C’E’ UNO SPETTRO CHE SI AGGIRA PER L’ITALIA IN VISTA DELLE ELEZIONI EUROPEE: TOTO’ CUFFARO! L’EX PRESIDENTE DELLA REGIONE SICILIANA (CONDANNATO PER MAFIA) SCONVOLGE LA LEGA, SPACCA FORZA ITALIA E, NON APPENA DICE “SONO VENUTO A ROMA PER INCONTRARE RENZI”, FA INCAZZARE MATTEONZO: “È UNA FAKE NEWS” - MA “TOTÒ VASA VASA” CONFERMA: “ABBIAMO FATTO UN BUON LAVORO. IO SPOSO IL PROGETTO DI RENZI” – MERLO: “CUFFARO VUOLE ESSERE MANGIATO SENZA PIÙ VERGOGNA NELLA FRIGGITORIA POLITICA, COME L’AMBIGUO CANNOLO CON CUI FESTEGGIAVA L’ECCESSO DEI CON-SENSI…”

-

Condividi questo articolo


Francesco Merlo per “la Repubblica” - Estratti

 

salvatore cuffaro salvatore cuffaro

Basta la parola, come il confetto di Carosello. Senza fare nulla, ma solo “annacandosi” tra Roma e Palermo Cuffaro, proprio perché è stato completamente riabilitato e potrebbe pure candidarsi, ha sconvolto la Lega, ha diviso Forza Italia e, non appena ha detto «sono venuto a Roma per incontrare Renzi», quello si è arrabbiato: «È una fake news».

 

Ma “Totò vasa vasa”, ha confermato l’incontro: «Abbiamo fatto un buon lavoro». E proprio perché ha espiato, in galera, la sua pena, si è compiaciuto d’essere lo spettro che si aggira per l’Italia: «Io sposo il progetto di Renzi» che, però, si è alleato con “Più Europa” di Emma Bonino, la quale non è certo sospettabile di nulla.

 

toto cuffaro canta bella ciao con una maglietta dell unione sovietica toto cuffaro canta bella ciao con una maglietta dell unione sovietica

Eppure Pizzarotti appena ha sentito il nome di Cuffaro se n’è scappato con Calenda, che nella cuffareide si è preso il ruolo di Javert: «Possibile che Cuffaro possa dichiarare impunemente di controllare 140.000 voti?». Cuffaro l’ha corretto: 140 mila? «Ho detto 250mila». 

 

(...)

E infatti Cuffaro, che ha pure una figlia magistrato al Tribunale di Vibo Valentia, offre i suoi voti solo a chi lo accetta a viso aperto «esponendo il nostro simbolo di Nuova Dc». Ma “il santo è di marmo e non suda” e persino Durigon, il leghista che rivendicò il nome di “Mussolini” ha fatto gli scongiuri pubblici al nome di Cuffaro. E forse perché tutto gli è stato perdonato, ma non la goffaggine, che non è codice di mafia, ma semmai di mezza mafia.

toto cuffaro toto cuffaro

 

C’è il famoso video in cui cita e ricita Martin Luther King «che disse “I am a drink”, io ho un sogno». E chissà se anche la mafia si sente più favoreggiata o più compromessa dal “drink” di Cuffaro, che è quello di non essere più la segreta tentazione di gola di tutti, anche di Tajani e di Lupi: «Vorrei e non vorrei, mi trema un poco il core».

 

Cuffaro vuole essere mangiato senza più vergogna nella friggitoria politica, proprio come l’ambiguo cannolo che ottunde i sensi, e con cui festeggiava l’eccesso dei con-sensi. Non c’è garantismo che possa assolverlo per aver ridotto i cannoli a simbolo della politica collusa: la ricotta come impasto del potere, lo scorzone fritto che, proprio come la beffa mafiosa, è la forza che toglie la forza, “i cosa duci” come oltraggio allo Stato di diritto.

 

toto cuffaro toto cuffaro

«Leave the gun, take cannoli», ordina il Padrino al killer. Persino Camilleri, che ha disinfettato tutte le sicilianerie, usa il cannolo per “corrompere” medici legali e belle signore che si calano a sciaurarlo e poi principiano a sbafarselo talianno dalla finestra il paesaggio di Palermo, che ha un sindaco eletto con i voti di Cuffaro, e che ha inventato e esportato anche la mafia antimafia, il vizio che milita nella virtù (e il primo fu proprio Cuffaro con «la mafia fa schifo»).

TOTO CUFFARO TOTO CUFFARO toto cuffaro toto cuffaro TOTO CUFFARO TOTO CUFFARO toto cuffaro 2 toto cuffaro 2

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA RUOTA DELLA FORTUNA INIZIA A INCEPPARSI PER MARTA FASCINA. CAPITO CHE TAJANI LA CONSIDERA UN DEPUTATO ABUSIVO, LA “VEDOVA” HA CONFIDATO ALL'AMICO MARCELLO DELL’UTRI CHE AL TERMINE DELLA LEGISLATURA NON SI RICANDIDERÀ IN FORZA ITALIA - ‘’MARTA LA MUTA’’, DOPO AVER INNALZATO ALESSANDRO SORTE A COORDINATORE DELLA LOMBARDIA, SE L'E' RITROVATO COINVOLTO (MA NON INDAGATO) NEL CASO TOTI PER I LEGAMI CON DUE DIRIGENTI DI FORZA ITALIA, A LUI FEDELISSIMI, I GEMELLI TESTA, INDAGATI PER MAFIA - C’È POI MEZZA FAMIGLIA BERLUSCONI CHE SOGNA CHE RITORNI PRESTO A FARE I POMODORINI SOTT’OLIO A PORTICI INSIEME AL DI LEI PADRE ORAZIO, UOMO DI FLUIDE VEDUTE CHE AMMINISTRA IL MALLOPPONE DI 100 MILIONI BEN ADDIVANATO NEGLI AGI DOVIZIOSI DI VILLA SAN MARTINO - SI MALIGNA: FINCHÉ C’È MARINA BERLUSCONI CI SARÀ FASCINA. MA LA GENEROSITÀ DELLA PRIMOGENITA, SI SA, NON DURA A LUNGO... (RITRATTONE AL CETRIOLO DI MARTA DA LEGARE)

DAGOREPORT - RINNEGANDO LE SVASTICHELLE TEDESCHE DI AFD, MARINE LE PEN SPERAVA DI NON ESSERE PIU' DISCRIMINATA DAGLI EURO-POTERI: MA CONTRO DI LEI C’È MACRON, CHE LA DETESTA - IL TOYBOY DELL’ELISEO HA LA LEADERSHIP DELL'UNIONE EUROPEA E DARÀ LE CARTE DOPO IL 9 GIUGNO. INSIEME CON SCHOLZ E IL POLACCO TUSK NON VUOLE LE DESTRE TRA LE PALLE: UNA SCHICCHERA SULLE RECCHIE DI GIORGIA MELONI, CHE, CON LA SUA ECR, SARÀ IRRILEVANTE E DOVRA' ACCONTENTARSI, AL PARI DI LE PEN, DI UN COMMISSARIO DI SERIE B – LA FUSIONE A FREDDO TRA GLI “IDENTITARI” DI LE PEN E I “CONSERVATORI” DELLA “SÒLA GIORGIA” POTREBBE AVVENIRE, MA SOLO DOPO LE ELEZIONI EUROPEE. MA TRA LE DUE CI SONO SOLO OPPORTUNISMI