I RENZIANI LANCIANO LA CACCIA AI PUTIANANI NEI MEDIA ITALIANI – IL CAPOGRUPPO DI ITALIA VIVA AL SENATO, ENRICO BORGHI, HA PRESENTATO UN DDL PER LA CREAZIONE DI UN’AGENZIA CHE SCOVI NELLE REDAZIONI DEI GIORNALI, NEGLI STUDI TELEVISIVI E SUI SOCIAL CHI PORTA AVANTI CAMPAGNE DI DISINFORMAZIONE E PROPAGANDA PER CONTO DELLA RUSSIA – L'ENTE AD HOC DOVREBBE ANALIZZARE IL FLUSSO DI NOTIZIE, “REGISTRANDO ATTIVITÀ DI INGERENZA”, PER POI INFORMARE IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO E IL COPASIR…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Lorenzo Giarelli per “il Fatto quotidiano”

 

ENRICO BORGHI RAFFAELLA PAITA MATTEO RENZI ENRICO BORGHI RAFFAELLA PAITA MATTEO RENZI

Un’agenzia per scovare i putiniani nelle redazioni, negli studi televisivi e sui social. L’idea è nell’aria da tempo, stando almeno alle varie e variegate liste di proscrizione circolate in questi due anni di guerra in Ucraina, e adesso arriva per la prima volta in Parlamento sotto forma di disegno di legge. A proporlo è il capogruppo di Italia Viva in Senato Enrico Borghi, anche se il testo non porta la firma del leader Matteo Renzi. [...]

 

Il ddl prevede la creazione di un ente ad hoc che si chiamerà Agenzia per la disinformazione e la sicurezza cognitiva (Adisc) e avrà l’obiettivo di analizzare il flusso di notizie su giornali, tv, radio e Internet “registrando attività di ingerenza” a danno delle istituzioni e della sicurezza nazionale, oltreché “campagne di disinformazione” in grado di “manipolare l’opinione pubblica”. Notizie spinte da Mosca, insomma.

 

VLADIMIR PUTIN VLADIMIR PUTIN

Nel Presentare il progetto Borghi richiama la relazione depositata in Parlamento un mese fa dai Servizi, nella quale si ipotizzava che il Cremlino utilizzasse “network mediatici di Paesi terzi per promuovere le proprie iniziative”. [...]

 

Borghi immagina l’Adisc come un’agenzia con potere e autorevolezza, al punto che sarebbe inserita nel Sistema di informazione per la sicurezza della Repubblica insieme agli altri enti dedicati ai Servizi (dall’Aise all’Aisi fino al Dis), avendo così accesso a informazioni delicate.

 

enrico borghi foto di bacco enrico borghi foto di bacco

La nomina del direttore spetterebbe al presidente del Consiglio (i dettagli dell’organizzazione e del finanziamento sono rimandati a successivi decreti) e i componenti avrebbero provenienza diversa: per metà assunti tramite concorso a tempo indeterminato, il resto scelto tra il personale dell’amministrazione pubblica messo fuori ruolo e figure della società civile (pescate quindi da associazioni, Università, think tank, eccetera).

 

Una volta al lavoro, l’Agenzia si metterebbe a caccia di infiltrazioni russe e poi ne darebbe conto sia al presidente del Consiglio sia al Copasir con relazioni trimestrali. A Borghi non sfugge che a questo punto il terreno si fa scivoloso, vista la facilità con cui in questi anni legittime opinioni sono state bollate come pensieri al soldo di Putin: “Non bisogna confondere la cattiva informazione con la disinformazione – precisa il renziano – La prima è legata all’interpretazione soggettiva e fa riferimento all’articolo 21 della Costituzione, nessuno si sogna di introdurre modelli censori o controlli. Ma altro conto è la disinformazione, ovvero la manipolazione delle informazioni, costruita ad arte da strutture specializzate”.

 

disinformazione russa disinformazione russa

Distinzione netta solo a parole, nel Paese specializzato in elenchi di presunti filorussi. Anche perché Borghi fa riferimento a trame nascoste organizzate da Putin, ma richiama pure una ricerca che ha contato “21 esponenti del governo russo o di media controllati dal Cremlino” comparsi “67 volte” nei programmi televisivi italiani nei mesi successivi all’invasione.

 

ENRICO BORGHI RAFFAELLA PAITA MATTEO RENZI ENRICO BORGHI RAFFAELLA PAITA MATTEO RENZI

Eppure su questo, a meno che le ingerenze non diventino dell’Adisc, vige l’autonomia editoriale di ogni trasmissione e di ogni conduttore, libero di invitare voci russe se le ritiene un arricchimento giornalistico (se non uno scoop). Valutazioni professionali che, se la destra dovesse accogliere la proposta di Borghi, in futuro costeranno ai protagonisti l’ennesimo marchio di putiniano.

disinformazione russa su israele disinformazione russa su israele

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ALLA VIGILIA DEL DERBY CHE FORSE CONSEGNERÀ ALL’INTER LA SECONDA STELLA IN FACCIA AI TIFOSI DEL MILAN, GIUSEPPE MAROTTA METTE A SEGNO UN ALTRO COLPO: OTTIENE DA PIMCO UN FINANZIAMENTO DA 400 MILIONI PER RIPAGARE IL DEBITO CON OAKTREE, DANDO FIATO AL SUO AZIONISTA-FANTOCCIO ZHANG – INVECE GERRY CARDINALE VINCE LO SCUDETTO DEL BILANCIO, CHE IN UNA NAZIONE DOVE COMANDANO I FURBETTI, SA TANTO DELLA COPPA DEL NONNO – OGGI AL “SOLE 24 ORE”, CARDINALE RIPETE DI NON AVER BISOGNO DI SOCI PER IL MILAN. INTANTO HA FATTO SCADERE L’ESCLUSIVA CON GLI ARABI DI PIF, CHE AVREBBERO PORTATO 550 MILIONI E ANTONIO CONTE IN OMAGGIO…

DAGOREPORT - UN PUCCINI ALL’IMPROVVISO! – SCOOP! UN BRANO INEDITO DI GIACOMO PUCCINI SARA’ ESEGUITO PER LA PRIMA VOLTA AL LUCCA CLASSICA MUSIC FESTIVAL, IL PROSSIMO 28 APRILE – COMPOSTO NEL 1877 DA UN GIOVANE PUCCINI, S’INTITOLA “I FIGLI DELL’ITALIA BELLA – CESSATO IL SUO DELL’ARMI”: ERA RIMASTO A LUNGO “NASCOSTO”, POI DISPONIBILE SOLO IN FORMA INCOMPIUTA E, INFINE, RIPORTATO ALLA LUCE NELLA SUA INTEGRITA’ GRAZIE AL CENTRO STUDI PUCCINI – IL MISTERO DIETRO ALLA PARTITURA E I DIRITTI ACQUISITI ORA DAL CONSERVATORIO “LUIGI BOCCHERINI” DI LUCCA...

DAGOREPORT – IL DIAVOLO TRA DUE FUOCHI. IL MATRIMONIO TRA LOPETEGUI E IL MILAN È A UN PASSO. L’ACCORDO ECONOMICO È STATO TROVATO. MA PER L’ARRIVO DEL BASCO AL POSTO DI STEFANO PIOLI MANCA L'OK DI IBRAHIMOVIC, NOMINATO DA CARDINALE SUO PLENIPOTENZIARIO NEL CLUB – ZLATAN SPINGE PER ANTONIO CONTE, SOLUZIONE PIÙ GRADITA ALLA PIAZZA, IN CERCA DI UN MISTER CON GLI ATTRIBUTI (E LOPETEGUI IN SPAGNA È DETTO “EL CAGON”…) – RIUSCIRÀ IBRA A CONVINCERE LA SOCIETÀ A PUNTARE SU UN TECNICO DALLA PERSONALITÀ STRARIPANTE E MOLTO COSTOSO?

MADONNA? EVITA-LA! – QUELLA VOLTA CHE MADONNA VENNE A ROMA PER LA PRIMA DI “EVITA’’ E SI INCAZZÒ FACENDO ASPETTARE IL PUBBLICO PER UN’ORA E MEZZO - IL PATTO ERA CHE SUA FIGLIA, LOURDES, VENISSE BATTEZZATA NEGLI STESSI GIORNI DAL PAPA ALLA PRESENZA DEL PADRE, CHE SI CHIAMAVA JESUS - IL PRODUTTORE VITTORIO CECCHI GORI CONOSCEVA UN CARDINALE: “PRONTO, AVREI MADONNA, L’ATTRICE, CHE VORREBBE BATTEZZARE LA FIGLIA, LOURDES, COL PADRE, JESUS… E SE FOSSE DISPONIBILE IL PAPA…” – VIDEO

DAGOREPORT - CON AMADEUS, DISCOVERY RISCHIA: NON È UN PERSONAGGIO-FORMAT ALLA STREGUA DI CROZZA E FAZIO. È SOLO UN BRAVISSIMO CONDUTTORE MA SENZA UN FORMAT FORTE CHE L’ACCOMPAGNI, SARÀ DURISSIMA FAR DIGITARE IL TASTO 9. NELLA TV DI OGGI I PRODUTTORI DI CONTENUTI VENDONO CHIAVI IN MANO IL PACCHETTO FORMAT+CONDUTTORE ALLE EMITTENTI - ALLA CRESCITA DI DISCOVERY ITALIA, NEL 2025 SEGUIRA' ''MAX'', LA PIATTAFORMA STREAMING DI WARNER BROS-HBO CHE PORTERÀ A UNA RIVOLUZIONE DEL MERCATO, A PARTIRE DALLA TORTA PUBBLICITARIA. E LE RIPERCUSSIONI RIMBALZERANNO SUI DIVIDENDI DI MEDIASET E LA7 - A DIFFERENZA DI RAI E IN PARTE DI MEDIASET, DISCOVERY HA UNA STRUTTURA SNELLA, SENZA STUDI DI REGISTRAZIONE, SENZA OBBLIGHI DI ASSUNZIONI CLIENTELARI NÉ DI FAR TALK POLITICI - LIBERI DI FARE UN CANALE5 PIÙ GIOVANE E UN’ITALIA1 PIÙ MODERNA, IL PROSSIMO 9 GIUGNO DOVRANNO DECIDERE SE FARE O MENO UNO SPAZIO INFORMATIVO. NEL CASO IN CUI PREVARRA' IL SÌ, SARÀ UN TG MOLTO LEGGERO, UNA SORTA DI ANSA ILLUSTRATA (E QUI RICICCIA L'OPZIONE ENRICO MENTANA)