L’EREDITÀ DI GIORGIO NAPOLITANO: LA NIPOTE SOFIA MAY – LA RAGAZZA, 26 ANNI, CHE HA RICORDATO IL NONNO DURANTE IL FUNERALE ALLA CAMERA (MOLTO APPREZZATA DAGLI INTERNAUTI E NON SOLO PER LE SUE PAROLE) RACCONTA QUALCHE ANEDDOTO DI FAMIGLIA: "A PRANZO CON LA REGINA ELISABETTA IL PRINCIPE FILIPPO MI CHIESE CHE COSA VOLEVO STUDIARE. IO RISPOSI: FORSE POLITICA E LUI MI DISSE: RIPENSACI!” – "CON IL NONNO A NATALE SI GIOCAVA A BOCCE E A SCOPA” – “UNA VOLTA CI REGALÒ…”

-

Condividi questo articolo


 

Estratto dell’articolo di Gianna Fregonara per il “Corriere della Sera”

 

sofia may napolitano 1 sofia may napolitano 1

C’è una frase che Sofia May Napolitano, 26 anni, tiene nel suo telefonino: «Me la disse il nonno nel 2018. Una sera prima di andare a dormire gli avevo chiesto chi fossero le persone che ammirava di più. Mi rispose: mio padre Giovanni, Giorgio Amendola e l’archeologo Ranuccio Bianchi Bandinelli. […]

 

Con il suo discorso alla Camera durante il rito laico in memoria di Giorgio Napolitano, suo nonno, ha fatto commuovere tutti: «Sono appunti che avevo preso da qualche tempo. Il testo l’ho provato e riprovato davanti a mamma e papà». Ed è andata bene: «Ma al microfono, vicino a me, c’era anche mio fratello nel caso...». 

sofia may napolitano con la regina elisabetta sofia may napolitano con la regina elisabetta

 

Simone, 24 anni, è qui anche oggi sul divano di quello che l’ex presidente della Repubblica usava come studio in casa mentre Sofia racconta un nonno «inedito» per i più, affettuoso e partecipe della vita dei suoi nipoti anche nei periodi in cui sono stati lontani […]

 

Lei ha raccontato dei suoi consigli sui cartoni animati.

«Un episodio. Stavamo guardando i Power Rangers e si vedeva male ma Simone non voleva cambiare canale. Telefonò il nonno, e cambiammo canale».

sofia may napolitano con il nonno giorgio sofia may napolitano con il nonno giorgio

 

Vi ha dato consigli per gli studi, parlavate di politica?

«Ne parlavamo ma non c’erano condizionamenti. Anche quando ci mandava articoli o libri che pensava ci potessero interessare, non era pressante. Per esempio, sapeva che facevo la tesi sull’impatto del linguaggio politico in tema di immigrazione — era il periodo del governo Conte con Salvini — e mi mandava articoli di attualità. Era attento a cosa gli dicevo, mi ascoltava, alla fine gliel’ho dedicata».

sofia may napolitano sofia may napolitano

 

La politica piace anche a lei se ha scelto Scienze politiche.

«Non ero sicura di cosa volevo fare, così, forse anche perché la politica era stata così importante nella nostra famiglia scelsi Scienze politiche. Poi mi sono specializzata in diritto: in Inghilterra — ho studiato a Bath — questo è possibile, non come in Italia».

 

E il nonno che cosa le ha detto di questa scelta?

«Dal 2010 ci eravamo trasferiti a Ginevra perché la mamma ha avuto un incarico alle Nazioni Unite. I nonni sono venuti alla cerimonia del mio diploma, tornavano dalla Germania dove il nonno aveva ritirato il premio Kissinger e mi ha regalato una copia del suo libro “L’Ordine Mondiale”. Ma quando ha saputo che andavo da sola a Bath si è preoccupato».

 

sofia napolitano sofia napolitano

Forse temeva che si sentisse sola.

«Sì, mi telefonava e mi diceva di essere allegra, di andare a teatro. Era il suo modo di dirmi di divertirmi, ma una diciottenne del ventunesimo secolo magari a teatro non ci va (sorriso)... Una volta tenne un discorso all’Italian Society dell’Università, si fermò a parlare con gli studenti, era curioso dei giovani. Quando era al Quirinale ricevette la mia classe: alcune insegnanti sono venute alla camera ardente».

 

Lei ha raccontato di quando insieme incontraste la Regina Elisabetta.

«Era il 2014, andammo a pranzo, non più di dodici, quindici persone al tavolo. Eravamo seduti vicini: io, lui e la Regina. Il principe Filippo mi chiese che cosa volevo studiare. Io risposi: forse politica e lui mi disse: ripensaci! Un’altra volta mi portò in Cina con lui, nel 2010. Avevo tredici anni, la prima volta in Asia».

sofia napolitano ai funerali del nonno giorgio 3 sofia napolitano ai funerali del nonno giorgio 3

 

Che regali faceva «nonno Giorgio»?

«[…] Ci regalò il primo telefonino, l’Iphone 3, ma eravamo più grandi. Facevamo dei collegamenti Skype, trovava il modo di chiamare qualcuno di noi ogni sera».

 

Cosa facevate a Natale?

sofia napolitano ai funerali del nonno giorgio 2 sofia napolitano ai funerali del nonno giorgio 2 sofia napolitano ai funerali del nonno giorgio 4 sofia napolitano ai funerali del nonno giorgio 4

«[…] Si giocava a bocce, a scopa. Da piccoli a nascondino». […]

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ASPETTANDO IL VOTO, MACRON E SCHOLZ HANNO TROVATO UN ACCORDO DI MASSIMA: SILURATA URSULA ED ESCLUSA OGNI ALLEANZA CON LA MELONI, I DUE LASCERANNO AL PPE, GRUPPO DI MAGGIORANZA, L’ONERE DI TROVARE UN NOME ALTERNATIVO A VON DER LAYEN PER LA COMMISSIONE (NO A WEBER, UN PO' TROPPO DI DESTRA, IN POLE IL BAVARESE SÖDER) – I SOCIALISTI PUNTANO ALLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO EUROPEO, DOVE SANCHEZ FA PRESSIONE SU SCHOLZ PER IL PORTOGHESE COSTA. MA SE LA SCELTA RICADESSE SUI LIBERALI, MACRON PROPORREBBE MARIO DRAGHI - MORALE DELLA FAVA: ALLA FACCIA DEL CAMALEONTISMO, LA DUCETTA IN EUROPA SARA' IRRILEVANTE...

DAGOREPORT – GIORGETTI È DISPERATO: NON SA DOVE TROVARE I SOLDI PER LA PROSSIMA FINANZIARIA (SI PRESENTA A OTTOBRE MA ANDAVA CUCINATA IERI), MENTRE I PARTITI DELLA MAGGIORANZA, IN PIENA SBORNIA DA EUROPEE, SPARANO PROMESSE IRREALIZZABILI. MA DOPO IL 9 GIUGNO SI CHIUDERA' IL CORDONE DELLA BORSA: E SARANNO BOTTI TRA GIORGETTI E IL PERICOLANTE SALVINI (LEGA VICINA ALL'IMPLOSIONE) – "MELONI, DETTA GIORGIA" SI ILLUDE DI POTER RIDISCUTERE L'INSOSTENIBILE PATTO DI STABILITÀ, BARATTANDOLO ALLA RATIFICA DEL MES - MA A BRUXELLES LA REGINA DI COATTONIA SARA' IRRILEVANTE (I VOTI DI ECR NON SERVIRANNO PER LA COMMISSIONE UE) E GLI EURO-POTERI PREPARANO GIA' UNA BELLA PROCEDURA D'INFRAZIONE PER L'ITALIA – LA PREOCCUPAZIONE DELL'UE PER LA DEBOLEZZA STRUTTURALE DELL’ECONOMIA ITALIANA: NEMMENO I MOLTI MILIARDI DEL PNRR STANNO FACENDO VOLARE IL PIL...

DAGOREPORT – FINORA, LO SCANDALO CHE HA TRAVOLTO GENOVA HA UN SOLO VINCITORE: E' GIGI APONTE  - AZZOPPATO IL SUO TIGNOSO COMPETITOR, ALDO SPINELLI, SISTEMATI AI DOMICILIARI I COMPAGNI DI YACHT E DI FICHES, TOTI E SIGNORINI, L'ARMATORE PARTENOPEO E PARTE-SVIZZERO NON SOLO NON È INDAGATO, MA NON È STATO NEMMENO ASCOLTATO DALLA PROCURA DI GENOVA COME PERSONA INFORMATA SUI FATTI. NIENTE. ALLA FINE IL PATRON DI MSC POTRÀ REGNARE INCONTRASTATO SUL PORTO DELLA CITTÀ LIGURE CHE, GRAZIE AL MAXI-PROGETTO DELLA DIGA FORANEA E AI SOLDI DEL PNRR, DIVENTERÀ IL PRINCIPALE HUB DEL MEDITERRANEO - SPINELLI PAGA LA SUA HYBRIS: COME SI FA A METTERE I BASTONI TRA LE ELICHE AL COLOSSO MSC SFIDANDO LA PRIMA LEGGE DEL POTERE: ''ARTICOLO QUINTO, CHI HA I SOLDI HA VINTO''? - IL PROFONDO LEGAME DI APONTE CON ISRAELE E I SUOI APPARATI, A PARTIRE DAL MOSSAD: IL SUOCERO, IL BANCHIERE EBREO PINHAS DIAMANT, È UNO DEI FONDATORI DELLO STATO EBRAICO, E I CARGO MSC VENGONO CONSIDERATI ''NAVI ISRAELIANE''. INFATTI GLI HOUTHI LE ATTACCANO...