QUI MOSCA, PARLA ALESSANDRO DI BATTISTA - NEL SUO PRIMO REPORTAGE DALLA RUSSIA, IL “CHE GUEVARA DI ROMA NORD” MINIMIZZA GLI EFFETTI DELLE SANZIONI OCCIDENTALI: “I PREZZI SONO AUMENTATI, MA MENO DI QUANTO NON SIANO AUMENTATI IN EUROPA. IL RUBLO È FORTE E, SEPPUR CON MAGGIORI DIFFICOLTÀ, LE PERSONE VIVONO NORMALMENTE INVADENDO I RISTORANTI, I PARCHI E I CENTRI COMMERCIALI. PIÙ CI SI ALLONTANA DA MOSCA E PIÙ (SEBBENE GLI EFFETTI DELLE SANZIONI SI SENTANO MAGGIORMENTE) AUMENTANO I SUPPORTER DI PUTIN…”

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Alessandro Di Battista per “il Fatto quotidiano”

 

ALESSANDRO DI BATTISTA A DIMARTEDI ALESSANDRO DI BATTISTA A DIMARTEDI

[…] A Mosca gli effetti delle sanzioni si sentono relativamente. I prezzi sono aumentati, ma meno di quanto non siano aumentati in Europa. Il rublo è forte e, seppur con maggiori difficoltà, le persone vivono normalmente invadendo i ristoranti, i parchi pubblici e i centri commerciali, dove i negozi di abbigliamento occidentale vengono sostituiti da marchi russi. Ma Mosca non è tutta la Russia. Più ci si allontana da Mosca e più - sebbene gli effetti delle sanzioni si sentano maggiormente - aumentano i supporter di Putin. Lo si misura anche dal numero di "Z" sulle auto, sui muri ai bordi delle strade e sulle vetrine dei negozi. A Mosca è difficile vederne una.

la russia dopo le sanzioni 8 la russia dopo le sanzioni 8

 

A oggi le sanzioni non hanno portato né al collasso dell'economia russa, né alla defenestrazione di Putin, né a rapidi negoziati. Al contrario, hanno messo d'accordo persone che prima non lo erano affatto. C'è chi pende dalle labbra di Putin: per lo più sessanta-settantenni che hanno vissuto sulla loro pelle il crollo dell'Urss e la catastrofe dell'èra Eltsin. Per loro, Putin ha ridato forza e orgoglio al Paese. […]

 

alessandro di battista 2 alessandro di battista 2

Poi ci sono quelli che non hanno mai visto Putin di buon occhio (per molte ragioni, anche diametralmente opposte) o addirittura lo detestano: eppure reputano ipocrite le sanzioni. C'è chi si domanda perché l'Europa non le abbia imposte agli Stati Uniti quando bombardavano Iraq, Afghanistan e Libia. C'è chi, da oppositore di Putin, ritiene che le sanzioni non facciano altro che rafforzarlo. […]

 

la russia dopo le sanzioni 9 la russia dopo le sanzioni 9

[…] A Mosca i Vkusno i Tocka (Delizioso e Basta), i fast food che stanno rimpiazzando i McDonald's, vanno a gonfie vele. […] Se gli obiettivi delle sanzioni sono quelli menzionati dai leader europei, a oggi non sono stati raggiunti. Se poi le sanzioni sono state imposte per recidere il legame politico, economico e culturale (per certi versi i russi sono molto più "europei" di quanto non lo siano gli inglesi) tra Europa e Russia, allora sì, stanno funzionando. Occorrerà vedere chi ne trarrà vantaggio. […]

la russia dopo le sanzioni 7 la russia dopo le sanzioni 7 la russia dopo le sanzioni 4 la russia dopo le sanzioni 4 la russia dopo le sanzioni 5 la russia dopo le sanzioni 5 la russia dopo le sanzioni 6 la russia dopo le sanzioni 6

 

Condividi questo articolo

politica

“CALENDA MI SEMBRA UN BIPOLARE CON DISTURBO DI PERSONALITÀ. È ‘BULLO DA SOLO’” - DAGO FA LA MESSA IN PIEGA AI POLITICI: “LETTA HA TANTI DIFETTI: NON HA CAPITO CHE BISOGNA PARLARE PER SLOGAN - RENZI HA IL CARATTERE DI UN PROVINCIALE FRUSTRATO, CHE VORREBBE FARSI ACCETTARE, NON CI RIESCE E FA LO SPACCONE - CONTE? NON SI È RESO CONTO CHE GRILLO GLI STA RESETTANDO IL M5S E ASPETTA CHE PASSI IL SUO CADAVERE - SALVINI E BERLUSCONI? NESSUNO DETESTA GIORGIA MELONI COME LORO. QUESTI NON HANNO CAPITO CHE L’ITALIA È UN PAESE A SOVRANITÀ LIMITATA. TUTTO SI DECIDE A BRUXELLES O A WASHINGTON. SE LAGARDE SMETTE DI COMPRARE BOT ITALIANI, FINIAMO CON IL SEDERE PER TERRA - LE ELEZIONI ITALIANE SARANNO OSSERVATE DALL’INTELLIGENCE DI TUTTO IL MONDO"

AGENTI DELL'FBI HANNO FATTO VISITA NELLA RESIDENZA DI TRUMP IN FLORIDA GIA’ LO SCORSO APRILE. SECONDO LA “CNN” IN QUELL'OCCASIONE INCONTRARONO DUE AVVOCATI DEL TYCOON –L’ARCINEMICA NANCY PELOSI GONGOLA VELENOSA: “NESSUNO È AL DI SOPRA DELLA LEGGE, NEANCHE UN EX PRESIDENTE” – IL FIGLIO ERIC: “SONO STATO IO AD AVVERTIRE MIO PADRE SUL RAID. ERANO UNA TRENTINA, FORSE DI PIÙ. NON VOGLIONO CHE MIO PADRE VINCA ANCORA NEL 2024” – A QUESTO PUNTO THE DONALD RISCHIA DI NON POTERSI RICANDIDARE PERCHE’…

DI BATTISTA SCOPRE LE CARTE: “NON MI CANDIDO PERCHÉ TANTI NON MI VOGLIONO, DA GRILLO A FICO - CONTE E' STATO IL PIU' CORRETTO E ONESTO CON ME - POLITICAMENTE OGGI NON MI FIDO DI BEPPE GRILLO CHE FA DA PADRE PADRONE E IO SOTTO DI LUI NON CI STO - MI HANNO IMPEDITO DI FARE IL CAPO POLITICO DEL M5S EVITANDO DI VOTARE, QUANDO NON HANNO NEPPURE VOLUTO PUBBLICARE I VOTI DEGLI STATI GENERALI PERCHÉ IO AVEVO PRESO IL TRIPLO DEI VOTI DI DI MAIO - C'E' CHI SI INFILA IN SEDE PD PER ELEMOSINARE UN SEGGIO, NON SONO COME LORO - CREERÒ UN’ASSOCIAZIONE PER FARE POLITICA DA FUORI…” - IL VIDEO SFOGO DI DI BATTISTA

E’ STATA LA MANO DI GRILLO - LEGGENDO L’INTERVISTA DI CASALINO AL “CORRIERE” SI IMMAGINA CHE LA SUA MANCATA CANDIDATURA SIA FRUTTO DI UN GESTO DI RESPONSABILITÀ: “HO CAPITO CHE LA MIA PRESENZA IN LISTA AVREBBE SCATENATO POLEMICHE E L'ULTIMA COSA CHE VOGLIO È ARRECARE UN DANNO AL MOVIMENTO O A CONTE” - IN REALTÀ LO STOP A CASALINO, CHE DA ANNI SOGNA DI POGGIARE LE SUE NATICHE SULLO SCRANNO DI SENATORE, È ARRIVATO DA BEPPE GRILLO, CHE SI E’ VENDICATO CON CONTE PER IL TRATTAMENTO RISERVATO ALLA SUA COCCA VIRGINIA RAGGI - IL VIDEO CON IL "CHE GUEVARA DI ROMA NORD" SPIEGA LA MANCATA CANDIDATURA