ROCCA HA INSERITO NELLA SUA GIUNTA UNA “HATER” DI GIORGIA MELONI – LA FORZISTA LUISA REGIMENTI, EX LEGHISTA, NUOVO ASSESSORE AL PERSONALE E ALLA SICUREZZA DELLA REGIONE LAZIO, IN PASSATO NON HA RISPARMIATO BORDATE ALLA PREMIER - NOVE ANNI FA, QUANDO LA DUCETTA FU SCELTA ALLA GUIDA DEL FDI, SCRISSE SU FACEBOOK: “CARA GIORGIA, IL TUO ABBIGLIAMENTO NON SI ADDICE AL TUO RUOLO... CAMBIA STILISTA”. E NON ERA CONVINTA NEPPURE DEL SIMBOLO SCELTO PER IL PARTITO: “POTEVANO LASCIARE IL SIMBOLO DI AN DOVE ERA. AVREBBERO ALMENO CONSERVATO LA DIGNITÀ…”

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo di Clemente Pistilli per “la Repubblica - Edizione Roma”

 

LUISA REGIMENTI ASSESSORE AL PERSONALE E ALLA SICUREZZA DELLA REGIONE LAZIO LUISA REGIMENTI ASSESSORE AL PERSONALE E ALLA SICUREZZA DELLA REGIONE LAZIO

Di Giorgia Meloni fino a qualche anno fa condivideva assai poco. Non l’aveva convinta l’idea di dar vita a Fratelli d’Italia e alzava il sopracciglio anche davanti al look dell’attuale premier. Ma il tempo passa e l’assessora Luisa Regimenti, dopo essere passata dall’appoggio al Movimento Pro Life a posizioni molto più progressiste anche in tema di famiglia, dopo aver detto addio alla Lega con cui nel 2019 era entrata al Parlamento europeo e aver aderito a Forza Italia, ora è entrata anche nella giunta regionale a trazione Fratelli d’Italia.

 

È diventata esponente di un esecutivo che ha come stella polare quella stessa Meloni di cui la delegata al Personale, polizia locale, enti locali e sicurezza urbana criticava persino il modo di vestirsi.

 

POST SU FACEBOOK DI LUISA REGIMENTI CONTRO GIORGIA MELONI POST SU FACEBOOK DI LUISA REGIMENTI CONTRO GIORGIA MELONI

Stimato medico legale e professoressa alle università di Tor Vergata, Parma e Catania, Luisa Regimenti […] nel 2009, ormai 14 anni fa, sembrava molto più a destra di tanti suoi attuali colleghi e, scrivendo sui social a «Tutti i camerati di Fb si trovano a Napoli», per partecipare a un incontro, auspicava che venisse scelto un «luogo piuttosto grande» per ospitare tutti.

 

Nove anni fa, quando Giorgia Meloni venne scelta come presidente di Fratelli d’Italia, all’epoca un partitino nato da una scissione del Popolo della libertà, l’assessora attaccava: «Cara Giorgia, il tuo abbigliamento non si addice al tuo ruolo... Anche l’abito in chi fa politica è un mezzo di comunicazione, al quale non fai troppo caso, ma che oggi in modo particolare stride con i contenuti del tuo intervento... sei malconsigliata... cambia stilista».

LUISA REGIMENTI LUISA REGIMENTI

 

Non era convinta neppure del simbolo scelto per il partito e presentato alla Camera da Meloni insieme a Guido Crosetto, Francesco Lollobrigida, Ignazio La Russa, Gianni Alemanno e Fabio Rampelli: «Potevano lasciare il simbolo di An dove era... Gli avrebbero almeno conservato la dignità di un passato glorioso e sincero».

POST SU FACEBOOK DI LUISA REGIMENTI CONTRO GIORGIA MELONI POST SU FACEBOOK DI LUISA REGIMENTI CONTRO GIORGIA MELONI LUISA REGIMENTI LUISA REGIMENTI LUISA REGIMENTI ASSESSORE AL PERSONALE E ALLA SICUREZZA DELLA REGIONE LAZIO LUISA REGIMENTI ASSESSORE AL PERSONALE E ALLA SICUREZZA DELLA REGIONE LAZIO

[…]

luisa regimenti luisa regimenti Luisa Regimenti Luisa Regimenti

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ANCHE I DRAGHI, OGNI TANTO, COMMETTONO UN ERRORE. SBAGLIÒ NEL 2022 CON LA CIECA CORSA AL COLLE, E SBAGLIA OGGI A DARE FIN TROPPO ADITO, CON LE USCITE PUBBLICHE, ALLE CONTINUE VOCI CHE LO DANNO IN CORSA PER LA PRESIDENZA DELLA COMMISSIONE EUROPEA - CHIAMATO DA URSULA PER REALIZZARE UN DOSSIER SULLA COMPETITIVITÀ DELL’UNIONE EUROPEA, IL COMPITO DI ILLUSTRARLO TOCCAVA A LEI. “MARIOPIO” INVECE NON HA RESISTITO ALLE SIRENE DEI MEDIA, CHE TANTO LO INCENSANO, ED È SALITO IN CATTEDRA SQUADERNANDO I DIFETTI DELL’UNIONE E LE NECESSARIE RIFORME, OFFRENDOSI COME L'UOMO SALVA-EUROPA - UN GRAVE ERRORE DI OPPORTUNITÀ POLITICA (LO STESSO MACRON NON L’HA PRESA BENE) - IL DESTINO DI DRAGHI È NELLE MANI DI MACRON, SCHOLZ E TUSK. SE DOPO IL 9 GIUGNO...

DAGOREPORT – BENVENUTI ALLA PROVA DEL “NOVE”! DOPO LA COSTOSA OPERAZIONE SUL ''BRAND AMADEUS'' (UN INVESTIMENTO DI 100 MILIONI DI DOLLARI IN 4 ANNI), A DISCOVERY NON VOGLIONO STRAFARE. E RESTERANNO FERMI, IN ATTESA DI VEDERE COSA SUCCEDERA' NELLA RAI DI ROSSI-MELONI - ''CORE BUSINESS' DEL CANALE NOVE: ASCOLTI E PUBBLICITÀ, QUINDI DENTRO LE SMORFIE E I BACETTI DI BARBARELLA D'URSO E FUORI L’INFORMAZIONE (L’IPOTESI MENTANA NON ESISTE) - LA RESPONSABILE DEI CONTENUTI DI DISCOVERY, LAURA CARAFOLI, PROVO' AD AGGANCIARE FIORELLO GIA' DOPO L'ULTIMO SANREMO, MA L'INCONTRO NON ANDO' A BUON FINE (TROPPE BIZZE DA ARTISTA LUNATICO). ED ALLORA È NATA L’IPOTESI AMADEUS, BRAVO ''ARTIGIANO" DI UNA TV INDUSTRIALE... 

DAGOREPORT – L’INSOFFERENZA DI AMADEUS VERSO LA RAI È ESPLOSA DURANTE IL FESTIVAL DI SANREMO 2024, QUANDO IL DG RAI GIAMPAOLO ROSSI, SU PRESSIONE DEI MELONI DI PALAZZO CHIGI, PROIBI' AI RAPPRESENTANTI DELLA PROTESTA ANTI-GOVERNATIVA DEI TRATTORI DI SALIRE SUL PALCO DELL'ARISTON - IL CONDUTTORE AVEVA GIÀ LE PALLE PIENE DI PRESSIONI POLITICHE E RACCOMANDAZIONI PRIVATE (IL PRANZO CON PINO INSEGNO, LE OSPITATE DI HOARA BORSELLI E POVIA SONO SOLO LA PUNTA DELLA CAPPELLA) E SI È LANCIATO SUI DOLLARONI DI DISCOVERY – L’OSPITATA “SEGRETA” DI BENIGNI-MATTARELLA A SANREMO 2023, CONSIDERATA DAI FRATELLINI D’ITALIA UN "COMIZIO" CONTRO IL PREMIERATO DELLA DUCETTA, FU L'INIZIO DELLA ROTTURA AMADEUS-PRESTA…