioca al pacificatore.

 

[…] Per sostenere il ruolo di pacificatore, ora Xi è obbligato a un colloquio con Volodymyr Zelensky. Non gli ha mai parlato da quando i russi hanno lanciato l’aggressione. Si aspetta un incontro virtuale, una videoconferenza tra Pechino e Kiev. Gli ucraini la invocano: Zelensky vuole sapere «che cosa implica il richiamo alla sovranità e integrità territoriale» messa al punto 1 delle 12 idee cinesi.

 

xi jinping mangia meme xi jinping mangia meme

In quel documento del 24 febbraio non c’è alcun riferimento all’occupazione russa delle province orientali dell’Ucraina e nella dichiarazione congiunta firmata al Cremlino dai due amici manca anche il tema chiave dell’integrità territoriale. Il colloquio con Zelensky sembra rischioso per Xi: il presidente ucraino è un grande comunicatore e, a differenza di Putin, dopo potrebbe rivelare al mondo la vera posizione cinese sull’invasione.

 

Putin ha esaltato il patto d’acciaio commerciale, quasi 200 miliardi di dollari di interscambio previsti nel 2023 (sempre solo un settimo dei commerci della Cina con Stati Uniti ed Unione europea). Ma c’è incertezza sui patti per il gas […]. Lo zar ha annunciato che «Power of Siberia 2» porterà in Cina altri 50 miliardi di metri cubi di gas all’anno […], però non c’è ancora una firma del contratto per il gasdotto che dovrebbe entrare in funzione nel 2030 e far salire a 98 miliardi di metri cubi la fornitura annuale russa.

matrioske di xi jinping e putin a mosca matrioske di xi jinping e putin a mosca

 

Xi non ne ha parlato. È possibile che i pianificatori cinesi aspettino a mettere il timbro rosso sull’accordo o perché non vogliono diventare troppo «dipendenti» dal gas russo (mossa rischiosa come abbiamo scoperto noi europei); o perché magari Xi tiene il contratto come incentivo a Putin se e quando dovesse partire un negoziato con l’Ucraina.

xi jinping con vladimir putin a mosca xi jinping con vladimir putin a mosca CINA TAIWAN CINA TAIWAN xi jinping xi jinping esercito taiwan esercito taiwan esercitazioni militari cinesi vicino a taiwan esercitazioni militari cinesi vicino a taiwan la cina circonda taiwan la cina circonda taiwan XI JINPING VLADIMIR PUTIN 3 XI JINPING VLADIMIR PUTIN 3

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – L’INSOFFERENZA DI AMADEUS VERSO LA RAI È ESPLOSA DURANTE IL FESTIVAL DI SANREMO 2024, QUANDO IL DG RAI GIAMPAOLO ROSSI, SU PRESSIONE DEI MELONI DI PALAZZO CHIGI, PROIBI' AI RAPPRESENTANTI DELLA PROTESTA ANTI-GOVERNATIVA DEI TRATTORI DI SALIRE SUL PALCO DELL'ARISTON - IL CONDUTTORE AVEVA GIÀ LE PALLE PIENE DI PRESSIONI POLITICHE E RACCOMANDAZIONI PRIVATE (IL PRANZO CON PINO INSEGNO, LE OSPITATE DI HOARA BORSELLI E POVIA SONO SOLO LA PUNTA DELLA CAPPELLA) E SI È LANCIATO SUI DOLLARONI DI DISCOVERY – L’OSPITATA “SEGRETA” DI BENIGNI-MATTARELLA A SANREMO 2023, CONSIDERATA DAI FRATELLINI D’ITALIA UN "COMIZIO" CONTRO IL PREMIERATO DELLA DUCETTA, FU L'INIZIO DELLA ROTTURA AMADEUS-PRESTA…

DAGOREPORT - DOVE VA IL PD, SENZA LA BANANA DELLA LEADERSHIP? IL FALLIMENTO DI ELLY SCHLEIN È SOTTO GLI OCCHI DI TUTTI. GENTILONI È UNA “SAPONETTA” SCIVOLATA DA RUTELLI A RENZI, PRIVO DI PERSONALITÀ E DI CARISMA. QUALITÀ ASSENTI ANCHE NEL DNA DI FRANCESCHINI, ORLANDO E GUERINI, PER NON PARLARE DI BONACCINI, CHE HA LO STESSO APPEAL DI UNA POMPA DI BENZINA - ECCO PERCHÉ, IN TALE SCENARIO DI NANI E BALLERINI, SOSTENUTO DAI MAGHI DELL’ULIVO BAZOLI E PRODI, BEPPE SALA POTREBBE FARCELA A RAGGRUPPARE LA SINISTRA E IL CENTRO E GUIDARE LE ANIME DIVERSE E CONTRADDITTORIE DEL PD. NELLO STESSO TEMPO TROVARE, ESSENDO UN TIPINO PRAGMATICO, UN EQUILIBRIO CON L’EGO ESPANSO DI GIUSEPPE CONTE E SQUADERNARE COSÌ UNA VERA OPPOSIZIONE AL GOVERNO MELONI IN CUI SCHLEIN HA FALLITO