L’OCCIDENTE E’ IN MINORANZA CONTRO PUTIN - NELLO SCONTRO A DISTANZA CON LA RUSSIA C’E’ UNA LUNGA SFILZA DI PAESI CHE NON SI E’ SCHIERATA: I "NON ALLINEATI" RAPPRESENTANO PIÙ DELLA METÀ DELLA POPOLAZIONE MONDIALE - NELLA BATTAGLIA PER L’INFLUENZA GLOBALE, DIVENTA CENTRALE IL VERTICE DEL G20 CHE SI TERRÀ A BALI, IN INDONESIA, A METÀ NOVEMBRE - PUTIN È STATO INVITATO DAL PAESE OSPITANTE CONTRO IL PARERE INIZIALE DEGLI STATI UNITI E DEGLI ALLEATI EUROPEI DELL'UCRAINA - POTREBBE ESSERE IL PRIMO CONFRONTO DIRETTO TRA IL PRESIDENTE RUSSO E GLI OCCIDENTALI, ALLA PRESENZA DI XI JINPING E DEI LEADER RIMASTI "NEUTRALI" O "NON ALLINEATI"

-

Condividi questo articolo


Articolo del “Le Monde” – dalla rassegna stampa estera di “Epr comunicazione

 

PUTIN - MODI - XI JINPING PUTIN - MODI - XI JINPING

La battaglia per l'influenza tra il presidente russo e i capi di Stato occidentali potrebbe cristallizzarsi al vertice del G20 di Bali, in Indonesia, a metà novembre, alla presenza di Xi Jinping e dei leader "neutrali" o "non allineati".

 

Mercoledì 27 luglio a Cotonou, in Benin, Emmanuel Macron ha accusato la Russia di essere "una delle ultime potenze imperiali coloniali" dopo aver lanciato una "guerra territoriale" in Ucraina. Per il capo di Stato, impegnato in un tour africano in contemporanea con il capo della diplomazia russa, Sergei Lavrov, "la Russia ha iniziato un nuovo tipo di guerra mondiale ibrida".

PUTIN BIDEN PUTIN BIDEN

 

"Ha deciso che l'informazione, l'energia e il cibo erano strumenti militari messi al servizio di una guerra imperialista continentale contro l'Ucraina", afferma, come per convincere il suo interlocutore del giorno, il presidente beninese Patrice Talon, presente al suo fianco, ma soprattutto i leader e i cittadini africani, a non cedere alle sirene russe.

 

Lontano dai combattimenti – leggiamo su Le Monde - l'appello del presidente francese dà un'idea della battaglia diplomatica che si sta giocando a margine della guerra in Ucraina, con i molti Paesi che si rifiutano di scegliere da che parte stare in un conflitto che considerano "regionale" ed "europeo".

JOE BIDEN NAZIONI UNITE 2 JOE BIDEN NAZIONI UNITE 2

 

La posta in gioco è alta sia per la Russia, che è ansiosa di dimostrare di non essere isolata nonostante le massicce sanzioni adottate dagli Stati Uniti e dall'Unione Europea, sia per l'Occidente, che teme che il divario tra "l'Occidente e il resto del mondo" si stia allargando. Dal 24 febbraio, infatti, Washington e le capitali europee sono consapevoli delle loro difficoltà a raccogliere consensi.

 

putin e i brics xi jinping dilma rousseff narendra modi jacob zuma putin e i brics xi jinping dilma rousseff narendra modi jacob zuma

A poco più di una settimana dall'inizio dell'invasione russa, mentre il Consiglio di Sicurezza è paralizzato, una prima votazione all'Assemblea Generale delle Nazioni Unite (UNGA) ha rivelato la portata del fenomeno in un mondo più che mai fratturato, dove l'influenza occidentale è in declino: il 2 marzo, solo quattro Stati (Corea del Nord, Siria, Eritrea e Bielorussia) hanno votato con la Russia contro il testo che chiedeva a quest'ultima di "cessare immediatamente l'uso della forza contro l'Ucraina". Tuttavia, trentacinque Paesi su 193 membri si sono astenuti, così come Cina, India, Pakistan, Iran e le ex repubbliche dell'Unione Sovietica.

 

diplomatici voltano le spalle a lavrov al consiglio per i diritti umani dell onu diplomatici voltano le spalle a lavrov al consiglio per i diritti umani dell onu

ALLARGAMENTO DEGLI ASTENSIONISTI

Diciassette Stati africani su 35 hanno fatto lo stesso, tra cui Sudafrica, Senegal, Angola, Algeria, Mali, mentre altri, come Camerun e Marocco, non hanno nemmeno partecipato al voto. Alcuni Stati hanno votato a favore della risoluzione ONU, ma nel corso del processo si sono espressi contro le sanzioni occidentali, con il rischio di ridurne l'impatto o addirittura di essere tentati di cortocircuitarle.

 

È il caso della Turchia, membro della NATO, l'Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico, e del Brasile. Poche settimane dopo, alla fine di aprile, il campo degli astensionisti si è ulteriormente allargato, quando la Russia è stata esclusa dal Consiglio dei diritti umani. Appena 93 Paesi hanno votato a favore del testo, 24 si sono opposti insieme a Mosca, tra cui la Cina, e 58 si sono astenuti.

diplomatici all onu con la bandiera ucraina diplomatici all onu con la bandiera ucraina

 

Per Jean-Marie Guéhenno, ex sottosegretario generale delle Nazioni Unite responsabile delle missioni di pace, questo "non allineamento" di una parte del mondo ha diverse cause, in una comunità internazionale ancora divisa dalle operazioni occidentali in Iraq nel 2003 e in Libia nel 2011.

 

"In primo luogo, la sensazione che ci sia una sorta di doppio standard nel rispetto della Carta delle Nazioni Unite tra l'Occidente e il resto del mondo. In secondo luogo, la preoccupazione di non schierarsi, mentre il conflitto è percepito come una guerra regionale europea; infine, i legami di lunga data instaurati dalla Russia con alcuni Paesi del Terzo Mondo", analizza questo diplomatico, oggi professore alla Columbia University. Una posizione che, secondo lui, non ha nulla di ideologico, a differenza del movimento dei non allineati ancorato alla Guerra Fredda.

 

xi jinping vladimir putin a samarcanda xi jinping vladimir putin a samarcanda

ARMI ENERGETICHE E ALIMENTARI

"La Russia non è la Serbia o la Cina. È l'undicesima economia mondiale, ma esporta gas, petrolio, armi, energia nucleare civile e grano", osserva Thomas Gomart, direttore dell'Istituto francese per le relazioni internazionali (IFRI). "Ha preso atto del fatto che è soggetto a sanzioni ed è in grado di adottare controsanzioni", ad esempio nel campo dell'energia e degli alimenti. "

 

Questa posizione della Russia ha creato una nuova geografia attorno a tre grandi gruppi di Paesi: una zona OCSE che la condanna e la sanziona; i Paesi dell'Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai, che non condannano né sanzionano, e gli altri, che sono piuttosto indifferenti al conflitto, tranne quando sono interessati da uno dei cinque pilastri delle esportazioni strategiche russe", afferma Gomart. La Russia sta cercando di trarre vantaggio da questa frammentazione, sia giocando sulle armi energetiche e alimentari, sia sostenendo, con la Cina, la creazione di un nuovo ordine internazionale.

erdogan con putin lukashenko e altri sinceri democratici al tavolo a samarcanda erdogan con putin lukashenko e altri sinceri democratici al tavolo a samarcanda

 

La questione è presa in seria considerazione dalle cancellerie occidentali, poiché i "non allineati" rappresentano più della metà della popolazione mondiale. "Dobbiamo intensificare il nostro lavoro diplomatico per riportare tutte le potenze neutrali verso di noi", afferma una persona vicina a Emmanuel Macron: "Si tratta di evitare una divisione del mondo" e "una sorta di isolamento degli europei accanto agli ucraini". Oltre all'Africa, gli sforzi si concentrano sui Paesi del Golfo, ma anche sull'Asia. "Se India e Cina cambiassero la loro diplomazia nei confronti della Russia, sarebbe molto complementare alle nostre sanzioni", ha suggerito l'Eliseo.

 

Nel frattempo, a metà settembre Vladimir Putin ha partecipato, insieme al presidente cinese Xi Jinping, a un vertice dell'Organizzazione per la cooperazione di Shanghai a Samarcanda, in Uzbekistan, alla presenza dei leader indiano, turco e iraniano. L'Assemblea Generale delle Nazioni Unite, che si riunisce lunedì 19 settembre a New York, conferma l'intensità di questa battaglia per l'influenza.

 

xi jinping vladimir putin a samarcanda 5 xi jinping vladimir putin a samarcanda 5

Così come il vertice del G20 che si terrà a Bali, in Indonesia, a metà novembre. Vladimir Putin è stato invitato dal Paese ospitante contro il parere iniziale degli Stati Uniti e degli alleati europei dell'Ucraina. Potrebbe essere il primo confronto diretto tra il presidente russo e le sue controparti occidentali, alla presenza del presidente cinese Xi Jinping e dei leader rimasti "neutrali" o "non allineati".

xi jinping vladimir putin a samarcanda 4 xi jinping vladimir putin a samarcanda 4

 

Condividi questo articolo

politica

VAI AVANTI TU CHE A ME VIENE DA RIDERE – MENTRE PER GLI ITALIANI È IN ARRIVO UNA MAXI-STANGATA SULLE BOLLETTE DA 2.942 EURO SU BASE ANNUA A FAMIGLIA, LA MELONI PREFERISCE MANDARE DRAGHI A TRATTARE A BRUXELLES SUL GAS - LA "DRAGHETTA" GIURERÀ DOPO IL CONSIGLIO EUROPEO DEL 20-21 OTTOBRE SULL'ENERGIA (L'ITALIA SARÀ RAPPRESENTATA DAL PREMIER USCENTE). AL COLLE NON DISPIACE QUESTA SOLUZIONE. MA PER LA MELONI IL PROBLEMA E’ L'ASSE GERMANIA-FRANCIA CHE TAGLIA FUORI L'ITALIA MALDESTRA

ECCO COSA C’E’ DIETRO IL NO DELLA MELONI A LICIA RONZULLI MINISTRO – CECCARELLI SCODELLA UN SAPIDO RITRATTONE DELL’INFERMIERA DEL BANANA CANDIDATA A GUIDARE IL MINISTERO DELLA SANITA’ (MA LEI SMENTISCE): DALLA FOTO IN CUI ALLATTAVA A STRASBURGO ALLA TESTIMONIANZA A PROPOSITO DI IDOLETTI DELLA FERTILITÀ ACCOLTI A GIROTAVOLA DURANTE LE CENE A VILLA SAN MARTINO - “NEI GIORNI CONCITATI DEL QUIRINALE TRA RONZULLI E MELONI QUALCOSA DI STORTO DEVE ESSERSI VERIFICATO. E UN NO PRIMA ANCORA DI COMINCIARE È GIÀ UN NO CHE VALE PER IL FUTURO”