L’OPPOSIZIONE PIÙ DURA ALLA MELONI LA FA BERLUSCONI – NON PASSA GIORNO SENZA UNA PRESA DI POSIZIONE DEL “BANANA” O DEI SUOI PARLAMENTARI CONTRO UN PROVVEDIMENTO DEL GOVERNO. "FORZA ITALIA" È SPACCATA TRA I RONZULLIANI, OSTILI A DONNA GIORGIA, E I TAJANEI, ULTRA-GOVERNISTI - MA DAVVERO CIÒ CHE RESTA DEL CAV DAREBBE UNA SPALLATA AL CENTRODESTRA? VISTI I DATI HORROR NEI SONDAGGI, LA LOGICA VORREBBE DI NO. MA È ANCHE VERO CHE QUESTO IL PRIMO GOVERNO DI CENTRODESTRA NON GUIDATO DA LUI È UN BOCCONE MOLTO DIFFICILE DA DIGERIRE PER SILVIONE

-

Condividi questo articolo


Tommaso Labate per il “Corriere della Sera”

 

SILVIO BERLUSCONI E GIORGIA MELONI NEL 2011 SILVIO BERLUSCONI E GIORGIA MELONI NEL 2011

Hanno cominciato da subito. E, finora, non hanno mai smesso. L'innalzamento del tetto al contante? «Non è una priorità». Il decreto anti-rave? «Va cambiato». Le modifiche al Superbonus per l'edilizia? «Presentiamo un emendamento». E persino sull'immigrazione, e cioè sullo spinoso dossier in cui le posizioni sembravano destinate a un allineamento quasi perfetto, è venuto fuori l'approccio morbido di Silvio Berlusconi, che in una cena privata - come ha rivelato Francesco Verderami sul Corriere - ha spiegato ai commensali che «quelle povere persone» imbarcate dalle navi delle Ong andavano «salvate tutte», con buona pace degli sbarchi selettivi decisi dal Viminale prima che esplodesse il caos diplomatico con la Francia.

 

VIGNETTA GIANNELLI - GIORGIA MELONI E SILVIO BERLUSCONI VIGNETTA GIANNELLI - GIORGIA MELONI E SILVIO BERLUSCONI

Il governo guidato da Giorgia Meloni non ha neanche compiuto un mese. Ma nelle tre settimane di presenza sulla scena, con un ritmo scandito dall'asse Fratelli d'Italia-Lega, non c'è stato praticamente giorno in cui Forza Italia si sia astenuta dal controcanto. A ogni mossa del tandem Meloni-Salvini, una contromossa di Berlusconi.

 

Sempre, sistematicamente, come una goccia cinese, su tutti i provvedimenti messi in campo; quelli approvati in Consiglio dei ministri, quelli allo studio, quelli visti, rivisti, soltanto annunciati o semplicemente ventilati. Una situazione che ha completamente ridisegnato gli equilibri «geopolitici» interni al centrodestra, arrivato al voto con un solito asse Berlusconi-Salvini in chiave anti-Meloni e uscito dalle urne con un assetto completamente stravolto: Fratelli d'Italia e Lega di qua, Forza Italia sempre e comunque dall'altra parte.

 

SILVIO BERLUSCONI GIORGIA MELONI - 2008 SILVIO BERLUSCONI GIORGIA MELONI - 2008

Che sia la coda velenosissima della tormentata composizione della squadra di governo oppure l'anticipo di una sorta di Vietnam parlamentare, questo lo si capirà presto. FI rimane un partito diviso al proprio interno, con il fronte «governista» che ha posizioni diverse rispetto a chi è rimasto a presidiare il Parlamento, certo. Ma, sfumature e voci di scissione a parte, al momento i numeri sono quelli che sono.

 

Tra i banchi di Palazzo Madama, le «Colonne d'Ercole» che storicamente separano la necessità di approvare la Finanziaria entro l'anno dall'incubo dell'esercizio provvisorio, la maggioranza assoluta è fissata a 204; e i senatori del gruppo azzurro, al momento 18, bastano e avanzano per far saltare il banco. E non è un caso, come nota un big azzurro con una perfidia nascosta dietro la garanzia dell'anonimato, che «alla buvette i senatori di Meloni e Salvini si trovano sempre a ridere e scherzare più con i colleghi di Azione-Italia viva che non con noi di FI».

 

SILVIO BERLUSCONI LICIA RONZULLI SILVIO BERLUSCONI LICIA RONZULLI

Agli atti, l'ultima dichiarazione di un forzista di primo piano e non ministro millimetricamente allineata con Giorgia Meloni è stata quella pronunciata da Berlusconi il giorno della fiducia in Senato. Prima e dopo, sempre e solo voci fuori dal coro. È stato così da subito, da quando l'eterogeneo pacchetto rave-contanti ha iniziato a riempire l'agenda di governo.

 

«Trovo offensivo che l'attenzione sia su questo, quando la priorità è mettere mille euro nelle tasche dei pensionati e aiutare famiglie e imprese», aveva aperto le danze il vicepresidente della Camera Giorgio Mulè. Sembrava una nota stonata, è diventato uno spartito quotidiano.

 

GIORGIA MELONI ANTONIO TAJANI GIORGIA MELONI ANTONIO TAJANI

Proseguito sul Superbonus e culminato, nelle ultime ore, con le sfumature sull'immigrazione. E quando non sono dichiarazioni in dissenso, dei berlusconiani diventa rumorosissimo il silenzio, come sulle modifiche al reddito di cittadinanza. Raccontano che negli ultimi giorni, confrontandosi in presenza della premier sui continui smarcamenti di FI, due esponenti del governo si siano divisi su quello che ha in mente Berlusconi.

 

piantedosi salvini meloni tajani piantedosi salvini meloni tajani

L'ottimista dei due ha fatto notare che «Silvio, che di pugnalate amiche ne ha subite, non darebbe mai una spallata a un governo di centrodestra». L'altro, il pessimista, s' è limitato a ricordare un dettaglio: «Vero. Ma da quando è in campo non c'è mai stato un governo di centrodestra non guidato da lui». Meloni avrebbe ascoltato senza proferire parola.

silvio berlusconi gianfranco fini giorgia meloni silvio berlusconi gianfranco fini giorgia meloni

meloni berlusconi salvini ronzulli meloni berlusconi salvini ronzulli ANTONIO TAJANI LICIA RONZULLI ALESSANDRO CATTANEO SILVIO BERLUSCONI AL QUIRINALE PER LE CONSULTAZIONI ANTONIO TAJANI LICIA RONZULLI ALESSANDRO CATTANEO SILVIO BERLUSCONI AL QUIRINALE PER LE CONSULTAZIONI berlusconi cattaneo ronzulli al quirinale berlusconi cattaneo ronzulli al quirinale licia ronzulli silvio berlusconi licia ronzulli silvio berlusconi

 

Condividi questo articolo

politica