QUANTO DURA GIORGIA MELONI? SECONDO L’EX CAPOGRUPPO AL SENATO DEM LUIGI ZANDA “L’UNICA CHE PUÒ ROMPERE È MELONI, QUANDO SI STUFERÀ DI SALVINI E CHIEDERÀ IL VOTO” – "IL LEADER LEGHISTA PENSO CHE ALLE EUROPEE PRENDERÀ UNO SCHIAFFONE – LA SCHLEIN? NOTO UNA SOTTOMISSIONE AGLI SBERLEFFI DI CONTE CHE NON MI PIACE. IL CAPO DEL M5S PUNTA A BATTERE IL PD E DIVENTARE IL LEADER DEL CENTROSINISTRA. POLITICAMENTE È UN OPPORTUNISTA…"

-

Condividi questo articolo


Concetto Vecchio per la Repubblica - Estratti

luigi zanda foto di bacco luigi zanda foto di bacco

 

Luigi Zanda, ex capogruppo Pd, da semplice iscritto la convince la linea di Elly Schlein?

«Enuncia buoni ideali, ma non sempre riesce a spiegare come raggiungere i risultati, specie in campo economico».

 

Che cosa le rimprovera?

«Va bene dichiararsi contro le disuguaglianze. Ma dobbiamo dire anche dove trovare le risorse per abbatterle. Disuguaglianze, ma anche debito pubblico, sviluppo economico, sovranità europea, occupazione meritano qualcosa di più di una definizione di principio.

Ciampi e Prodi avevano visione e concretezza».

 

(...)

Ma la disciplina di partito non è un valore?

«Sì, ma in un partito ci si rispetta, tollerando posizioni diverse, senza giungere alla destituzione. Ho come l’impressione che il partito si stia trasformando in un movimento».

 

MATTEO SALVINI GIORGIA MELONI MATTEO SALVINI GIORGIA MELONI

Cosa intende?

«La struttura è esile. La segreteria è diventata lo staff del segretario. La vaghezza politica rispecchia quella organizzativa».

 

Sta mettendo in discussione Schlein?

«No, quello no. La segretaria è in carica. E non si discute. Ma il partito ha il dovere di discutere con lei sul futuro del Pd, favorendo quindi il dibattito interno, che invece non vedo».

 

Si discute troppo poco?

«Da quindici anni il Pd non si ferma a riflettere su sé stesso. Vedo che Schlein dice sempre che non bisogna guardare lo specchietto retrovisore, ma chi non lo guarda mentre guida rischia di finire fuori strada».

 

Come le sembra il rapporto con Conte?

luigi zanda foto di bacco luigi zanda foto di bacco

«Noto una sottomissione ai suoi sberleffi che non mi piace. Tutte le volte che gli si va incontro, lui pone nuove condizioni, sempre più difficili».

 

Anche Conte non potrà fare a meno del Pd se vuole battere la destra.

«Più che a battere la destra Conte punta a battere il Pd e diventare il leader del centrosinistra. Politicamente è un opportunista. È un uomo a cui piace stare all’opposizione. La sua posizione in politica estera non può dirsi certo né di sinistra né progressista».

 

Non è legittimo che punti a esserne il leader?

«Non con le giravolte».

 

giorgia meloni matteo salvini atreju giorgia meloni matteo salvini atreju

Schlein che può fare in un simile contesto?

«Puntare a fare del Pd il partito più forte del centrosinistra. Deve arrivare al 25-30 per cento. Ma serve più chiarezza politica. A destra Fratelli d’Italia vale tre volte Lega e Forza Italia».

 

(...)

Le Europee saranno decisive?

«Dipenderà anche dalle Regionali, dal voto nelle città, dal risultato di Conte e da quello di Fratelli d’Italia».

E Salvini no?

«Penso che prenderà uno schiaffone».

A quel punto romperà?

«No, l’unica che può rompere è Meloni, quando si stuferà di Salvini e chiederà il voto».

luigi zanda foto di bacco luigi zanda foto di bacco

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGONEWS – COME MAI IL NUOVO ROMANZO DI CHIARA VALERIO, “CHI DICE E CHI TACE”, È STATO PUBBLICATO DA SELLERIO E NON, COME I PRECEDENTI, DA EINAUDI? SCREZI? LITI? MACCHÉ: È TUTTA UNA STRATEGIA PER VINCERE IL CAMPIELLO, PREMIO LAGUNARE PRESIEDUTO DA WALTER VELTRONI – LA VALERIO, SCRITTRICE CON LA PASSIONE PER LE SUPERCAZZOLE (E L’AGLIO, OLIO E PEPERONCINO), È UNA DELLE FIRME PIÙ AMATE DA ELLY SCHLEIN: SE VINCESSE IL CAMPIELLO, SAREBBE UNA FESTA GRANDE PER UOLTER E PER LA SEGRETARIA MULTIGENDER…

SCOOP! GAME OVER FRA CHIARA FERRAGNI E FEDEZ. IL RAPPER, DOMENICA SCORSA, SE NE È ANDATO DI CASA E NON È PIÙ TORNATO. DAL SANREMO DELL’ANNO SCORSO, LA STORIA D’AMORE TRA I DUE S’ERA INCRINATA MA L’INFLUENCER AVEVA RIMANDATO QUALSIASI DECISIONE PER STARE VICINA AL MARITO MALATO. NEL MOMENTO IN CUI LEI SI È TROVATA IN DIFFICOLTÀ, INVECE, FEDEZ SI È MOSTRATO MENO GENEROSO, RINFACCIANDOLE CHE I SUOI PROBLEMI GIUDIZIARI AVESSERO EFFETTI NEGATIVI ANCHE SUI SUOI AFFARI - COSI' FINISCE L'EPOPEA DEI "FERRAGNEZ"

DAGOREPORT! - FORZA ITALIA, SI CAMBIA MUSICA: LETIZIA MORATTI RITORNA PREPOTENTEMENTE IN FORZA ITALIA MA NON NEL RUOLO DI COMPARSA: PER IMPRIMERE UNA SVOLTA MODERATA AL PARTITO DEL FU CAVALIERE, PIER SILVIO E MARINA HANNO SCELTO UN POLITICO DISTANTE 'ANNI DUCE' DALLA DESTRA DEI FEZ-ZOLARI, UNA CHE NON MANCA MAI DI RICORDARE IL PADRE PARTIGIANO, TANT'È CHE ALLE REGIONALI IN LOMBARDIA SCESE IN CAMPO, E FU SCONFITTA, DA MELONI-SALVINI - L'ADDIO ALL'ERA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI E' GIÀ INIZIATO A MEDIASET CON LO SBARCO DELLA BERLINGUER. SI È AVUTA ULTERIORE PROVA DEL CAMBIO DI STRATEGIA DI PIER SILVIO CON LA MIELOSA PROFFERTA DI ASSUNZIONE RIVOLTA PUBBLICAMENTE A FABIO FAZIO, SBARCATO NON A CASO SU CANALE5 COME CONDUTTORE DELLO SPECIALE IN MEMORIA DI MAURIZIO COSTANZO - IL NUOVO BISCIONE SECONDO IL BERLUSCONINO: MENO TRALLALA' PER CASALINGHE E PIU' PROGRAMMI INTELLETTUALMENTE VIVACI. I TALK DI RETE4? CALMA. FINCHE' C'E' CONFALONIERI... - VIDEO