MATTARELLA ATTENDE GLI EFFETTI DEL SUO ULTIMATUM A M5s E PD MA NON SI FIDA: "CI STANNO PROVANDO MA LA SITUAZIONE RESTA INCERTA", OSSERVANO DAL QUIRINALE – LE MOSSE A ZIG ZAG DI DI MAIO CHE CONTINUA A FLIRTARE CON LA LEGA, LA RABBIA SUL WEB DEI MILITANTI M5s DELUSI E LE DICHIARAZIONI DI DI BATTISTA NON RASSICURANO IL CAPO DELLO STATO CHE PREPARA IL PIANO B: GOVERNO DI GARANZIA ELETTORALE PER IL VOTO IN AUTUNNO...

Condividi questo articolo

SERGIO MATTARELLA COME IL VIANDANTE SUL MARE DI NEBBIA DI CASPAR DAVID FRIEDRICH - BY LUGHINO/SPINOZA SERGIO MATTARELLA COME IL VIANDANTE SUL MARE DI NEBBIA DI CASPAR DAVID FRIEDRICH - BY LUGHINO/SPINOZA

Massimiliano Scafi per il Giornale

Inadeguati, incapaci. Dilettanti allo sbaraglio. La faccia perplessa e anche un po' schifata di Sergio Mattarella, l'altra sera in diretta tv, non aveva bisogno di un esperto di fisiognomica per essere interpretata.

 

 

Pd, Cinque stelle, Lega, tutti o quasi insufficienti, inconcludenti e inconsapevoli della gravità del momento. Però siccome è questo che passa il convento, il capo dello Stato ora deve sperare che il suo ultimatum abbia effetto e che i partiti tornino sul Colle con qualcosa di più di generiche intenzioni. C'è tempo fino a mercoledì sera. I primi segnali sembrerebbero buoni, dem e grillini si sono visti, ma «la situazione è incerta» e il presidente non si fida. Del resto, come potrebbe?

FOTOMONTAGGIO – LUIGI DI MAIO NICOLA ZINGARETTI FOTOMONTAGGIO – LUIGI DI MAIO NICOLA ZINGARETTI

 

A Montecitorio il barometro della crisi è tornato a segnare bel tempo. Per i plenipotenziari Pd Andrea Marcucci e Graziano Delrio «la riunione si è svolta in un clima positivo» e «non ci sono ostacoli insormontabili». Secondo il folto gruppo di negoziatori pentastellati, Patuanelli, D'Uva, Silvestri e Perilli, «l'aria è costruttiva». Di più: «Noi non abbiamo altri tavoli di trattativa aperti», giurano i grillini. Sarà vero?

 

luigi di maio nicola zingaretti luigi di maio nicola zingaretti

Tanto entusiasmo non è però condiviso dal Quirinale. Certo, le notizie sono discrete, l'impegno sembra esserci, la volontà di stringere un patto pure.«Ci stanno provando», osservano dal Palazzo dei Papi. Ma, ci si chiede, siamo sicuri che i 5s abbiano chiuso il doppio forno? Luigi Di Maio ha flirtato fino all'ultimo con Matteo Salvini e ancora adesso i contatti amorosi proseguono sotto traccia.

sergio mattarella consultazioni 2 sergio mattarella consultazioni 2

 

Il Carroccio le prova tutte per ricucire. Giancarlo Giorgetti, ad esempio, mette in luce come gran parte dei dieci punti illustrati da Di Maio siano parte integrante del contratto di governo con noi. E Gian Marco Centinaio è sicuro che alla fine Carroccio e Cinque stelle faranno pace e torneranno insieme.

 

Ora, l'inaffidabilità dei grillini è nota e conclamata. E nelle ultime ore le mosse a zig zag del capo politico del movimento non rassicurano il capo dello Stato. Ma oltre a Di Maio, sotto i riflettori del Colle sono finite pure le dichiarazioni incendiare di Alessandro Di Battista, l'editoriale di Travaglio che paragona il Pd alla Libia e il bombardamento sul web dei militanti delusi dall'ennesima giravolta. Riusciranno - è la domanda - i vertici a tenere il timone sulla trattativa?

VIGNETTA BENNY - DI MAIO E ZINGARETTI VIGNETTA BENNY - DI MAIO E ZINGARETTI

 

Non che, agli occhi di Mattarella, al Nazareno siano messi tanto meglio. L'immagine che esce fuori, al di là di un'unità di facciata, è quella di un partito lacerato, indeciso, forse incapace di reggere una svolta importante come un'intesa programmatica di governo con i nemici giurati degli ultimi sette-otto anni. Senza dimenticare il fattore Renzi: l'ex premier lavora per raggiungere un accordo duraturo o per spaccare tutto al momento opportuno?

 

giovanni grasso ugo zampetti sergio mattarella 1 giovanni grasso ugo zampetti sergio mattarella 1

Tutto ciò alimenta i «dubbi» e le preoccupazioni del presidente. Mattarella, dopo la strigliata generale dell'altra sera, aspetta che il patto maturi nel weekend, intanto domenica metterà altra distanza fisica dalla crisi, partecipando all'anniversario dell'eccidio di Fivizzano con il presidente tedesco Franz-Walter Steinmeier. Lunedì verrà diramato il calendario ufficiale della consultazioni e già lì si capirà come stanno andando le cose. I partiti verranno ricevuti martedì e mercoledì, dai più piccoli ai più grossi: se il presidente programmerà colloqui lunghi, significa che il negoziato fa progressi. Se invece saranno incontri da un quarto d'ora o poco più, vuol dire che il tentativo è fallito e si passa al piano B, un governo di garanzia elettorale per votare in autunno.

Salvini Mattarella Zampetti Salvini Mattarella Zampetti sergio mattarella consultazioni 3 sergio mattarella consultazioni 3 giovanni grasso ugo zampetti sergio mattarella giovanni grasso ugo zampetti sergio mattarella zingaretti di maio zingaretti di maio

 

 

Condividi questo articolo

politica