"RICORDA PIAZZALE LORETO" – VANDALIZZATO IL COMITATO ELETTORALE DI ENRICO MICHETTI. INSULTI E MINACCE, L’INGRESSO IMBRATTATO CON VERNICE ROSSA E UNA STELLA A 5 PUNTE – IL CANDIDATO SINDACO DEL CENTRODESTRA SI È DETTO SCONCERTATO: "E' IL RISULTATO DEL CLIMA DI ODIO CHE SI È CREATO INTORNO A ME ED A TUTTO IL CENTRODESTRA. NON SI VINCE COSI’” – LA SOLIDARIETA’ DI GUALTIERI E ENRICO LETTA

-

Condividi questo articolo


Lorenzo D'Albergo per repubblica.it

 

comitato elettorale michetti comitato elettorale michetti

 

Attacco al comitato di Enrico Michetti. I responsabili della campagna elettorale del tribuno del centrodestra stamattina si sono svegliati e hanno trovato l’ingresso degli uffici in via Antonio Malfante imbrattati con vernice rossa. “Fascista”, si legge sopra al nome del candidato. E ancora, poco più in là, un’altra scritta: “Ricordati piazzale Loreto”. Il riferimento storico è chiaro e rimanda all’esposizione all’odio popolare dei corpi di Benito Mussolini, di Claretta Petacci e dei gerarchi fascisti a Milano.

 

Ad accompagnare le due scritte ci sono altrettante stelle rosse.

 

gualtieri michetti gualtieri michetti

"È stato profanato il mio comitato elettorale, hanno scritto fascista accanto al mio nome. Io ho avuto una sola tessera, quella della Dc, tutta la mia vita è stata improntata agli ideali degasperiani", commenta Michetti nel corso della registrazione del confronto con Roberto Gualtieri in onda oggi al TgR Lazio su Rai3. "Questa è una vergogna - aggiunge - è sconcertante, non si vince così. Sono sconcertato che si arrivi a livelli così bassi per 'uccidere' una persona".

 

gualtieri michetti gualtieri michetti

"Una cosa deprecabile, bisogna sempre rispettare le persone, io lo ho fatto. C'è una leale competizione con lo sfidante. Ho criticato che la coalizione di Michetti si sia allargata molto destra, ospitando anche candidati di CasaPound. Michetti ha tutta la mia solidarietà", dice Gualtieri sugli atti vandalici ai danni della sede del comitato elettorale del suo sfidante di centrodestra.

 

Immediate le dichiarazioni a difesa del candidato scelto da Giorgia Meloni: “Nella notte criminali comunisti vandalizzano con scritte la sede del comitato Michetti: appaiono la stella a cinque punte delle Brigate rosse e minacce di morte. È gravissimo quanto sta accadendo in Italia, dove è sempre più evidente che il clima di odio, fomentato da una quanto mai verosimile strategia della tensione, sta portando agli stessi effetti che suscitò negli anni Settanta. Ci aspettiamo una immediata presa di distanza da parte di tutte le forze politiche e democratiche che hanno assunto posizione rispetto ad analoghi eventi”, dice il capogruppo di Fratelli d’Italia alla Camera, Francesco Lollobrigida.

meloni michetti salvini meloni michetti salvini

 

Condividi questo articolo

politica

DAGOREPORT - BERLUSCONI FA BENE A SOGNARE IL QUIRINALE: UN SONDAGGIO LO DA' SECONDO NEL GRADIMENTO DEGLI ITALIANI (20,6%) SECONDO SOLO A DRAGHI (23,4%) E PRIMA DEL MATTARELLA-BIS (19,3%) - IL CAV, ORMAI FUORI DI TESTA, HA CHIESTO AL FIDATO GIANNI LETTA DI ORGANIZZARE UN INCONTRO CON IL NIPOTE, ENRICO LETTA PER DISCUTERE DELLA SUA ELEZIONE AL COLLE. AL VOLTO BASITO DELL'EMINENZA AZZURRINA, BERLUSCONI HA RISPOSTO CON LO SLANCIO MESSIANICO DI CHI È CONVINTO DI POTER ARRIVARE DOVE VUOLE: "SONO SICURO CHE SE GLI PARLO, LO CONVINCO..."

MATTEO DA LEGARE - SE GIORGIA MELONI HA QUALCHE PROBLEMINO CON IL SUO PARTITO, MATTEO SALVINI NON SE LA PASSA MEGLIO. HA DOVUTO INCASSARE UNA COCENTE SCONFITTA IN EUROPA: I POLACCHI DI KACZYNKSI E MORAWIECKI HANNO RIFIUTATO LE SUE AVANCES A CONFLUIRE NELL'EUROGRUPPO DELLE DESTRE PER RESTARE NEL GRUPPO “CONSERVATORI E RIFORMISTI” INSIEME A GIORGIA MELONI. I POLACCHI NON ACCETTERANNO MAI DI SCHIERARSI CON L'ESTREMA DESTRA DI MARINE LE PEN - IL "CAPITONE", OLTRE ALLE SBERLE IN EUROPA, DEVE ANCHE GESTIRE LE SCAZZOTTATE SUL VACCINO NELLA LEGA...

IL CICLONE ZEMMOUR SI ABBATTE SULLA FRANCIA - IL GIORNALISTA DI ESTREMA DESTRA HA SCIOLTO UFFICIALMENTE LA RISERVA DOPO QUATTRO MESI PASSATI A TENTENNARE: SI CANDIDERÀ ALLE PRESIDENZIALI E SFIDERÀ MACRON E LE PEN - LA DECISIONE È MATURATA NEL MOMENTO IN CUI È PIÙ DEBOLE, DOPO LE RIVELAZIONI SULLA LIAISON CON L’ASSISTENTE SARAH KNAFO E LA FOTO IN CUI FA IL DITO MEDIO A UNA PASSANTE - ALLA FINE, CON I SOVRANISTI SPACCATI TRA LUI E MARINE, RISCHIANO DI GUADAGNARCI I REPUBBLICANI…