QUELLI DI "AVVENIRE" DEVONO AVER LETTO TROPPI LIBRI DI DAN BROWN - GUAI A PARLARE DELL’ICI CHE IL VATICANO NON PAGA O DELLA TRUFFA DELL’8 PER MILLE! “AVVENIRE” PERDE LE STAFFE E GRIDA AL COMPLOTTO: “UNA CAMPAGNA ANTI-CHIESA” PERSEGUITA DA RADICALI (MA QUANTO CONTA MARIO STADERINI?) E MASSONI GUIDATI DA GUSTAVO RAFFI, GRAN MAESTRO DEL GOI - “LEGGENDE NERE E CIFRATI ANATEMI”, “MOBBING MEDIATICO” - È GIÀ PRONTA LA TRAMA DI UN FILM…

Condividi questo articolo


Marco Politi per "Il Fatto Quotidiano"

mario staderinimario staderini

Finalmente risplende la verità. Ici. 8 per mille, esenzioni lecite o illecite? La spiegazione è semplice. Contro la Chiesa è in atto un complotto, anzi l'aggressione di un serpente a due teste. L'una è radicale, l'altra è massonica. Così tutto è chiaro e i fedeli cattolici, fra i quali pure abbondano interrogativi in proposito, stiano tranquilli. I nemici della Chiesa cercano un "bersaglio da additare all'odio popolare".

Esplosa la discussione sull'evasione fiscale degli enti ecclesiastici e i sovvenzionamenti statali alla Chiesa, l'Avvenire perde le staffe. Un fondo del direttore attacca radicali e giornalisti, colpevoli di "spacciare leggende nere e cifrati anatemi contro la Chiesa" e denuncia un fantomatico "ordine di attacco... dev'essere detto che la salvezza dell'Italia in crisi sta nel colpire la Chiesa". Una pagina interna evoca il "mobbing mediatico".

MARCO TARQUINIOMARCO TARQUINIO

Questi nemici aizzati dai radicali sono spietati. Vogliono (secondo l'editoriale di Avvenire) fulminare di tasse "mense dei poveri, case di accoglienza, oratori, ostelli, scuole, musei".
L'arcidiavolo è il segretario radicale Staderini, la metà della "campagna anti-Chiesa". Ma è troppo poco. C'è un'altra metà occulta. Voilà. Gustavo Raffi, Gran Maestro del Goi, la "più antica e numerosa comunione della massoneria italiana".

Dan Brown si dia da fare. È già pronta la trama di un film. Staderini suggerisce all'Avvenire come altri demoni complottatori: "Gatto Silvestro, Gargamella, Lupo Ezechiele e la Regina di Biancaneve".

GUSTAVO RAFFI - copyright PizziGUSTAVO RAFFI - copyright Pizzi

Per restare con i piedi per terra conviene ricordare pacatamente all'Avvenire che sul Fatto Quotidiano è stata posta sin dall'inizio una domanda fondamentale, che circola nelle teste di tanti cittadini credenti e diversamente credenti. La Chiesa è disponibile o no - di fronte al rischio di crack dell'Italia - a rinunciare volontariamente a una parte delle sovvenzioni statali derivanti dall'8 per mille, visto che tagli pesanti sono imposti a settori vitali come sanità, istruzione, enti locali? È una domanda non acrimoniosa, che nulla disconosce dell'impegno della Chiesa per i più deboli.

il codice da vinci dan brownil codice da vinci dan brown

Il fondo di Avvenire non dà risposta. È un mutismo ostinato. Silenzio continua a esserci sulla stortura del doppio conteggio dell'8 per mille, che utilizza anche le "quote" del sessanta per cento di contribuenti che non vogliono dare soldi alle confessioni religiose o a iniziative umanitarie dello Stato, lasciando al bilancio statale la loro quota di Irpef.

Silenzio sulla possibilità, prevista dalla legge istitutiva, di ricalcolare insieme (Stato e Chiesa) il gettito per l'istituzione ecclesiastica. Silenzio sull'obbligo imposto a Stato ed enti locali di pagare due volte la missione dei sacerdoti: una volta con l'8 per mille e un'altra volta ancora con convenzioni per stipendiare il clero in ospedali, case di cura e carceri. Silenzio sull'urgenza di eliminare le zone grigie di elusione fiscale per attività commerciali. Silenzio sulla necessità che le diocesi presentino un bilancio pubblico dei propri beni mobili e immobili come avviene in altri paesi europei.

EMMA BONINOEMMA BONINO

Il vicepresidente del Senato Emma Bonino dichiara che gli atti della commissione parlamentare, incaricata di supervisionare la revisione triennale del gettito dell'8 per mille, sono coperti dal segreto. Mente il vicepresidente del Senato? E se non mente, Avvenire concorda sull'urgenza di rendere pubblici i dati?

È facile agitare il vessillo della demonizzazione, più difficile - in Italia almeno - discutere di soldi e di tasse oggettivamente, senza le categorie di amico o nemico. La posizione dei diavoli radicali è che l'Ici si debba pagare per ogni attività commerciale. Escluse quelle di culto e cura delle anime, formazione del clero, scopi missionari, catechesi, educazione cristiana, assistenza, beneficenza, educazione. Si fatica a vedere in questa formulazione un odio per la Chiesa.

CARDINAL BAGNASCOCARDINAL BAGNASCO

Sul giornale dei vescovi un onesto parroco romano scrive di pagare le tasse su un appartamento donato alla parrocchia. Basterebbe un cenno dei vescovi per aprire un'indagine in ogni diocesi. L'Avvenire di ieri ci regala però una perla, da non perdere. L'Opera romana pellegrinaggi - ci informa - "ha sede in Vaticano" e "paga le tasse dovute alla sua attività in territorio italiano". Delizie del linguaggio monsignorile.

L'Opera romana pellegrinaggi è un efficiente e imponente operatore di turismo religioso. Il suo bilancio è sconosciuto. I suoi introiti ancora di più. Ora è ribadito che ha sede in un paradiso fiscale non previsto dal concordato. È "romana" in tutto per tutto, ma basta un saltino e sparisce oltreconfine. "È bella la domenica", dicono a Genova.

 

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

PER ROMA È LA FINE DI UN’ERA: CHIUDE I BATTENTI “IL BOLOGNESE” (MA NON PER SEMPRE) – ALFREDO TOMASELLI E SUO FIGLIO ETTORE VENDONO LO STORICO RISTORANTE DI PIAZZA DEL POPOLO, DOVE IN OLTRE 60 ANNI SI SONO ATTOVAGLIATE CELEBRITÀ D'OGNI SORTA, CAPI DI STATO E STARLETTE, BOIARDI DELLA PRIMA REPUBBLICA E ASPIRANTI VIP ACCORSI SPERANZOSI DI FARSI VEDERE DALLA PIÙ REMOTA PROVINCIA – I TOMASELLI PASSANO LA MANO MA LA GLORIOSA INSEGNA RESTERÀ AI NUOVI PROPRIETARI: “RESISTERE AL DEGRADO DEL CENTRO DI ROMA ERA DIVENTATO TROPPO FATICOSO” – QUELLA VOLTA CHE GHEDDAFI TEMETTE DI ESSERE AVVELENATO…

FLASH! – CONFLITTO TOTALE: SALVINI ACCUSA GIORGETTI DI ESSERE LO ZERBINO DELLA DUCETTA E FIAMMA CANTANTE (ARIANNA, SCURTI, FAZZOLARI) - DAL SUPERBONUS RETROATTIVO AL PONTE SULLO STRETTO, DAL MES A DRAGHI A BRUXELLES, DALLA CANDIDATURA VANNACCI ALLE NOMINE IN CDP, I CONTRASTI NON SI CONTANO PIÙ - IL LEADER DELLA LEGA, SEMPRE PIU’ IN AFFANNO PER LA CRESCENTE DISAFFEZIONE DEGLI ELETTORI DEL CARROCCIO, COL SORPASSO DI FORZA ITALIA SUL COLLO, SI SPARA UN CONDONO AL GIORNO MANDANDO ALL’ARIA LE CORONARIE E LE CASSE VUOTE DEL MINISTRO DELL’ECONOMIA…

FLASH! – A BRUXELLES SI CHIEDONO BASITI: PERCHE’ LE BANCHE ITALIANE (DA INTESA A UNICREDIT) NON FANNO PRESSIONE SUL GOVERNO MELONI PER LA RATIFICA DELLA RIFORMA DEL MES? (L’ITALIA DELLA DUCETTA E’ L’UNICO PAESE SU 27 CHE L’HA RIFIUTATO) - IN FIN DEI CONTI, AGGIUNGONO I PARTNER EUROPEI, E’ UNA RIFORMA CHE TOCCA DA VICINO LE ISTITUZIONI CREDITIZIE PERCHE’, IN CASO DI UN EVENTUALE CRACK BANCARIO, DEVE SERVIRE AD EVITARE CHE I GOVERNI NAZIONALI SIANO COSTRETTI A METTERE LA MANO AL PORTAFOGLIO DEI CITTADINI…

DAGOREPORT – PERCHE' L'"INCIDENTE" HA FATTO FELICI IRAN E ISRAELE - RAISI MIRAVA ALLA SUCCESSIONE DELL’85ENNE KHAMENEI. MA, PER IL RUOLO DI GUIDA SUPREMA, L’AYATOLLAH HA SCELTO IL FIGLIO MOJTABA, 'EMINENZA GRIGIA' DEI PASDARAN CHE HANNO IN MANO IL POTERE POLITICO ED ECONOMICO DELL'IRAN – NON SOLO: RAISI AVEVA INIZIATO A INCIUCIARE CON GLI STATI UNITI PER LA STABILIZZAZIONE DEL GOLFO. L’”AMERIKANO” RAISI HA FATTO IMBUFALIRE NON SOLO I PASDARAN, MA ANCHE NETANYAHU, IL QUALE VIVE IN ATTESA DEL RITORNO DI TRUMP ALLA CASA BIANCA E HA BISOGNO COME IL PANE DI UN NEMICO PER OCCUPARE ANCORA LA POLTRONA DI PREMIER... 

MA DOVE STA ZHANG ZHANG? - IL 32ENNE IMPRENDITORE CINESE, DAL 2018 AZIONISTA DI MAGGIORANZA DELL’INTER, NON SI VEDE IN GIRO DA UN ANNO. NON ERA A MILANO NEMMENO PER LA FESTA SCUDETTO. LA VERITÀ È CHE ZHANG NON PUÒ LASCIARE LA CINA DA OLTRE UN ANNO PER LA CONDANNA DEL TRIBUNALE DI HONG KONG A RISARCIRE CHINA CONSTRUCTION BANK E ALTRI CREDITORI DI 320 MILIONI - A QUESTO PUNTO, NON CI VUOLE IL MAGO OTELMA PER SCOPRIRE IL MOTIVO PER CUI IL MEGA-FONDO AMERICANO PIMCO SI SIA RITIRATO DAL FINANZIAMENTO DI 430 MILIONI DI EURO A UN TIPINO INSEGUITO DAI TRIBUNALI, A CUI PECHINO NON RILASCIA IL VISTO PER ESPATRIARE, COME MISTER ZHANG…