QUANT’È RASSICUTANTE L’ETERNA FAIDA TRA CORRENTI NEL PD – ALTRO CHE RIVOLUZIONE, CON ELLY NULLA È CAMBIATO: È IN CORSO UN PREVEDIBILE SHOW SULLE LISTE PER LE EUROPEE – MOZIONE SCHLEIN CONTRO MOZIONE BONACCINI, CANDIDATI DELLA SOCIETÀ CIVILE CONTRO POLITICI TOUT COURT, CHI FA IL CAPOLISTA E CHI SCALA DIETRO – L’INSEGNAMENTO INASCOLTATO DI UGO SPOSETTI: “QUANDO SI FANNO LE LISTE, L’UNICA PERSONA CHE DEVI TENERE FUORI DALLA PORTA È IL COMPAGNO RANCORE”

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Tommaso Labate per il “Corriere della Sera”

 

MATTEO RENZI - ENRICO LETTA MATTEO RENZI - ENRICO LETTA

«La vecchia scuola insegnava una cosa fondamentale. Quando si fanno le liste, l’unica persona che devi tenere fuori dalla porta è il compagno Rancore», ebbe a commentare in privato il vecchio custode dell’ortodossia post-comunista Ugo Sposetti, già senatore del Pd, quando seppe che dalle liste del partito per le Politiche del 2022 era stato depennato il nome di uno che pure gli stava antipatico e col quale aveva battagliato per anni, l’ex renziano Luca Lotti.

 

[…]  nell’estate del 2022 […] a depennare Lotti […] era stato un ex depennato, Marco Meloni, messo da Enrico Letta a fare il guardiano delle candidature anche in virtù della sua vecchia estromissione, per mano del Lotti di cui sopra, dalle candidature delle elezioni precedenti.

 

ugo sposetti foto di bacco ugo sposetti foto di bacco

Lo show in corso nel Partito democratico sulle liste per le Europee – maggioranza contro minoranza, mozione Schlein contro mozione Bonaccini, candidati della società civile contro politici tout court e viceversa, chi fa il capolista e chi scala dietro – rappresenta per il centrosinistra un eterno ritorno dell’uguale.  […]

 

Con Renzi leader del Pd, nel 2016, era sparito dal Parlamento un pezzo della sinistra del partito, compresi molti di coloro che oggi hanno guadagnato la ribalta. Su tutti, tanto per fare un nome, Peppe Provenzano, che nella notte della chiusura delle candidature per le Politiche del 2018 venne retrocesso in posizione non eleggibile nella circoscrizione Sicilia 1 a causa del sorpasso in extremis — agevolato dai renziani — di Daniela Cardinale, figlia dell’ex ministro Salvatore, detto Totò. Nel giro successivo, Provenzano è ai vertici del Pd; e chi l’ha fatto fuori è scomparso, dalle liste e dai radar.

 

elly schlein stefano bonaccini - manifestazione piazza del popolo elly schlein stefano bonaccini - manifestazione piazza del popolo

Nell’epoca Bersani, a ridosso del Natale 2012, si era consumato in una notte lo scontro con i renziani, usciti sconfitti dalla contesa per la premiership. A farne le spese, tra i tanti, l’ex sindaco di Piacenza (e acerrimo nemico di Bersani stesso sul territorio) Roberto Reggi, che aveva guidato la campagna del rottamatore alle primarie di qualche mese prima.

 

Anche un pezzo della società civile entrato in Parlamento col primo Pd del 2008 salutava per sempre il corridoio dei passi perduti di Montecitorio. Per esempio il giornalista Andrea Sarubbi, che considerato (e ormai consideratosi) «bruciato» dopo un sola legislatura, chiese polemicamente: «La società civile serve solo finché è vergine?».

 

Pina Picierno alessandra moretti Pina Picierno alessandra moretti

Tema che ritorna di grande prepotenza, ma declinato all’inverso, oggi che nelle liste per le Europee preferite da Elly Schlein la società civile si riprende posti che aveva perso, con le tante voci che rincorrono giornaliste a giornalisti di fama (Lucia Annunziata e Marco Tarquinio), filantropi acclamati (Cecilia Strada) e chi più ne ha più ne metta.

 

La replica di uno show antico quanto il Pd, praticamente. Anche se Pina Picierno, che a Bruxelles era stata mandata per la prima volta nel 2014 forse contro la sua stessa volontà e che oggi rischia di retrocedere in posizioni di rincalzo, lamenta lapidaria che «il Pd non è l’Isola dei Famosi». Forse.

PINA PICIERNO - STEFANO BONACCINI PINA PICIERNO - STEFANO BONACCINI lucia annunziata foto di bacco (2) lucia annunziata foto di bacco (2) lucia annunziata in versione kill bill lucia annunziata in versione kill bill stefano bonaccini elly schlein stefano bonaccini elly schlein

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH! - A TORINO, PER IL DOPO PALENZONA ALLA PRESIDENZA DI CRT, SI STANNO SONDANDO LE ISTITUZIONI SUL NOME DI MICHELE VIETTI, MAGISTRATO EX-CSM, OGGI DISOCCUPATO. UN NOME CHE È GRADITO AL SINDACO DI TORINO, STEFANO LORUSSO, CHE NON HA MAI SOPPORTATO LA PRESENZA E SOPRATTUTTO LA DISUBBIDIENZA DI PALENZONA - A DAR VOCE ALLA CANDIDATURA DI VIETTI C'È LA DI LUI CONSORTE, CATERINA BIMA, CHE RICOPRE IL RUOLO DI VICE PRESIDENTE DI CRT ED È STATA TRA GLI OPPOSITORI DELLA GESTIONE PALENZONA...

DAGOREPORT - CONTINUA L’IMBROGLIO-SCHLEIN: ELLY RINCULA SUL NOME NEL SIMBOLO DANDO LA COLPA A BONACCINI (SIC!) E SI RIMANGIA ''CAPOLISTA OVUNQUE": LO SARA' SOLO AL CENTRO E NELLE ISOLE - ALLA DIREZIONE NAZIONALE DEL PD DI IERI LA SVALVOLATA MULTIGENDER HA PERSO LA MAGGIORANZA DEL PARTITO. I VENTI DI RIVOLTA INVESTONO TUTTE LE VARIE ANIME DEL PD - ELLY SI È RIMBOCCATA LA LAPIDE QUANDO HA DETTO: O IL MIO NOME NEL SIMBOLO O MI METTETE CAPOLISTA IN TUTTE LE CIRCOSCRIZIONI. DI TALE PROPOSTA, LA ZARINA DEL PD NE AVEVA PARLATO SOLO CON BONACCINI. IL PRESIDENTE DEL PD HA ACCONSENTITO IN CAMBIO DELLA CANDIDATURA NEL SUD DEL RAS DELLE PREFERENZE, RAFFAELE “LELLO” TOPO, FIGLIO DELL’AUTISTA DI GAVA, CHE OVVIAMENTE FA PARTE DELLA SUA CORRENTE (AH! I CACICCHI…) - ALLA FINE VICINO A SCHLEIN RESTANO SOLO IN DUE, IL MULTI-TRASFORMISTA ZINGAR-ELLY E FRANCESCO BOCCIA, IL VERO ARTEFICE DEL SISTEMA PUGLIA, GARANTE DI DECARO ED EMILIANO - ANCHE SE ALLE EUROPEE IL PD GALLEGGERA' AL 20%, SINESTR-ELLY DOVRA' FARE LE VALIGIE...

DAGOREPORT: 100 SCALFARI MENO UNO - NON È SOLTANTO TELE-MELONI A CENSURARE GLI SCRITTORI: C'E' ANCHE IL GRUPPO GEDI – IL LIBRO SUL CENTENARIO DI SCALFARI CURATO DA SIMONE VIOLA, NIPOTE DI EUGENIO, IN EDICOLA INSIEME A ‘’REPUBBLICA’’, SQUADERNA CENTO INTERVENTI DI ALTRETTANTI TESTIMONIAL, TRANNE QUELLO INNOCUO E DEL TUTTO PERSONALE DI GIOVANNI VALENTINI, EX DIRETTORE DELL’ESPRESSO - LE SUE CRITICHE, MANIFESTATE SUL "FATTO QUOTIDIANO" SULL’OPERAZIONE “STAMPUBBLICA” E POI NEL SUO LIBRO SULLA PRESA DI POSSESSO DEL GIORNALE DA PARTE DI ELKANN, GLI VALGONO L’OSTRACISMO E LA DAMNATIO MEMORIAE – IL TESTO CENSURATO…

DAGOREPORT –  PER SALVARE IL "CAMERATA" ROSSI, PROSSIMO A.D. RAI, UNA MELONI INCAZZATISSIMA VUOLE LA TESTA DEL COLPEVOLE DEL CASO SCURATI PRIMA DEL 25 APRILE: OGGI SI DECIDE IL SILURAMENTO DI PAOLO CORSINI, CAPO DELL'APPROFONDIMENTO (DESTINATO AD ESSERE SOSTITUITO DOPO LE EUROPEE DA ANGELA MARIELLA, IN QUOTA LEGA) – SERENA BORTONE AVEVA PROVATO A CONTATTARE CORSINI, VIA TELEFONO E MAIL, MA SENZA RICEVERE RISPOSTA - ROSSI FREME: PIÙ PASSA IL TEMPO E PIU’ SI LOGORA MA LA DUCETTA VUOLE LE NOMINE RAI DOPO IL VOTO DEL 9 GIUGNO SICURA DEL CROLLO DELLA LEGA CON SALVINI IN GINOCCHIO…)