SALVINI, UN RE ZOPPO BLINDATISSIMO (INTANTO ZAIA AFFILA LE LAME) - SORGI: “A PREMERE SULLA PANCIA DELLA LEGA SONO I RISULTATI DEI SONDAGGI CHE CONTINUANO A TENDERE VERSO IL BASSO. MA SOSTITUIRE SALVINI AL VERTICE DEL CARROCCIO NON È AFFATTO UN'OPERAZIONE SEMPLICE. NELL'ATTUALE COMITATO FEDERALE, L'ORGANO DIRIGENTE DEL PARTITO, IL CAPITANO HA, PIÙ CHE LA MAGGIORANZA, UNA QUASI UNANIMITÀ. E QUESTA È LA RAGIONE PER CUI LE FIBRILLAZIONI CONTINUANO, MA TUTTE LE VOLTE CHE IL LEADER HA RIUNITO IL COMITATO È RIUSCITO SEMPRE A METTERLE A TACERE…”

-

Condividi questo articolo


MATTEO SALVINI LUCA ZAIA LORENZO FONTANA MATTEO SALVINI LUCA ZAIA LORENZO FONTANA

Marcello Sorgi per “la Stampa”

 

L'ipotesi di un congresso della Lega che proceda alla sostituzione del segretario si è riaffacciata in occasione di due eventi, uno emotivo e uno politico. Quello emotivo è stata la morte di Maroni, figura simbolica del Carroccio accanto a Bossi per i primi oltre vent' anni di storia del partito, di cui si celebrano oggi a Varese i funerali che Salvini, pur essendo stato in vita Maroni un suo avversario dichiarato, vuol trasformare in una sorta di happening leghista, per riunire tutte le anime interne attorno al feretro del leader più amato dopo il Senatur.

LUCA ZAIA MATTEO SALVINI ATTILIO FONTANA LUCA ZAIA MATTEO SALVINI ATTILIO FONTANA

 

Quello politico è l'uscita del libro del governatore del Veneto Zaia in cui molti hanno letto una sorta di manifesto politico anti-Salvini, anche se l'autore continua a ripetere che non ha alcuna voglia di tornare a cimentarsi nell'agone nazionale e intende dedicarsi a tempo pieno al Veneto fino a fine mandato. Ma Zaia non è l'unico candidato possibile.

zaia salvini zaia salvini

 

A premere sulla pancia della Lega sono i risultati dei sondaggi che continuano a tendere verso il basso, delineando un sorpasso all'indietro sul Terzo Polo di Calenda e Renzi, a fronte di Fratelli d'Italia che con l'approdo di Meloni a Palazzo Chigi ha stabilmente superato il 30 per cento. In altre parole il partito della premier, sia pure nelle rilevazioni, ha quattro volte le dimensioni di quello del Capitano, che continua a calare settimana dopo settimana.

zaia salvini zaia salvini

 

Salvini fin qui ha reagito sostenendo che la Lega sta ancora pagando il conto - carissimo - del sostegno al governo Draghi. E per questo i conti veri andranno fatti a fine legislatura, tra cinque anni, quando gli elettori saranno in grado di giudicare il contributo leghista al ritorno di un governo politico di centrodestra. Va detto che sostituire Salvini al vertice del Carroccio non è affatto un'operazione semplice.

 

Il partito attuale è infatti una specie di "new company" rispetto alla vecchia Lega, rimasta come contenitore dei guai giudiziari e finanziari dell'epoca Bossi. Nell'attuale comitato federale, l'organo dirigente del partito, il Capitano ha, più che la maggioranza, una quasi unanimità. E questa è la ragione per cui le fibrillazioni continuano, ma tutte le volte che il leader ha riunito il Comitato è riuscito sempre a metterle a tacere.

salvini zaia salvini zaia

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - COME MAI I QUOTIDIANI DEGLI ANGELUCCI (“LIBERO” A FIRMA SECHI, “IL GIORNALE” CON MINZOLINI) HANNO SPARATO A PALLE INCATENATE CONTRO LA MELONA, DOPO LA SCONFITTA IN SARDEGNA, BEN EVIDENZIANDO I SUOI ERRORI E LA SUA ARROGANZA? - MAGARI L'ANGELUCCI FAMILY E’ SCONTENTA PER LE PROMESSE NON MANTENUTE DALLA DUCETTA? - O FORSE LE RASSICURAZIONI RICEVUTE, DOPO LA PRESA DEL SECONDO QUOTIDIANO A MILANO, SI SONO RIVELATE ARIA FRITTA? - LA CAUTELA DI SALLUSTI CHE, PER NON IRRITARE LA DUCETTA, HA LASCIATO SCRIVERE L'EDITORIALE A MINZOLINI…

DAGOREPORT - SUSSURRI MILANESI DI TERZO POLO TV: LA7 DI CAIRO, TV8 DI SKY E NOVE DEL GRUPPO WARNER BROS-DISCOVERY STANNO RAGIONANDO SULL’OPPORTUNITÀ DI CREARE UN “CARTELLO” PER ARRIVARE A PALINSESTI “RAGIONATI”, EVITANDO DI FARSI CONCORRENZA NELLE RISPETTIVE SERATE “FORTI” - FABIO FAZIO “PESCE PILOTA” PER PORTARE A NOVE ALTRI TELE-DIVI RAI (L’ARRIVO DEL DESTRISSIMO GIAMPAOLO ROSSI COME AD A VIALE MAZZINI DARÀ L’AVVIO ALLA DIASPORA DEI RANUCCI E COMPAGNI...)

DAGOREPORT! - LA SCONFITTA IN SARDEGNA AVVIA LA RESA DEI CONTI MELONI-SALVINI - DUCETTA-VENDETTA: VUOLE DISARCIONARE IL “CAPITONE” DALLA GUIDA DELLA LEGA, PER AVERE UN CARROCCIO MODERATO A TRAZIONE NORDISTA CON LA “SUPERVISIONE” DI ZAIA, FEDRIGA E GIORGETTI -  MA PER “CONQUISTARE” IL DOGE, TOCCA RISOLVERE LA GRANA DEL TERZO MANDATO: CON UNA LEGGE DI RIORDINO DEGLI ENTI LOCALI: LE REGIONI DECIDERANNO SUL NUMERO DEI MANDATI - LA ''CONCESSIONE'' CHE SI MATERIALIZZERÀ PER ZAIA SOLTANTO DOPO LA DETRONIZZAZIONE DI SALVINI DALLA GUIDA DELLA LEGA. DELLA SERIE: FRIGGERE IL “CAPITONE”, VEDERE CAMMELLO - LA CONTROMOSSA DI SALVINI: CHIEDERE AL CONSIGLIO FEDERALE DELLA LEGA UN MANDATO PER CHIARIRE LO STATO DI SALUTE DELL'ALLENZA PER POI TOGLIERE L'APPOGGIO  AL GOVERNO - QUANDO LA MELONA SI AUTO-DEFINISCE “NANA” VUOLE FAR SAPERE A SALVINI CHE CONOSCE LO SFOTTÒ CHE LUI USA PER SBERTUCCIARLA (“NANA BIONDA”) – ABRUZZO, EFFETTO TODDE: CALA IL VANTAGGIO DEL MELONIANO MARSILIO SUL CANDIDATO DEL CAMPOLARGO, D'AMICO...

DAGOREPORT - LA FESTA APPENA COMINCIATA È GIÀ FINITA? NO: MA LA SARDEGNA SARÀ L’INIZIO DELLA FINE SE LA DUCETTA NON SI FICCA NELLA TESTOLINA CHE LA POLITICA NON È “QUI COMANDO IO!” - GRAZIE A SU POPULU SARDU, IL CENTROSINISTRA UNITO HA PIÙ NUMERI DEL CENTRODESTRA A PEZZI - FINO A IERI, ALLE AVVISAGLIE DI SALVINI DI TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO, LA MELONA GHIGNAVA MINACCIANDO DI RIPORTARE LA “NAZIONE” AL VOTO. E CON LA VITTORIA DI TRUZZU, AVREBBE CAPITALIZZATO LA SUA PREMIERSHIP DA EROE DEI DUE MONDI - CON LA DISFATTA SARDA E SALVINI AL MURO, DOVE VA “IO SO’ GIORGIA E VOI NON SIETE UN CAZZO”? - SENZA IL TERZO MANDATO, ZAIA PRONTO A SCENDERE DAL CARROCCIO E ADERIRE ALLA LIGA VENETA, LA LEGA SI SPACCA. PER LA DUCETTA INIZIANO GIORNI MOLTO, MOLTO DIFFICILI…