È L’AMERICA MA SEMBRA L’ITALIA: I GIUDICI FANNO POLITICA! – LA CORTE SUPREMA USA HA DECISO DI DICHIARARE GUERRA A BIDEN: DOPO LA SENTENZA SULL’ABORTO, HA DECISO DI LIMITARE I POTERI DELL’AGENZIA DEL CLIMA, LEGANDO FORTEMENTE LE MANI A “SLEEPY JOE”, CHE PROPRIO DEL PIANO GREEN AVEVA FATTO UNA DELLE SUE BANDIERE – GRANDI POLEMICHE, IN PIENO STILE DEM: LE DECISIONI E LE SENTENZE SI RISPETTANO SOLO QUANDO COLPISCONO GLI AVVERSARI…

-

Condividi questo articolo


Paolo Mastrolilli per “la Repubblica”

joe biden ketanji jackson brown joe biden ketanji jackson brown

 

La Corte Suprema irrompe nella missione di Biden alla Nato, con una sentenza che gli toglie il potere di affrontare l'emergenza clima secondo i suoi piani.

 

E come era già accaduto con l'aborto, evidenzia sulla scena internazionale la spaccatura politica degli Usa, che li indebolisce anche nella sfida con le autocrazie.

 

inquinamento usa inquinamento usa

Lo dimostra la conferenza stampa della delegazione bipartisan di sei senatori americani, che ha seguito il presidente al vertice di Madrid. Compattezza assoluta sull'Ucraina; sulla necessità di impedire al «brutale dittatore Putin di vincere e prendere di mira Polonia, paesi baltici, Romania»;

 

sulle nuove forniture militari da 800 milioni di dollari, incluse armi offensive; e pazienza per il prezzo della benzina e l'inflazione alle stelle, perché «se Putin vincesse il costo economico sarebbe assai più grande». La senatrice Ernst si spinge a rassicurare l'Italia sul gas: «Americani ed europei possono realizzare un programma energetico che ci consenta di fare a meno della Russia».

 

corte suprema usa corte suprema usa

Tutto bene, dunque. Fino a quando si passa alla politica interna, come le sentenze della Corte Suprema sull'aborto, o quella di ieri per limitare il potere del governo sulle emissioni. Allora l'America si spacca, ricordando il problema delle democrazie su cui punta Putin per vincere la sfida delle autocrazie, allo scopo di abbattere l'ordine mondiale basato sulle regole e costruirne uno multipolare in cui i bulli come lui prevalgono sui deboli. Perché i dittatori fanno come vogliono, almeno fino a quando la gente non si ribella, mentre i leader democratici devono guadagnarsi consenso e voti, a scadenze regolari e ricorrenti. Come le elezioni midterm di novembre, dove il presidente sembra destinato a perdere la maggioranza al Congresso.

tweet contro la decisione della corte suprema sull epa tweet contro la decisione della corte suprema sull epa

 

Prendiamo la sentenza di ieri, con cui la Corte Suprema ha legato le mani a Biden sul clima. Obama aveva usato l'Environmental Protection Agency , in sostanza il ministero dell'Ambiente Usa, per ridurre le emissioni di gas nel settore elettrico del 32%, passando dalle centrali a carbone alle rinnovabili.

 

Lo aveva fatto in base alla legge Clean Air Act . La West Virginia, grande produttrice di carbone, ha fatto causa e il massimo tribunale le ha dato ragione, stabilendo che il governo non può usare agenzie come l'EPA per prendere simili provvedimenti, senza mandato del Congresso.

 

joe biden conferenza stampa vertice nato madrid 2 joe biden conferenza stampa vertice nato madrid 2

È un colpo letale alla strategia di Biden contro il riscaldamento globale, ma ancora più preoccupante è il segnale sulla filosofia della Corte, decisa a far arretrare ovunque i poteri del governo federale, secondo la dottrina conservatrice che predilige i singoli 50 stati.

Sempre aperta poi è la questione aborto, dopo l'annullamento della sentenza Roe vs. Wade che ne aveva fatto un diritto costituzionale.

 

Biden ieri ha detto che «bisogna eliminare il filibustering , affinché il Congresso possa approvare una legge». Significa sospendere la regola procedurale in base a cui per certi provvedimenti servono 60 voti favorevoli al Senato, per garantire sostegno bipartisan.

 

Ma i democratici hanno una maggioranza di un solo voto, cioè parità di 50 seggi a 50, che può essere superata solo con l'intervento in aula della vice presidente Harris. Così una legge sull'aborto non passerà mai, e perciò Biden vuole togliere il filibustering , a cui però sono favorevoli i due senatore democratici Manchin e Sinema.

 

ketanji jackson brown giura da giudice della corte suprema ketanji jackson brown giura da giudice della corte suprema

Una piccola consolazione è venuta dalla sentenza con cui la Corte ha concesso al presidente di annullare un provvedimento di Trump, che costringeva gli immigrati richiedenti asilo di aspettare in Messico la decisione sul loro destino. Il punto è che la Corte Suprema ha una super maggioranza conservatrice di 6 voti a 3 che non rispecchia la realtà dell'America, perché i repubblicani l'hanno ottenuta imbrogliando, e la usa per perseguire una sua agenda reazionaria. Così perde legittimità, contribuisce a spaccare il paese e lo indebolisce anche sulla scena internazionale, compresa la lotta contro le autocrazie.

JOE BIDEN JOE BIDEN tweet contro la decisione della corte suprema sull epa tweet contro la decisione della corte suprema sull epa

 

Condividi questo articolo

politica

“CALENDA MI SEMBRA UN BIPOLARE CON DISTURBO DI PERSONALITÀ. È ‘BULLO DA SOLO’” - DAGO FA LA MESSA IN PIEGA AI POLITICI: “LETTA HA TANTI DIFETTI: NON HA CAPITO CHE BISOGNA PARLARE PER SLOGAN - RENZI HA IL CARATTERE DI UN PROVINCIALE FRUSTRATO, CHE VORREBBE FARSI ACCETTARE, NON CI RIESCE E FA LO SPACCONE - CONTE? NON SI È RESO CONTO CHE GRILLO GLI STA RESETTANDO IL M5S E ASPETTA CHE PASSI IL SUO CADAVERE - SALVINI E BERLUSCONI? NESSUNO DETESTA GIORGIA MELONI COME LORO. QUESTI NON HANNO CAPITO CHE L’ITALIA È UN PAESE A SOVRANITÀ LIMITATA. TUTTO SI DECIDE A BRUXELLES O A WASHINGTON. SE LAGARDE SMETTE DI COMPRARE BOT ITALIANI, FINIAMO CON IL SEDERE PER TERRA - LE ELEZIONI ITALIANE SARANNO OSSERVATE DALL’INTELLIGENCE DI TUTTO IL MONDO"

AGENTI DELL'FBI HANNO FATTO VISITA NELLA RESIDENZA DI TRUMP IN FLORIDA GIA’ LO SCORSO APRILE. SECONDO LA “CNN” IN QUELL'OCCASIONE INCONTRARONO DUE AVVOCATI DEL TYCOON –L’ARCINEMICA NANCY PELOSI GONGOLA VELENOSA: “NESSUNO È AL DI SOPRA DELLA LEGGE, NEANCHE UN EX PRESIDENTE” – IL FIGLIO ERIC: “SONO STATO IO AD AVVERTIRE MIO PADRE SUL RAID. ERANO UNA TRENTINA, FORSE DI PIÙ. NON VOGLIONO CHE MIO PADRE VINCA ANCORA NEL 2024” – A QUESTO PUNTO THE DONALD RISCHIA DI NON POTERSI RICANDIDARE PERCHE’…

DI BATTISTA SCOPRE LE CARTE: “NON MI CANDIDO PERCHÉ TANTI NON MI VOGLIONO, DA GRILLO A FICO - CONTE E' STATO IL PIU' CORRETTO E ONESTO CON ME - POLITICAMENTE OGGI NON MI FIDO DI BEPPE GRILLO CHE FA DA PADRE PADRONE E IO SOTTO DI LUI NON CI STO - MI HANNO IMPEDITO DI FARE IL CAPO POLITICO DEL M5S EVITANDO DI VOTARE, QUANDO NON HANNO NEPPURE VOLUTO PUBBLICARE I VOTI DEGLI STATI GENERALI PERCHÉ IO AVEVO PRESO IL TRIPLO DEI VOTI DI DI MAIO - C'E' CHI SI INFILA IN SEDE PD PER ELEMOSINARE UN SEGGIO, NON SONO COME LORO - CREERÒ UN’ASSOCIAZIONE PER FARE POLITICA DA FUORI…” - IL VIDEO SFOGO DI DI BATTISTA

E’ STATA LA MANO DI GRILLO - LEGGENDO L’INTERVISTA DI CASALINO AL “CORRIERE” SI IMMAGINA CHE LA SUA MANCATA CANDIDATURA SIA FRUTTO DI UN GESTO DI RESPONSABILITÀ: “HO CAPITO CHE LA MIA PRESENZA IN LISTA AVREBBE SCATENATO POLEMICHE E L'ULTIMA COSA CHE VOGLIO È ARRECARE UN DANNO AL MOVIMENTO O A CONTE” - IN REALTÀ LO STOP A CASALINO, CHE DA ANNI SOGNA DI POGGIARE LE SUE NATICHE SULLO SCRANNO DI SENATORE, È ARRIVATO DA BEPPE GRILLO, CHE SI E’ VENDICATO CON CONTE PER IL TRATTAMENTO RISERVATO ALLA SUA COCCA VIRGINIA RAGGI - IL VIDEO CON IL "CHE GUEVARA DI ROMA NORD" SPIEGA LA MANCATA CANDIDATURA