"NON DICO NULLA SENNÒ SABINO CASSESE MI SGRIDA” - DURANTE LA CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE DEL DECRETO SUL SUPER GREEN PASS, ALLA DOMANDA SULLA POSSIBILE PROROGA DELLO STATO DI EMERGENZA IN SCADENZA IL 31 DICEMBRE, DRAGHI HA RISPOSTO CON UNA FRECCIATINA A CASSESE - L'EX GIUDICE COSTITUZIONALE E' STATO CRITICO CON MARIOPIO SOSTENENDO CHE E' “INSPIEGABILE UNA PROROGA DELLO STATO D’EMERGENZA, NON CI SONO PIÙ LE CONDIZIONI. E IN CASO DI NECESSITÀ BASTANO POCHE ORE PER REINTRODURLO"

-

Condividi questo articolo


MARIO DRAGHI MARIO DRAGHI

Da https://www.iltempo.it

 

"Non dico nulla sennò Sabino Cassese mi sgrida”. Durante la conferenza stampa di presentazione del decreto sul super green pass il presidente del Consiglio Mario Draghi ha risposto con una stilettata al Giudice emerito della Corte Costituzionale riguardo alla domanda in merito alla possibile proroga dello stato di emergenza in scadenza il prossimo 31 dicembre. “Sulla proroga allo stato di emergenza non azzardo a dire che abbiamo deciso qualcosa ad un mese dalla scadenza, sennò il Professor Cassese mi sgrida” la battuta dell’ex banchiere centrale.

 

SABINO CASSESE SABINO CASSESE

Durante la pandemia Cassese è intervenuto pubblicamente più volte esponendo posizioni critiche nei confronti dell’ex premier Giuseppe Conte, criticando l’eccessivo ricorso allo strumento del Dpcm per le misure di contenimento epidemiologico, in quanto “L’articolo 16 della Costituzione sancisce che solo un atto avente forza di legge può limitare restrizioni alla libertà personale e allo spostamento in caso di rischi connessi alla salute pubblica, quindi sarebbe stato meglio se il Governo avesse emanato decreti-legge da far convertire al Parlamento e poi, usare gli atti amministrativi, come il DPR”.

 

Anche durante il governo Draghi Cassese era stato netto affermando durante l’estate che sarebbe “inspiegabile una proroga dello stato d’emergenza, non ci sono più le condizioni. E in caso di necessità bastano poche ore per reintrodurlo, non serve tenersi pronti”.

sabino cassese sabino cassese

 

Già dopo quell'intervento estivo Draghi aveva citato Cassese: "È vero che non mi sono mai espresso ma se avessi avuto intenzione di esprimermi, mi sarebbe passata la voglia dopo aver letto l'articolo del professor Cassese ieri, che richiama tutti quelli che si vogliono esprimere prima, al fatto che non si può decidere lo stato di emergenza con un mese e mezzo di anticipo".

 

 

 

Condividi questo articolo

politica

MOVIMENTO “MARI-STELLI” - IL PORTAVOCE DI LUIGI DI MAIO, PEPPE MARICI, CHE DOMENICA SPOSA LA VICE-MINISTRA ALL’ECONOMIA LAURA CASTELLI, SI CONFIDA CON TELESE: “IL NOSTRO È UNA SORTA DI ‘AMORE A CINQUE STELLE’, MA NON È UN FILM DEI VANZINA” - “PER VEDERCI DI PIÙ ABBIAMO DOVUTO OCCUPARCI DI INTERNAZIONALIZZARE IL MADE IN ITALY ALLA FARNESINA. LAURA È UNA GRANDE CUOCA. È LA REGINA DELLO SVUOTAFRIGO. QUALSIASI COSA TROVI NE TRAE UN GRANDE PIATTO. HO DOVUTO FARE UN SERIO ACCORDO POLITICO CON LEI. PUÒ STARE ANCHE FINO ALLE TRE SUL DIVANO, A STUDIARE UN DOSSIER, MA IL LETTO È SACRO. QUANDO VIENE A DORMIRE…”

DAGOREPORT - BERLUSCONI FA BENE A SOGNARE IL QUIRINALE: UN SONDAGGIO LO DA' SECONDO NEL GRADIMENTO DEGLI ITALIANI (20,6%) SECONDO SOLO A DRAGHI (23,4%) E PRIMA DEL MATTARELLA-BIS (19,3%) - IL CAV, ORMAI FUORI DI TESTA, HA CHIESTO AL FIDATO GIANNI LETTA DI ORGANIZZARE UN INCONTRO CON IL NIPOTE, ENRICO LETTA PER DISCUTERE DELLA SUA ELEZIONE AL COLLE. AL VOLTO BASITO DELL'EMINENZA AZZURRINA, BERLUSCONI HA RISPOSTO CON LO SLANCIO MESSIANICO DI CHI È CONVINTO DI POTER ARRIVARE DOVE VUOLE: "SONO SICURO CHE SE GLI PARLO, LO CONVINCO..."

MATTEO DA LEGARE - SE GIORGIA MELONI HA QUALCHE PROBLEMINO CON IL SUO PARTITO, MATTEO SALVINI NON SE LA PASSA MEGLIO. HA DOVUTO INCASSARE UNA COCENTE SCONFITTA IN EUROPA: I POLACCHI DI KACZYNKSI E MORAWIECKI HANNO RIFIUTATO LE SUE AVANCES A CONFLUIRE NELL'EUROGRUPPO DELLE DESTRE PER RESTARE NEL GRUPPO “CONSERVATORI E RIFORMISTI” INSIEME A GIORGIA MELONI. I POLACCHI NON ACCETTERANNO MAI DI SCHIERARSI CON L'ESTREMA DESTRA DI MARINE LE PEN - IL "CAPITONE", OLTRE ALLE SBERLE IN EUROPA, DEVE ANCHE GESTIRE LE SCAZZOTTATE SUL VACCINO NELLA LEGA...