"GIORGETTI DEMOLISCE DALL'INTERNO LA DESTRA SOVRANISTA MA QUELLO CHE HA COLPITO IL PD ROMANO E' LA FRASE SU CALENDA" - MATTIA FELTRI: "I DEM HANNO DEDOTTO CHE CALENDA SARÀ VOTATO DAI LEGHISTI E QUINDI CALENDA È UN MEZZO FASCIO. A METÀ POMERIGGIO IL COORDINATORE DI FORZA ITALIA, ANTONIO TAJANI, DICHIARA PESSIMO IL NOVANTA PER CENTO DELLE CONSIDERAZIONI DI GIORGETTI E COSÌ A DARE UNA MANO A SALVINI SONO LA COSIDDETTA SINISTRA RIFORMISTA E LA COSIDDETTA DESTRA LIBERALE, UN RISULTATO PSICHEDELICO AL PUNTO DA AVERE UNA SOLA SPIEGAZIONE: ERANO TUTTI REDUCI DA UN WEEK END CON LUCA MORISI"

-

Condividi questo articolo


giancarlo giorgetti 1 giancarlo giorgetti 1

Mattia Feltri per "la Stampa"

 

Il numero due della Lega, Giancarlo Giorgetti, in un'intervista concessa ieri alla Stampa dice che Berlusconi non andrà al Quirinale; Salvini ne parla soltanto per non parlare di cose serie; sarebbe bene se ci andasse Draghi altrimenti lo perdiamo; e però il governo successivo butterebbe via i soldi del recovery; purtroppo da gennaio tutti (leghisti per primi) faranno dell'esecutivo una Cambogia.

MATTEO SALVINI CARLO CALENDA MATTEO SALVINI CARLO CALENDA

 

Poi lascia intendere che i candidati di destra a Milano e Roma sono inadeguati, mentre Calenda avrebbe le caratteristiche giuste per guidare la capitale. Di questa inattesa, scientifica e gelida demolizione dall'interno della destra sovranista, di questa espressione di destra moderata e antipopulista, tutto quanto ha colpito il Pd romano è la frase su Calenda, da cui ha dedotto che Calenda sarà votato dai leghisti e quindi Calenda è un mezzo fascio.

 

antonio tajani foto di bacco (2) antonio tajani foto di bacco (2)

Come si dice, per spiegargli le robe toccherebbe fargli i disegnini, a meno di non sospettare - come io sospetto - che buona parte del Pd abbia una sola strategia, a rischio della commedia: denunciare il nazifascismo di qualsiasi cosa respiri alla sua destra, anche solo di un centimetro.

 

E si potrebbe chiuderla lì, se a metà pomeriggio non fosse emerso il coordinatore di Forza Italia, Antonio Tajani, a dichiarare pessimo il novanta per cento delle considerazioni di Giorgetti, invitato a tornarsene a Varese. Così a dare una botta a Giorgetti e una mano a Salvini sono la cosiddetta sinistra riformista e la cosiddetta destra liberale, un risultato psichedelico al punto da avere una sola spiegazione: erano tutti reduci da un week end con Luca Morisi.

MATTEO SALVINI CARLO CALENDA MATTEO SALVINI CARLO CALENDA

 

Condividi questo articolo

politica

POSTA! - CARO DAGO, MA COM’È CHE, CON L’AVVICINARSI DELLE ELEZIONI, REPORT ET SIMILIA ESCONO CON INCREDIBILI SCOOP (SU FATTI DI 30 ANNI FA!) SU “FASCISTI”, “ESTREMISTI DI DESTRA”, STRAGI, SERVIZI SEGRETI (POI COSÌ SEGRETISSIMI NON SEMBRANO, VISTO CHE LI “BUCANO” TUTTI), “DEPISTAGGI” E VIA ANDANDO? AH, SAPERLO! - VAIOLO DELLE SCIMMIE, IL VIROLOGO MASSIMO GALLI TENTA LA "BURIONATA" ("IN ITALIA IL COVID NON CIRCOLA. IL RISCHIO È ZERO") : "LA MALATTIA RESTERÀ UN FENOMENO CONTENUTO"...

LA SEDIA VUOTA DI PALERMO GRIDA VENDETTA - IL CANDIDATO SINDACO DEL CENTRODESTRA ROBERTO LAGALLA DISERTA LE CELEBRAZIONI PER I 30 ANNI DALLA STRAGE DI CAPACI CONTRO "LE FEROCI PAROLE" DI PIF E MARIA FALCONE – I DUE SI ERANO CHIESTI: È POSSIBILE CHE, A 30 ANNI DA CAPACI E VIA D'AMELIO, UN CANDIDATO SINDACO (ROBERTO LAGALLA) DEBBA ESSERE LA RISULTANTE POLITICA DI UN "LODO" CHE HA VISTO COME SUOI ARCHITETTI CUFFARO E DELL'UTRI, ENTRAMBI CONDANNATI IN VIA DEFINITIVA E REDUCI DALL'AVER SCONTATO PENE DETENTIVE PER REATI DI MAFIA?