L’“AVVOCATO DEI POVERI” ATTACCA MELONI PER METTERE ALL’ANGOLO IL PD – CON I DEM ALLO SBANDO E NEL LIMBO PRE-CONGRESSUALE, CONTE OCCUPA LE PRATERIE LASCIATE LIBERA A SINISTRA. LA BATTAGLIA IN DIFESA DEL REDDITO DI CITTADINANZA METTE IN EVIDENZA L’INCAPACITÀ DEL PD DI OCCUPARSI DI CHI È SENZA LAVORO E DEI PRECARI – BONACCINI SE N’È ACCORTO E INVITA A SEGUIRE PEPPINIELLO APPULO NELLE PIAZZE…

-

Condividi questo articolo


Massimo Franco per il “Corriere della Sera”

 

giuseppe conte foto di bacco (4) giuseppe conte foto di bacco (4)

La campagna di Giuseppe Conte come «avvocato dei poveri» è cominciata in Campania, roccaforte del reddito di cittadinanza e serbatoio elettorale del M5S. Con toni durissimi contro l’esecutivo di Giorgia Meloni, accusato di «fomentare la violenza» perché, sostiene, «mira a lasciare sul lastrico persone in povertà assoluta». È una linea estremista, che cerca di scaricare sul governo di destra il malessere sociale e una crisi economica in arrivo. Promette di inasprirsi e di coprire ogni protesta. Ma punta soprattutto a mettere nell’angolo il Pd.

 

Il problema non è solo la legge di bilancio. Si delinea «una battaglia politica permanente» per dare voce ai «disperati» e impedire che arrivino a «gesti violenti». La bandiera che Conte sventola è «il furore ideologico» che il governo Meloni mostrerebbe contro il«suo» reddito di cittadinanza. Se questa è la linea, bisogna aspettarsi «piazze» agitate anche se il leader del M5S dice di volerle calmare; e una sfida non tanto contro Palazzo Chigi, ma a sinistra.

 

giuseppe Conte a Scampia giuseppe Conte a Scampia

Il modo in cui il Pd sta reagendo alla sconfitta del 25 settembre è quello di una forza priva di bussola e di strategia, e nel limbo in attesa del congresso. E in questo vuoto fa breccia un M5S che, pur rifiutando l’etichetta di sinistra, radicalizza ogni conflitto sociale; difende i lavoratori precari; promette di essere portavoce di tutti coloro che temono di perdere l’aiuto dello Stato. Quasi si sostituisce al sindacato. D’altronde, in campagna elettorale uno degli aggettivi più usati da Conte è stato «gratuito».

 

giuseppe Conte a Scampia giuseppe Conte a Scampia

Per quanto spregiudicata, è una linea che ha fermato il crollo grillino. E, oltre a erodere consensi al Pd in ogni sondaggio, ne mette in evidenza la subalternità. E non solo di quello di adesso ma anche di quello che si candida a iniziare una nuova stagione. Quando il presidente della regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, candidato alla segreteria, loda Conte per il suo «viaggio» nel sud, il messaggio è chiaro. «Conte va a trovare le persone che hanno perso il reddito? Anche il Pd», sostiene in tv, «dovrebbe essere un po’ di più in mezzo alle persone».

 

GIUSEPPE CONTE ENRICO LETTA MEME GIUSEPPE CONTE ENRICO LETTA MEME

A sentire Bonaccini, «il Pd dovrà essere una forza non più populista, ma un po’ più popolare». Difficile capire che cosa intenda esattamente, se non che nutre una punta di invidia per i grillini. È un riconoscimento che sorvola sul «no» dei Cinque Stelle agli aiuti militari all’Ucraina, appena approvato dal Parlamento dopo l’ennesima spaccatura delle opposizioni: un voto isolato che tuttavia incrocia le pulsioni anti Usa e «pacifiste» di settori della sinistra ma anche della Lega e di FI. Prepara ulteriori fratture in Parlamento tra opposizioni e nello stesso Pd. E sembra preludere a una «deriva francese» da sinistra minoritaria, sempre più difficile da arginare.

giuseppe conte foto di bacco (2) giuseppe conte foto di bacco (2) CHIARA APPENDINO GIUSEPPE CONTE CHIARA APPENDINO GIUSEPPE CONTE

 

MANIFESTI DI CONTE E LETTA SUGLI AUTOBUS MANIFESTI DI CONTE E LETTA SUGLI AUTOBUS giuseppe conte enrico letta 1 giuseppe conte enrico letta 1 giuseppe conte enrico letta 2 giuseppe conte enrico letta 2

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - COME MAI I QUOTIDIANI DEGLI ANGELUCCI (“LIBERO” A FIRMA SECHI, “IL GIORNALE” CON MINZOLINI) HANNO SPARATO A PALLE INCATENATE CONTRO LA MELONA, DOPO LA SCONFITTA IN SARDEGNA, BEN EVIDENZIANDO I SUOI ERRORI E LA SUA ARROGANZA? - MAGARI L'ANGELUCCI FAMILY E’ SCONTENTA PER LE PROMESSE NON MANTENUTE DALLA DUCETTA? - O FORSE LE RASSICURAZIONI RICEVUTE, DOPO LA PRESA DEL SECONDO QUOTIDIANO A MILANO, SI SONO RIVELATE ARIA FRITTA? - LA CAUTELA DI SALLUSTI CHE, PER NON IRRITARE LA DUCETTA, HA LASCIATO SCRIVERE L'EDITORIALE A MINZOLINI…

DAGOREPORT - SUSSURRI MILANESI DI TERZO POLO TV: LA7 DI CAIRO, TV8 DI SKY E NOVE DEL GRUPPO WARNER BROS-DISCOVERY STANNO RAGIONANDO SULL’OPPORTUNITÀ DI CREARE UN “CARTELLO” PER ARRIVARE A PALINSESTI “RAGIONATI”, EVITANDO DI FARSI CONCORRENZA NELLE RISPETTIVE SERATE “FORTI” - FABIO FAZIO “PESCE PILOTA” PER PORTARE A NOVE ALTRI TELE-DIVI RAI (L’ARRIVO DEL DESTRISSIMO GIAMPAOLO ROSSI COME AD A VIALE MAZZINI DARÀ L’AVVIO ALLA DIASPORA DEI RANUCCI E COMPAGNI...)

DAGOREPORT! - LA SCONFITTA IN SARDEGNA AVVIA LA RESA DEI CONTI MELONI-SALVINI - DUCETTA-VENDETTA: VUOLE DISARCIONARE IL “CAPITONE” DALLA GUIDA DELLA LEGA, PER AVERE UN CARROCCIO MODERATO A TRAZIONE NORDISTA CON LA “SUPERVISIONE” DI ZAIA, FEDRIGA E GIORGETTI -  MA PER “CONQUISTARE” IL DOGE, TOCCA RISOLVERE LA GRANA DEL TERZO MANDATO: CON UNA LEGGE DI RIORDINO DEGLI ENTI LOCALI: LE REGIONI DECIDERANNO SUL NUMERO DEI MANDATI - LA ''CONCESSIONE'' CHE SI MATERIALIZZERÀ PER ZAIA SOLTANTO DOPO LA DETRONIZZAZIONE DI SALVINI DALLA GUIDA DELLA LEGA. DELLA SERIE: FRIGGERE IL “CAPITONE”, VEDERE CAMMELLO - LA CONTROMOSSA DI SALVINI: CHIEDERE AL CONSIGLIO FEDERALE DELLA LEGA UN MANDATO PER CHIARIRE LO STATO DI SALUTE DELL'ALLENZA PER POI TOGLIERE L'APPOGGIO  AL GOVERNO - QUANDO LA MELONA SI AUTO-DEFINISCE “NANA” VUOLE FAR SAPERE A SALVINI CHE CONOSCE LO SFOTTÒ CHE LUI USA PER SBERTUCCIARLA (“NANA BIONDA”) – ABRUZZO, EFFETTO TODDE: CALA IL VANTAGGIO DEL MELONIANO MARSILIO SUL CANDIDATO DEL CAMPOLARGO, D'AMICO...

DAGOREPORT - LA FESTA APPENA COMINCIATA È GIÀ FINITA? NO: MA LA SARDEGNA SARÀ L’INIZIO DELLA FINE SE LA DUCETTA NON SI FICCA NELLA TESTOLINA CHE LA POLITICA NON È “QUI COMANDO IO!” - GRAZIE A SU POPULU SARDU, IL CENTROSINISTRA UNITO HA PIÙ NUMERI DEL CENTRODESTRA A PEZZI - FINO A IERI, ALLE AVVISAGLIE DI SALVINI DI TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO, LA MELONA GHIGNAVA MINACCIANDO DI RIPORTARE LA “NAZIONE” AL VOTO. E CON LA VITTORIA DI TRUZZU, AVREBBE CAPITALIZZATO LA SUA PREMIERSHIP DA EROE DEI DUE MONDI - CON LA DISFATTA SARDA E SALVINI AL MURO, DOVE VA “IO SO’ GIORGIA E VOI NON SIETE UN CAZZO”? - SENZA IL TERZO MANDATO, ZAIA PRONTO A SCENDERE DAL CARROCCIO E ADERIRE ALLA LIGA VENETA, LA LEGA SI SPACCA. PER LA DUCETTA INIZIANO GIORNI MOLTO, MOLTO DIFFICILI…