"FERMATI O SALTA LA MAGGIORANZA" - IL PD PROVA A CONVINCERE SALVINI A NON PROCEDERE DOMANI AL VOTO SU UN CANDIDATO DI CENTRODESTRA PERCHÉ COSÌ SALTEREBBE LA MAGGIORANZA: "SI CREEREBBE UN MURO CONTRO MURO E UNA SITUAZIONE DI CAOS CON IL RISCHIO DI PRECIPITARE IL PAESE IN UNA SITUAZIONE DI FORTE INSTABILITÀ" - IL PIDDINO BOCCIA: "O SALVINI DICE CON CHIAREZZA CHE LA MAGGIORANZA È IL SUO PUNTO DI RIFERIMENTO OPPURE, SE VA ALLO SCONTRO, VA A SEGNARE LA FINE DELLA LEGISLATURA. SE PASSA UN PRESIDENTE O UNA PRESIDENTE CON 505 VOTI RACCOLTI FRA CAMBIACASACCA E GRUPPO MISTO, È FINITA"

Condividi questo articolo


ENRICO LETTA MATTEO SALVINI ENRICO LETTA MATTEO SALVINI

CONTATTI PD-SALVINI, FERMATI O SALTA LA MAGGIORANZA

(ANSA) - Contatti sono in corso, a quanto si apprende da fonti parlamentari, tra i vertici del Pd e il leader della Lega Matteo Salvini. Il tentativo dei dem, che lavorano per un vertice della maggioranza di governo, è di convincere il leader leghista a non procedere domani al voto su un candidato di centrodestra perchè, è il ragionamento, così salta la maggioranza. Si creerebbe un muro contro muro e una situazione di caos con il rischio di precipitare il paese in una situazione di forte instabilità ma il Pd, assicurano fonti del Nazareno, lavora per evitarlo.

 

QUIRINALE:BOCCIA, SE SALVINI VA A SCONTRO È FINE LEGISLATURA

 (ANSA) - "O Salvini dice con chiarezza che la maggioranza è il suo punto di riferimento oppure, se va allo scontro, va a segnare la fine della legislatura. Se passa un presidente o una presidente con 505 voti raccolti fra cambiacasacca e gruppo misto, se questo è il quadro, se si rompe la maggioranza, un minuto dopo, per quanto ci riguarda, è finita la legislatura, è una constatazione". Lo ha detto il deputato Pd e componente della segreteria Francesco Boccia intervistato a Radio Immagina.

enrico letta matteo salvini meeting rimini 2 enrico letta matteo salvini meeting rimini 2

 

Condividi questo articolo

politica

FLASH! - IN QUESTE ORE, COL M5S IN EBOLLIZIONE, CONTE E' UN ANIMA IN PENA. PER TIRARSI FUORI DALL'IMMAGINE DELL'''UOMO DEI PENULTIMATUM'' (BY GRILLO), CHIAMA GLI ESPONENTI DEL PD PER ANNUNCIARE CHE DOMANI CI SARA' LO STRAPPO DAL GOVERNO, A MENO CHE DRAGHI NON GLI DIA RAGIONE SU TUTTO. ALLE REPLICHE DI LETTA E FRANCESCHINI CHE NON ARRIVERA' UN GOVERNO TECNICO MA IL VOTO ANTICIPATO, CONTE INALBERA IL GHIGNO DI TRAVAGLIO: MEGLIO POCHI CHE MALE ACCOMPAGNATI - BLUFF O NON BLUFF, QUESTO E' IL PROBLEMA (CI PENSERA' GRILLO?)