RAGGI CALANTI SUL CAMPIDOGLIO – ALTRE DIMISSIONI IN CASA M5S: IL CONSIGLIERE ENRICO STEFÀNO LASCIA L'INCARICO DI VICEPRESIDENTE VICARIO DELL'AULA CAPITOLINA – E POI PROMETTE DI SPIEGARE I MOTIVI DELLE SUE DIMISSIONI "A MENTE FREDDA" - LO STALLO PER IL MANCATO PASSO INDIETRO DI MARCELLO DE VITO DOPO L’ARRESTO PER CORRUZIONE

-

Condividi questo articolo

 

 

Enrico Chillè per www.leggo.it 

 

 

 

Una nuova tegola per la giunta Raggi: è di pochi minuti fa la notizia delle dimissioni di Enrico Stefàno dal ruolo di vicepresidente vicario dell'Assemblea Capitolina.



Roma, si stacca un ramo e travolge famiglia lungo il Tevere: bimba di due anni ferita



Enrico Stefàno, 32 anni, ha deciso di rassegnare le dimissioni augurando buon lavoro a tutta la giunta e al consiglio comunale di Roma. Già presidente della III Commissione MobilitàEnrico Stefàno era stato eletto anche vicepresidente vicario dell'Assemblea Capitolina, 'orfana' del presidente Marcello De Vito, arrestato nel marzo scorso ed espulso dal Movimento 5 Stelle. Solo l'ex presidente del consiglio comunale di Roma era riuscito a ottenere più voti di Stefàno in Assemblea e, da oltre tre mesi, la carica vacante era stata assunta 'ad interim' proprio dal 32enne consigliere del M5S.

Enrico Stefàno, che in questi tre anni di amministrazione M5S a Roma si è distinto per l'impegno a promuovere una mobilità più sostenibile, incentrata su una miglior fruizione del trasporto pubblico e sulle piste ciclabili, ha annunciato le dimissioni anche sulla propria pagina Facebook. «A mente fredda spiegherò i motivi della mia decisione, nel frattempo mi corre l'obbligo di fare dei ringraziamenti. In primis al mio staff, tutti dipendenti comunali, che da 3 anni con pazienza, dedizione, amore, seguono le mie (dis)avventure.

 

Agli uffici del Segretariato, che in questi tre mesi sono stati una piecevolissima scoperta per competenza e disponibilità. Ai gruppi di opposizione, che, anche se inevitabilmente con idee diverse, si sono dimostrati sempre leali e corretti, nell'interesse della città» - si legge nel post di Enrico Stefàno - «Ovviamente resta il mio pieno e incondizionato appoggio alla maggioranza e a Virginia, che in questi tre anni sta facendo un lavoro straordinario e merita il supporto di tutti, amministratori e soprattutto cittadini. Continuerò a lavorare per Roma, che amo, dando il massimo per vedere realizzata la nostra idea di città».

raggi stefano raggi stefano

 

 

frongia stefano raggi frongia stefano raggi

 

 

MARCELLO DE VITO E VIRGINIA RAGGI MARCELLO DE VITO E VIRGINIA RAGGI MARCELLO DE VITO ROBERTA LOMBARDI MARCELLO DE VITO ROBERTA LOMBARDI MARCELLO DE VITO MARCELLO DE VITO

ENRICO STEFANO ENRICO STEFANO Enrico Stefàno Enrico Stefàno

 

Condividi questo articolo

politica

PERCHE’ SARÀ GOVERNO PD-5STELLE - IL BIBITARO E I SUOI SONO TERRORIZZATI DALLE ELEZIONI (UN SONDAGGIO LÌ DA BEN SOTTO IL 15%) E QUINDI ALLA FINE ACCETTERANNO TUTTO PUR DI NON VOTARE, A PARTIRE DAL PREMIER CHE SARÀ DEL PD - RESTA IL FATTO CHE IL GOVERNO CHE STA PER NASCERE PERMETTERÀ DI METTERE MANO ALLE NOMINE DELLA PRIMAVERA 2020 DELLE SOCIETÀ DI STATO (ENI, ENEL, TERNA, LEONARDO) E SOPRATTUTTO NON PERMETTERÀ AL CENTRODESTRA DI SALVINI DI ELEGGERE IL SUCCESSORE DI MATTARELLA (PRODI È GIÀ PRONTO) - DOPO L'ENDORSEMENT DI GRILLO, GIGGINO CI PROVA A FARE IL KAMIKAZE CON ZINGA: "SUBITO TAGLIO DEI PARLAMENTARI E CONTE PREMIER. NICOLA, HAI 24 ORE DI TEMPO, PRENDERE O LASCIARE"