"MEZZO MONDO VUOLE CHE ANDIAMO AL GOVERNO CON  IL PD: DAL VATICANO, AL QUIRINALE, A BRUXELLES": PAROLA DI 5STELLE -INTANTO NEL CORSO DEL COLLOQUIO AVUTO OGGI CON ZINGARETTI, DI MAIO AVREBBE PROPOSTO AL SEGRETARIO DEM, PER SUPERARE IL VETO SU CONTE, DI LASCIARE AL PD LA MAGGIOR PARTE DEI MINISTERI CHIAVE. IL M5s SMENTISCE (IN REALTÀ SI TRATTEREBBE DI UN MODO DA PARTE DEL SEGRETARIO PD PER PREPARARE IL TERRENO AL SUO "SI" A CONTE PREMIER...)

-

Condividi questo articolo

Marco Antonellis per Dagospia

 

giuseppe conte luigi di maio 3 giuseppe conte luigi di maio 3

Nel corso del colloquio con Nicola Zingaretti, Luigi Di Maio avrebbe proposto al segretario dem, per superare il veto su Giuseppe Conte a Palazzo Chigi, di lasciare al Pd la maggior parte dei ministeri chiave di un eventuale esecutivo con M5s. E' quanto si apprende da qualificate fonti della segreteria del partito democratico. In questo modo, si realizzerebbe quella discontinuita' chiesta dal segretario Zingaretti con quasi un 'monocolore' Pd guidato pero' dal presidente del Consiglio dimissionario.

GIUSEPPE CONTE CON SERGIO MATTARELLA PER LE DIMISSIONI GIUSEPPE CONTE CON SERGIO MATTARELLA PER LE DIMISSIONI

 

Tutto a posto? Mica tanto. In realtà, secondo autorevolissime fonti pentastellate, si tratterebbe soltanto di un modo da parte del segretario Pd Nicola Zingaretti per preparare il terreno al suo "Si" a Conte Premier. "Di ministri non si è discusso affatto" spiegano "siamo il primo partito in Parlamento e non regaleremo di certo i ministeri chiave".

FOTOMONTAGGIO – LUIGI DI MAIO NICOLA ZINGARETTI FOTOMONTAGGIO – LUIGI DI MAIO NICOLA ZINGARETTI

 

Una cosa sola è sicura: "Mezzo mondo vuole che andiamo al governo con  il Pd: dal Vaticano, al Quirinale, a Bruxelles". Non vorremmo essere nei panni di Zingaretti, spiegano le medesime fonti: le pressioni sul segretario Dem per "cedere" su Conte sono fortissime. E non certo da parte dei 5Stelle.

 

zingaretti di maio zingaretti di maio luigi di maio nicola zingaretti luigi di maio nicola zingaretti giuseppe conte luigi di maio giuseppe conte luigi di maio

 

Condividi questo articolo

politica

E ALLA FINE IL NUOVO PONTE LO CONTROLLANO I BENETTON! - DOPO TANTE CHIACCHERE PER LA NAZIONALIZZAZIONE DI ASPI, A OGGI, GIORNO DELLA PASSERELLA PER L’INAUGURAZIONE, È ANCORA TUTTO IN MANO ALLA FAMIGLIA VENETA - “È UNA DATA SIMBOLICA, SI VA AVANTI CON L’ACCORDO PER MANDARLI VIA”, DICONO DAL MOVIMENTO 5 STELLE. MA I MAGLIARI DI PONZANO STANNO FORZANDO LA MANO E VENDERANNO CARA LA PELLE- ENTRO LA FINE DELL’ANNO SCATTERANNO GLI AUMENTI DEI PEDAGGI. E INDOVINATE CHI DIVENTERÀ PIÙ RICCO CON LA STANGATA?

CASH (WAS) KING - IL GOVERNO INFILA NEL DECRETO AGOSTO IL BONUS PER CHI PAGA CON CARTA E BANCOMAT: 2-3 MILIARDI PER SPINGERE I CONSUMI E ABBANDONARE IL CONTANTE. L'IDEA È CHE I SOLDI CHE ESCONO PER ''PREMIARE'' CHI SI AFFIDA AI PAGAMENTI TRACCIABILI, RIENTRANO SOTTO FORMA DI PIÙ TASSE PAGATE DAGLI ESERCENTI - I MINISTRI SI LITIGANO QUELLO CHE RESTA DEI 25 MILIARDI DI EXTRA-DEFICIT UNA VOLTA COPERTA LA CASSA INTEGRAZIONE. BELLANOVA VUOLE UN FONDO DA 1 MILIARDO PER I RISTORATORI CHE COMPRANO PRODOTTI ITALIANI

CONVENTION AD EXCLUDENDUM - PER LA PRIMA VOLTA NELLA STORIA, NIENTE GIORNALISTI ALLA CONVENTION REPUBBLICANA CHE INCORONERÀ TRUMP. GIÀ SPOSTATA DALLA FLORIDA A CHARLOTTE (NORTH CAROLINA) CAUSA VIRUS, ORA VIENE AZZERATA LA COPERTURA MEDIATICA IN LOCO. PARE ANCHE CHE TRUMP NON FARÀ UN DISCORSO UFFICIALE - SECONDO ALCUNI, È UN MODO PER TRUMP DI SILENZIARE I NEMICI PRINCIPALI, PER ALTRI È UN TRUCCO DEL PARTITO PER PRENDERE LE DISTANZE DAL PUZZONE E NON PERDERE IL SENATO IN CASO DI SCONFITTA A NOVEMBRE