RENZI FA IL PREZIOSO CON CALENDA – MATTEUCCIO NON SCIOGLIE LA RISERVA SULL’ALLEANZA CON IL "BULLO DA SOLO": “SONO OTTIMISTA E PRUDENTE. DOMANI CI VEDIAMO E SI DECIDE. SONO PRONTO A FARE UN PASSO INDIETRO SULLA LEADERSHIP MA PRIMA SI FA L’ACCORDO E POI I NOMI” – “RIPORTEREMO DRAGHI A PALAZZO CHIGI. O SIAMO UN CENTRINO O SIAMO DECISIVI” (LA PRIMA CHE HAI DETTO…)

- -

 

-

Condividi questo articolo


Estratto da www.lastampa.it

 

Renzi: riporteremo Mario Draghi a palazzo Chigi

MATTEO RENZI E CARLO CALENDA MATTEO RENZI E CARLO CALENDA

«O siamo un centrino o siamo decisivi. Io penso che siamo decisivi e in grado di fare l'unica cosa seria, riportare Mario Draghi a palazzo Chigi». Così Matteo Renzi, leader di Italia Viva, intervistato da Massimo Giannini.

 

«Draghi? Non s'è candidato neanche la volta scorsa...», prosegue Renzi. Ma «ci aspettano tempi difficili: avremo tanta inflazione. Quando hai l'8-9% tanti vanno sotto la soglia di povertà - conclude -. A quel punto tra settembre e dicembre se si deve ridiscutere il patto di stabilità europeo: là ci sono quelli tosti, gli olandesi. Ma se non cambiamo quel patto non andiamo da nessuna parte. Io chiedo, chi preferite che vada a trattare? Draghi o Meloni?».

 

calenda renzi sondaggio quorum youtrend 9 agosto 2022 calenda renzi sondaggio quorum youtrend 9 agosto 2022

Renzi: leardership? Prima accordo poi vediamo

Per la leadership dell'accordo tra Azione e Italia Viva? «Prima mettiamo d'accordo sul resto poi vediamo – ha dichiarato Matteo Renzi –. Prima viene il progetto politico, la leadership è l'approdo finale, non ho alcun problema ma prima bisogna decidere lo scenario».

 

Renzi: Letta ha fatto una frittata

«Ogni volta che ho una posizione diversa da Enrico Letta si parla di rancore, ma è evidente che quella storia là non gli è passata… Aveva tre alternative: la prima era il grande accordo contro le destre, e sarei stato contrario, ma avrebbe dovuto fare l'accordo con Conte. Seconda ipotesi era fare l'Agenda Draghi, ma ha messo il veto su di noi prendendo Fratoianni. Terza ipotesi, quella Veltroni, vado da solo. Invece ha fatto una frittata. Di Maio con il Pd? Lui disse che avevamo rubato i bambini di Bibbiano...». Lo afferma il leader di Italia Viva, Matteo Renzi, intervistato dal direttore Massimo Giannini.

MATTEO RENZI MARIO DRAGHI MATTEO RENZI MARIO DRAGHI

 

Renzi: non abbiamo chiuso con Calenda c'è tempo

«Il terzo polo c'è, la vera domanda e se riusciremo a rappresentarlo in modo serio. Io spero nella compagine più ampia possibile. No non abbiamo concluso. Bisogna capire qual è la prospettiva. Visto il teatrino deludente delle ultime settimane, se dobbiamo fare un accordo bisogna farlo in modo serio e diverso dagli altri». Così Matteo Renzi, leader di Italia Viva, intervistato da Massimo Giannini.

 

CARLO CALENDA MATTEO RENZI CARLO CALENDA MATTEO RENZI

Renzi: domani incontro Calenda e si decide

«Se si fa l'accordo bisogna capire qual è la prospettiva: le candidature e le liste sono le cose più facili. La domanda è vogliamo fare un polo del buon senso? Sono ottimista e prudente. Penso che domani dobbiamo vederci e decidiamo se si o no». Lo afferma il leader di Italia Viva, Matteo Renzi, intervistato dal direttore Massimo Giannini. «Sono pronto a fare un passo indietro sulla leadership ma prima accordo e poi i nomi, che sono conseguenza delle cose».

CARLO CALENDA E MATTEO RENZI CARLO CALENDA E MATTEO RENZI carlo calenda matteo renzi 1 carlo calenda matteo renzi 1 carlo calenda matteo renzi carlo calenda matteo renzi

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - COME MAI I QUOTIDIANI DEGLI ANGELUCCI (“LIBERO” A FIRMA SECHI, “IL GIORNALE” CON MINZOLINI) HANNO SPARATO A PALLE INCATENATE CONTRO LA MELONA, DOPO LA SCONFITTA IN SARDEGNA, BEN EVIDENZIANDO I SUOI ERRORI E LA SUA ARROGANZA? - MAGARI L'ANGELUCCI FAMILY E’ SCONTENTA PER LE PROMESSE NON MANTENUTE DALLA DUCETTA? - O FORSE LE RASSICURAZIONI RICEVUTE, DOPO LA PRESA DEL SECONDO QUOTIDIANO A MILANO, SI SONO RIVELATE ARIA FRITTA? - LA CAUTELA DI SALLUSTI CHE, PER NON IRRITARE LA DUCETTA, HA LASCIATO SCRIVERE L'EDITORIALE A MINZOLINI…

DAGOREPORT - SUSSURRI MILANESI DI TERZO POLO TV: LA7 DI CAIRO, TV8 DI SKY E NOVE DEL GRUPPO WARNER BROS-DISCOVERY STANNO RAGIONANDO SULL’OPPORTUNITÀ DI CREARE UN “CARTELLO” PER ARRIVARE A PALINSESTI “RAGIONATI”, EVITANDO DI FARSI CONCORRENZA NELLE RISPETTIVE SERATE “FORTI” - FABIO FAZIO “PESCE PILOTA” PER PORTARE A NOVE ALTRI TELE-DIVI RAI (L’ARRIVO DEL DESTRISSIMO GIAMPAOLO ROSSI COME AD A VIALE MAZZINI DARÀ L’AVVIO ALLA DIASPORA DEI RANUCCI E COMPAGNI...)

DAGOREPORT! - LA SCONFITTA IN SARDEGNA AVVIA LA RESA DEI CONTI MELONI-SALVINI - DUCETTA-VENDETTA: VUOLE DISARCIONARE IL “CAPITONE” DALLA GUIDA DELLA LEGA, PER AVERE UN CARROCCIO MODERATO A TRAZIONE NORDISTA CON LA “SUPERVISIONE” DI ZAIA, FEDRIGA E GIORGETTI -  MA PER “CONQUISTARE” IL DOGE, TOCCA RISOLVERE LA GRANA DEL TERZO MANDATO: CON UNA LEGGE DI RIORDINO DEGLI ENTI LOCALI: LE REGIONI DECIDERANNO SUL NUMERO DEI MANDATI - LA ''CONCESSIONE'' CHE SI MATERIALIZZERÀ PER ZAIA SOLTANTO DOPO LA DETRONIZZAZIONE DI SALVINI DALLA GUIDA DELLA LEGA. DELLA SERIE: FRIGGERE IL “CAPITONE”, VEDERE CAMMELLO - LA CONTROMOSSA DI SALVINI: CHIEDERE AL CONSIGLIO FEDERALE DELLA LEGA UN MANDATO PER CHIARIRE LO STATO DI SALUTE DELL'ALLENZA PER POI TOGLIERE L'APPOGGIO  AL GOVERNO - QUANDO LA MELONA SI AUTO-DEFINISCE “NANA” VUOLE FAR SAPERE A SALVINI CHE CONOSCE LO SFOTTÒ CHE LUI USA PER SBERTUCCIARLA (“NANA BIONDA”) – ABRUZZO, EFFETTO TODDE: CALA IL VANTAGGIO DEL MELONIANO MARSILIO SUL CANDIDATO DEL CAMPOLARGO, D'AMICO...

DAGOREPORT - LA FESTA APPENA COMINCIATA È GIÀ FINITA? NO: MA LA SARDEGNA SARÀ L’INIZIO DELLA FINE SE LA DUCETTA NON SI FICCA NELLA TESTOLINA CHE LA POLITICA NON È “QUI COMANDO IO!” - GRAZIE A SU POPULU SARDU, IL CENTROSINISTRA UNITO HA PIÙ NUMERI DEL CENTRODESTRA A PEZZI - FINO A IERI, ALLE AVVISAGLIE DI SALVINI DI TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO, LA MELONA GHIGNAVA MINACCIANDO DI RIPORTARE LA “NAZIONE” AL VOTO. E CON LA VITTORIA DI TRUZZU, AVREBBE CAPITALIZZATO LA SUA PREMIERSHIP DA EROE DEI DUE MONDI - CON LA DISFATTA SARDA E SALVINI AL MURO, DOVE VA “IO SO’ GIORGIA E VOI NON SIETE UN CAZZO”? - SENZA IL TERZO MANDATO, ZAIA PRONTO A SCENDERE DAL CARROCCIO E ADERIRE ALLA LIGA VENETA, LA LEGA SI SPACCA. PER LA DUCETTA INIZIANO GIORNI MOLTO, MOLTO DIFFICILI…